skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Plenaria di febbraio 2017 a Strasburgo: questi i temi in agenda

Si vota su limiti ai gas serra, revisione delle norme per i pesticidi a basso rischio, protezione informatori, accordo CETA, norme anti-terrorismo e sicurezza. Si discute del piano salva-Grecia. Ospiti il Presidente austriaco e il premier canadese. Dibattito con Mogherini su Israele.

Il neoeletto Presidente austriaco, Alexander Van der Bellen, si rivolgerà ai deputati in seduta solenne martedì a mezzogiorno. Si tratta del suo primo viaggio ufficiale all'estero.

I deputati discuteranno martedì il piano di salvataggio greco di 86 miliardi di euro e le tensioni fra il più grande debitore europeo e i suoi creditori, per tentare di superare le divergenze riguardo le politiche di bilancio e le riforme di Atene.

Una riforma del sistema di scambio delle quote di emissioni di carbonio dell'UE (ETS), che ha l’obiettivo di rafforzare i limiti alle emissioni di gas serra, sarà votata martedì. A tale scopo, i deputati propongono di ridurre ogni anno del 2,4% il numero dei "crediti di carbonio" (quote di emissione) disponibili sul mercato per farne aumentare il prezzo, e di raddoppiare la capacità della “riserva di mercato” di assorbire le quote in eccesso.

I pesticidi biologici a basso rischio, che potrebbero sostituire quelli a rischio per l'ambiente e la salute umana, non possono ancora essere pienamente utilizzati nell’UE a causa delle modalità di certificazione troppo lente e complesse. Lunedì, i deputati inviteranno la Commissione a proporre una revisione delle norme. Una risoluzione sarà posta in votazione martedì.

Nel progetto di risoluzione che sarà discusso lunedì e votato martedì, i deputati sollecitano un "programma europeo di protezione efficace e completo per gli informatori", volto a proteggere gli interessi finanziari dell'UE. Tale programma dovrebbe essere proposto "immediatamente" dalla Commissione.

Le prospettive di ripresa dei colloqui di pace in Medio Oriente saranno discusse martedì pomeriggio con il Capo della politica estera dell'UE, Federica Mogherini. Nel corso del dibattito, si discuterà probabilmente della recente decisione del governo israeliano di costruire 3.000 nuove case in Cisgiordania e il cosiddetto "Regulation Bill" che, per effetto retroattivo, "legalizzerebbe" diverse migliaia di insediamenti costruiti illegalmente su terreni privati palestinesi.

Il Parlamento europeo discuterà e voterà mercoledì l’accordo economico e commerciale globale UE-Canada (CETA). Questo accordo, che si prefigge di aumentare i flussi di beni e di servizi commerciali e di investimento, non può entrare in vigore senza l'approvazione dei deputati europei.

Il Primo ministro canadese Justin Trudeau terrà un discorso formale ai deputati in Aula sulle relazioni UE-Canada giovedì intorno alle 11.00. Si tratta di una prima assoluta di un Primo ministro canadese al Parlamento europeo.

Per contrastare la crescente minaccia dei "combattenti stranieri" che viaggiano da e verso zone di conflitto a fini terroristici e dei "lupi solitari" che pianificano attacchi individuali, le nuove norme UE anti-terrorismo che saranno votate giovedì criminalizzeranno, ad esempio, la preparazione di atti di terrorismo.

Il progetto di regolamento che sarà votato giovedì prevede che tutti i cittadini comunitari e di Paesi terzi che entrano o escono dall'UE debbano essere controllati con l’ausilio di database, ad esempio quelli relativi ai documenti smarriti o rubati.
  
Per migliorare la capacità di azione dell'UE, ristabilire la fiducia dei cittadini e rendere l'economia della zona euro più resistente agli shock esterni, l'UE ha bisogno, in primo luogo, di utilizzare pienamente il trattato di Lisbona e poi, eventualmente, di una riforma che consenta allo stesso trattato maggiore efficacia. Questo il messaggio principale di tre risoluzioni sullo sviluppo futuro dell'Unione europea, che saranno poste in votazione giovedì.

Sono necessarie norme UE nel campo della robotica, un settore in rapida evoluzione, ad esempio per far rispettare standard etici o per stabilire la responsabilità civile in caso di incidenti che coinvolgono un’auto senza conducente. Un progetto di risoluzione sarà discusso mercoledì e votato giovedì.

 

Articolo pubblicato il 13 febbraio 2017