skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

LUX Film Days 2015 - Le giornate del cinema europeo in Italia

Dopo le proiezioni a Roma, i LUX Film Days fanno tappa a Venezia, Torino, Bologna e Milano, dove saranno proiettati i tre film finalisti del Premio LUX 2015: "Mediterranea" di Jonas Carpignano, "Mustang" della regista Deniz Gamze Ergüven, "Urok (The Lesson - Scuola di vita)" della coppia Kristina Grozeva & Petar Valchanov. I LUX Days sono un'esperienza culturale unica che crea, da ottobre a dicembre, uno spazio comune in cui gli amanti del cinema europeo possono vedere, in luoghi diversi nei 28 Stati membri e nelle 24 lingue ufficiali dell'Unione, i 3 film finalisti del Premio LUX.

Il trofeo del Premio LUX - © European Union 2013 - European Parliament
© European Union 2013 - European Parliament

Con i film finalisti del Premio LUX 2015 il Parlamento europeo vi invita a esplorare tre realtà diverse e d'attualità. Con "Mediterranea" vivrete il viaggio di due uomini che lasciano l'Africa per cercare una vita migliore nel nostro continente; la realtà di un paese pieno di contrasti (la Turchia) e la dimensione della donna nelle società tradizionali sono narrate in "Mustang"; la difesa di ideali e valori morali in un contesto di difficoltà economica, nella vita della protagonista di "Urok" (The Lesson - Scuola di vita).  

Mediterranea, di Jonas Carpignano, racconta il viaggio di due uomini che, dal Burkina Faso, arrivano in Italia. Ayiva ha recentemente lasciato la sua casa nella capitale Ouagadougu in cerca di un modo per provvedere a sua sorella e sua figlia. Attraversa il deserto e resiste agli attacchi dei predoni per arrivare in Libia e uscire dal paese insieme al suo migliore amico Abas, per arrivare sulle coste siciliane a bordo di un'imbarcazione fatiscente. Ayiva si adatta alla vita in Italia. Lui che viene da una "terra di uomini liberi e coraggiosi" - come ama ripetere - si ritrova trattato come uno schiavo, forzato a raccogliere arance a un ritmo inumano e per un salario da fame, in Calabria. La tensione si alza fino a quando un crimine locale scatena la "caccia all'immigrato". Il film trae spunto dai fatti realmente accaduti a Rosarno nel 2010.

Deniz Gamze Ergüven, la regista di Mustang, ci porta in un paesino del nord della Turchia. Siamo all'inizio dell'estate; Lale e le sue quattro sorelle rientrano a casa dalla scuola e giocano in modo innocente insieme a dei ragazzi. Ma l'"immoralità" del loro gioco accende uno scandalo con conseguenze inaspettate. La casa familiare si trasforma in una prigione, la scuola è rimpiazzata con l'istruzione domestica, e si prendono i primi accordi per futuri matrimoni. Le cinque sorelle, accomunate dalla passione per la libertà, trovano modi diversi per aggirare gli obblighi loro imposti. La vicenda è narrata attraverso gli occhi e la voce fuori campo della ribelle e irriverente Lale, la più giovane delle cinque sorelle. In questo modo la regista istilla nel suo film un redimente senso dell'humour, un'energia adamantina, un ottimismo solare, che riescono a compensare gli elementi più cupi della storia.

Con Kristina Grozeva e Petar Valchanovk andiamo in una piccola città bulgara. Nel loro film Urok (The Lesson) seguiamo la vicenda di Nadezhda (Nadia), insegnante severa, esigente e imparziale, che cerca di scoprire quale tra i suoi studenti è l'autore di un piccolo furto, per potergli - o poterle - insegnare a distinguere cosa è giusto da cosa è sbagliato. La vita di Nadia non ha nulla di straordinario, i suoi giorni scorrono l'uno uguale all'altro. Fin quando non si troverà a essere vittima di usura, cercando di salvare disperatamente il futuro della sua famiglia. Potrà trovare da sola una via d'uscita? E cosa fa di una persona perbene un criminale?

Per sapere di più sul Premio LUX e sulle proiezioni dei tre film in concorso nei 28 Stati membri dell'UE, vi rimandiamo al sito del LUX Prize (link a destra).

 

Le proiezioni di Bologna, Milano, Torino e Venezia

 .

Vi informiamo che le proiezioni del film finalisti per il Premio LUX del Parlamento europeo sono gratuite.
I film possono inoltre essere votati per assegnare la menzione speciale del pubblico.

Buona visione e buon LUX a tutti!

 

Il Premio LUX

La cultura riveste un ruolo fondamentale nella costruzione delle nostre società. Consente una migliore comprensione reciproca e ci aiuta a rispettare la diversità accomunandoci.
Il cinema è lo specchio della società odierna e spesso della società futura: racconta storie, talvolta le nostre storie. Il film ci ricorda persone, luoghi, avvenimenti e momenti della nostra vita. Ci commuove e ci ispira, ampliando i nostri orizzonti. Arricchisce il dibattito e talvolta lo crea.

È per questo motivo che nel 2007 il Parlamento europeo ha lanciato il Premio LUX per il cinema, con l'intento di migliorare la distribuzione dei film in tutta Europa stimolando la riflessione e il dibattito su scala europea. Il Premio persegue due obiettivi principali: in primo luogo, focalizzare il dibattito pubblico sull'Unione europea e le sue politiche e, in secondo luogo, sostenere la circolazione di (co)produzioni europee all'interno dell'Unione.

3 film, 24 lingue, 28 paesi

L'iniziativa del Parlamento europeo è unica perché crea una piattaforma di condivisione sui temi sollevati dai film e consente ai cittadini di guardare i film nella propria lingua. In generale infatti sono pochissimi i film europei che possono superare le barriere linguistiche e raggiungere il pubblico voluto su così ampia scala.

Il Parlamento europeo è attivamente impegnato a promuovere la diversità culturale e linguistica. I suoi poteri legislativi gli conferiscono un ruolo cruciale nella definizione delle politiche dell'Unione europea che incidono sulla vita quotidiana di 500 milioni di cittadini. Le sue competenze abbracciano questioni chiave come l'immigrazione, l'integrazione, la povertà, la libertà di espressione, i diritti della donna e altro ancora.

Il Premio LUX è un modo innovativo di comunicare con approcci diversi su questi importanti settori della politica europea e di sostenere la diversità culturale e linguistica con un'iniziativa concreta.

Con questo premio il PE promuove la distribuzione dei 3 film finalisti sottotitolandoli nelle 24 lingue ufficiali e fornendoli in formato digitale (DCP) a ciascun paese.

Menzione speciale del pubblico

I LUX Film Days sono un'esperienza culturale unica che supera i confini e che crea, da ottobre a dicembre, uno spazio pubblico unico in cui gli amanti del cinema europeo possono vedere, in luoghi diversi nei 28 Stati membri e nelle 24 lingue ufficiali europee, i 3 film finalisti del Premio LUX.

Ma soprattutto il pubblico è invitato a esprimere e confrontare le proprie opinioni attraverso dibattiti e sui media sociali, nonché a votare per il film favorito sul sito www.luxprize.eu o sulla pagina Facebook del LUX Film Prize, assegnando una "Menzione speciale del pubblico".

Vi aspettiamo dunque per vedere e votare i tre finalisti. Per le proiezioni a Roma consultate il programma tra i link a destra.