skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Plenaria di giugno 2017 a Strasburgo: scopri i temi in agenda

Cambiamento climatico, etichette energetiche per elettrodomestici, 30 anni di Erasmus, divario pensionistico di genere, Capitali europee della cultura, glifosato, Europa digitale, Fondo europeo per gli investimenti, priorità in vista del Consiglio europeo: ecco i temi principali di questa plenaria.

Il Parlamento europeo celebrerà il programma Erasmus+, che per 30 anni ha aiutato più di nove milioni di persone a studiare, lavorare o fare volontariato all’estero. Martedì, i Presidenti di Parlamento e Commissione, Tajani e Juncker, presiederanno una cerimonia di premiazione nell’emiciclo per 33 partecipanti al progetto Erasmus, uno per ogni Paese coinvolto.

Per indicare il livello di consumo energetico, gli elettrodomestici saranno etichettati seguendo una scala che va da A a G, piuttosto che A+/A++/A+++ come attualmente. Martedì i deputati discuteranno e voteranno un accordo con il Consiglio.

L’elenco dei Paesi che ospiteranno le Capitali europee della cultura sarà deciso dal Parlamento martedì. Matera sarà la prossima città italiana Capitale europea della cultura nel 2019. Secondo il calendario che sarà approvato, l’Italia ne ospiterà un’altra nel 2033.

Martedì i deputati chiederanno alla Commissione di spiegare se intende investigare sulle accuse di indebito condizionamento della Monsanto riguardo all’approvazione nell’UE della sostanza erbicida glifosato.

Mercoledì sarà discussa la decisione del Presidente americano Trump di ritirarsi dall’accordo di Parigi sul cambiamento climatico. Il Parlamento voterà altresì i nuovi obiettivi nazionali di riduzione delle emissioni per il 2030.

La diseguaglianza di genere nel lavoro e nei salari deve essere affrontata meglio, anche al fine di prevenire il divario pensionistico, che nell’UE sfiora il 40%. I deputati ne discuteranno lunedì e voteranno mercoledì una serie di proposte.

Nel dibattito di mercoledì alle ore 9.00 con il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, e con la Presidenza maltese del Consiglio, i deputati discuteranno i temi - quali l’immigrazione, la sicurezza e la difesa - che saranno affrontati dal Consiglio europeo del 22 e 23 giugno 2017. Anche i negoziati sulla Brexit dovrebbero far parte di questo dibattito.

In due risoluzioni non vincolanti che saranno discusse mercoledì e votate giovedì, i deputati affronteranno le problematiche che riguardano la “sharing economy”, ovvero l’economia “collaborativa”, tra cui la concorrenza, i diritti dei lavoratori e le norme fiscali, e il ruolo delle piattaforme online nella lotta contro la diffusione delle fake news.

In una risoluzione al voto giovedì, i deputati affermano che il Piano d'investimento comunitario dovrebbe funzionare meglio per le regioni più deboli dell'UE e concentrarsi maggiormente su investimenti più rischiosi orientati al futuro, che altrimenti non sarebbero realizzabili.

 

Articolo pubblicato venerdì 9 giugno 2017