skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Partenariato transatlantico UE-USA: se ne è parlato a Napoli

Il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti - conosciuto l'acronimo inglese TTIP - è un controverso accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziato tra UE e Stati Uniti. Il 30 novembre 2015 a Napoli si è svolto il secondo incontro informativo promosso dall'EPIO in Italia.

Napoli, Castel dell'Ovo
Napoli, Castel dell'Ovo

Il Partenariato transatlantico per il commercio e gli investimenti (acronimo inglese TTIP), inizialmente definito "Zona di libero scambio transatlantica" (TAFTA), è un accordo commerciale di libero scambio in corso di negoziato dal 2013 tra l'Unione europea e gli Stati Uniti d'America.

L’obiettivo proposto è quello di integrare i due mercati, riducendo i dazi doganali e rimuovendo in una vasta gamma di settori le barriere non tariffarie, ossia le differenze in regolamenti tecnici, norme e procedure di omologazione, standard applicati ai prodotti, regole sanitarie. Ciò renderebbe possibile la libera circolazione delle merci, faciliterebbe il flusso degli investimenti e l'accesso ai rispettivi mercati dei servizi e degli appalti pubblici.

In un'ottica strategica di approfondimento delle relazioni transatlantiche tra UE e USA, visto l'accresciuto ruolo del Parlamento europeo in materia dopo l'entrata in vigore del Trattato di Lisbona e tenuto conto delle elezioni presidenziali americane 2016, l'Ufficio del Parlamento europeo in Italia ha organizzato con grande successo di pubblico un secondo evento sul TTIP, a Napoli il 30 novembre 2015, presso il Centro Congressi dell'Università Federico II.

Napoli, momento di Q&A in plenaria
Napoli, momento di Q&A in sessione plenaria

L'evento, denominato "TTIPxTe? Parliamone!", è stato organizzato dall'Ufficio d'Informazione del Parlamento europeo in Italia, in collaborazione con la Rappresentanza della Commissione europea in Italia e con il supporto dell’Associazione Italia-Camp, di Europe Direct CEICC Comune di Napoli e dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.

La giornata ha visto la partecipazione di una vasta gamma della società civile: studenti, professori universitari, associazioni, sindacati, esponenti dei settori commerciale e industriale, avvocati, giornalisti, istituzioni.

L'incontro ha avuto l’obiettivo di informare l’opinione pubblica sui contenuti dell’accordo e facilitare un confronto costruttivo tra i principali stakeholder attivi nei settori regolamentati dal TTIP, mettendoli in relazione diretta con alcuni degli eurodeputati italiani cui spetterà il voto sul testo finale.

Dopo un una riunione introduttiva per illustrare ai partecipanti il metodo di lavoro, si è proceduto alla suddivisione nei tre tavoli tematici, che hanno visto la partecipazione attiva di tutti gli intervenuti. Gli ambiti della discussione sono stati: Ambiente e agricoltura, Produzione industriale e tutela del lavoro, Soluzione delle controversie.

All'evento moderato da Carmine Festa, capo redattore centrale del Corriere del Mezzogiorno, sono intervenute a rappresentare le diverse posizioni al Parlamento europeo le deputate Tiziana Beghin (EFDD) ed Eleonora Forenza (GUE/NGL). La presenza di un negoziatore della Commissione europea per l'accordo, Luca De Carli, ha contribuito ad arricchire il confronto, approfondendo in modo più tecnico i quesiti posti dal pubblico durante il Question-Time.

Il dibattito ha offerto interessanti spunti di riflessione a tutti i partecipanti e ha favorito un confronto costruttivo sui diversi aspetti del Trattato.

 
Un incontro che ha l'obiettivo di informare l’opinione pubblica sui contenuti del TTIP e facilitare un confronto costruttivo tra i principali stakeholder attivi nei settori regolamentati dall'accordo, mettendoli in relazione diretta con alcuni degli eurodeputati italiani a cui spetterà l’onere e l’onore di votare il testo finale. Dopo l'appuntamento del 9 maggio a Firenze, secondo appuntamento dunque a Napoli, il 30 novembre 2015. Per partecipare è necessario registrarsi.
 

Pubblicato il 4 dicembre 2015