skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

La plenaria di marzo 2018 a Strasburgo: scopri l'agenda

Tra i temi in agenda questa settimana: il bilancio dopo il 2020, le future relazioni con il Regno Unito, la tassazione delle aziende, la sicurezza dei giornalisti e uso improprio dei fondi UE in Slovacchia, i dazi USA su acciaio e alluminio. Dibattito sul futuro dell'Europa con il Premier portoghese Costa.

Strasburgo, parlamento europeo. La bandiera a 12 stelle e l'interno dell'edificio. © European Union 2014 - European Parliament
Strasburgo, Parlamento europeo. I deputati saranno riuniti in Plenaria dal 12 al 15 marzo 2018. © European Union 2014 - European Parliament
 .

L’UE dovrebbe promuovere programmi di ricerca e aiutare giovani e piccole imprese, sostengono i deputati nella posizione negoziale del PE sul prossimo bilancio a lungo termine - post 2020 - che sarà discussa martedì e votata mercoledì a Strasburgo.

I deputati discuteranno martedì la loro posizione su un possibile accordo sulle relazioni future UE-Regno Unito. Una risoluzione sarà votata mercoledì, in vista del Vertice UE del 22 e 23 marzo a Bruxelles.

Il Primo ministro del Portogallo, António Costa, sarà il terzo leader dell'UE a discutere il futuro dell'Europa con i deputati. Il dibattito si terrà mercoledì mattina.

A seguito dell'omicidio del giornalista investigativo Ján Kuciak e della sua fidanzata Martina Kušnírová, i deputati dibatteranno mercoledì pomeriggio l'incolumità dei giornalisti in Slovacchia e nell'UE.

Il Parlamento discuterà mercoledì con il Commissario europeo per il commercio, Cecilia Malmström, la risposta dell’UE ai dazi addizionali statunitensi sulle importazioni di acciaio e alluminio.

Nel tentativo di prevenire che le imprese spostino la propria base imponibile in giurisdizioni nazionali a bassa tassazione, i deputati voteranno giovedì una revisione del sistema fiscale societario dell'UE.

 

Dossier con relatori italiani

Lunedì pomeriggio il dibattito su "Uguaglianza di genere negli accordi commerciali dell'UE". Relatori: Eleonora Forenza e Malin Bjork. Si discute anche il testo di Michela Giuffrida sulle misure per sostenere le Regioni UE in ritardo di sviluppo. La plenaria voterà entrambe le relazioni martedì.

Martedì i deputati discuteranno la relazione di Daniele Viotti sugli Orientamenti per il bilancio 2019 (sezione III), al voto giovedì.

Mercoledì mattina si vota la relazione di Roberto Gualtieri sull'elezione del nuovo vicepresidente della Banca Centrale Europea. Nel pomeriggio, si discute la relazione di Silvia Costa sul Programma Europa creativa per il periodo 2014-2020, che sarà votata giovedì.

Giovedì il Parlamento voterà anche la relazione di Giovanni La Via sul trasferimento da Londra ad Amsterdam dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA).

 

Altri argomenti all'ordine del giorno

I deputati discuteranno lunedì pomeriggio la politica di integrità dell’Esecutivo UE, in seguito alla nomina del funzionario tedesco Martin Selmayr alla carica di Segretario generale.

In un dibattito che si terrà lunedì, i deputati dovrebbero chiedere agli Stati membri che ancora non hanno ratificato la Convenzione del Consiglio d'Europa di Istanbul di farlo al più presto.

Nel dibattito di martedì con il Capo della politica estera dell’UE, Federica Mogherini, i deputati dovrebbero chiedere al regime di Assad e a i suoi alleati lo stop dei bombardamenti sui civili a Ghouta, rispettando la risoluzione del Consiglio di sicurezza ONU su “il cessate il fuoco” e consentendo gli aiuti umanitari.

Secondo le norme in votazione martedì, i consumatori e le imprese potranno comparare i diversi prezzi di spedizione di un pacco da o verso un altro Paese dell'UE.

I deputati discuteranno giovedì nuove misure per promuovere la coesione tra le regioni UE. Tali azioni devono restare prioritarie ed essere adeguatamente finanziate, nonostante le pressioni sul bilancio UE.

 

Articolo pubblicato venerdì 9 marzo 2018