skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Meno seggi al Parlamento europeo dopo l'uscita del Regno Unito

Con l'uscita del Regno Unito dall'Unione europea, il Parlamento propone la riduzione del numero dei deputati da 751 a 705 e la ridistribuzione di una parte dei seggi lasciati liberi. Una quota resterebbe invece a disposizione per ulteriori allargamenti dell'UE.

I deputati hanno approvato la proposta di ridurre il numero dei seggi al Parlamento europeo dagli attuali 751 a 705, in vista delle elezioni europee del 2019.

Se il Regno Unito uscirà dall’Unione, si libereranno 73 seggi. Di questi, 46 potranno essere messi in riserva per nuovi paesi che raggiungano l’UE mentre 27 saranno ripartiti tra 14 altri paesi membri al momento leggermente sottorappresentati. Secondo la proposta per l'assegnazione dei seggi, l'Italia passerebbe da 73 a 76 deputati.

La proposta è stata approvata dalla Plenaria con 431 voti favorevoli, 182 contrari e 61 astensioni: sarà sottoposta al Consiglio europeo per una decisione unanime, e poi rinviata al Parlamento per il voto finale.

Continua la lettura dell'articolo
 

Pubblicato il 7 febbraio 2018