skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
25/03/2015

Mercoledì 25 marzo il Parlamento riunito in plenaria a Bruxelles

Una (mini) sessione plenaria avrà luogo mercoledì 25 marzo a Bruxelles. In programma il dibattito sulle conclusioni del Consiglio europeo di marzo, l'aiuto finanziario all'Ucraina, il pacchetto sulla trasparenza fiscale e il razzismo nei confronti del popolo Rom. All'ordine del giorno è stata aggiunta la discussione con Federica Mogherini sull'attentato della scorsa settimana a Tunisi. La plenaria si aprirà con un minuto di silenzio per le vittime dell'incidente aereo di ieri sulle Alpi francesi. Segui la diretta streaming dalle ore 15.

La plenaria di Bruxelles
La plenaria di Bruxelles

Mercoledì alle ore 15, i risultati del Consiglio del 19 e 20 marzo su unione energetica, partenariato orientale dell'Unione europea, Ucraina e futuro della zona euro, saranno discussi con il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, e il presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker.

Si discuterà e voterà per la possibile assegnazione di 1,8 miliardi di euro all'Ucraina, a titolo di aiuto macro finanziario dell'UE a medio termine, in vista della stabilizzazione economica e politica, e della messa in opera di riforme nel paese.

I deputati discuteranno con il commissario alla tassazione Pierre Moscovici e con la Presidenza lettone del Consiglio il "Pacchetto sulla trasparenza fiscale" (ore 17). Questo progetto di legge, presentato il 18 marzo, obbligherebbe gli Stati membri a scambiare automaticamente informazioni sulle decisioni fiscali nazionali.

L’attentato della settimana scorsa al Museo del Bardo di Tunisi, che ha provocato la morte di oltre 20 persone, tra le quali turisti italiani, europei e un cittadino tunisino, sarà discusso on il capo della politica estera dell'Unione europea Federica Mogherini. L'attacco, rivendicato dal cosiddetto Stato islamico, è stato il più mortale nel paese dal 2011, anno della rivolta che ha portato al rovesciamento del dittatore di lunga data Zine al-Abidine Ben Ali.

La discriminazione e l'esclusione sociale dei rom e i reati di odio e incitamento all'odio contro di loro saranno discussi mercoledì sera con Consiglio e Commissione, in vista della Giornata internazionale dei rom dell'8 aprile. Diversi deputati dovrebbero invitare l'Unione europea a istituire il 2 agosto come Giornata in commemorazione del genocidio dei rom avvenuto durante la Seconda guerra mondiale. Una risoluzione sarà poi votata nel corso della sessione plenaria di aprile a Strasburgo.