skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Plenaria di settembre 2016 a Strasburgo: ecco i temi all'ordine del giorno

Stato dell’Unione, valutazione del candidato commissario britannico, “caso” Apple, prima relazione della commissione d'inchiesta sulle emissioni, Stato di diritto e diritti fondamentali in Polonia, bilancio UE 2017 e tagli proposti dal Consiglio, reinsediamento di rifugiati, documento di viaggio europeo per il rimpatrio di cittadini di Paesi terzi, sviluppi in Turchia a seguito al fallito colpo di Stato: questi i temi principali della Plenaria che si svolgerà dal 12 al 15 settembre 2016 a Strasburgo. I lavori del Parlamento europeo sono trasmessi in diretta streaming.

Immangine della Plenaria in attesa della discussione zoom microfono - © European Union 2014 - European Parliament
© European Union 2014 - European Parliament

Il Presidente della Commissione europea, Jean-Claude Juncker terrà l’annuale discorso sullo “Stato dell’Unione europea” (SOTEU) al Parlamento europeo mercoledì mattina, due giorni prima del Vertice informale di Bratislava dei 27 Capi di Stato e di governo - senza il Regno Unito. L’intervento sarà seguito da un dibattito fra lo stesso Juncker e i leader dei gruppi politici

Il Parlamento valuterà se il candidato del Regno Unito, Sir Julian King, è adatto per il posto di commissario alla sicurezza dell'Unione. La commissione per le libertà civili terrà lunedì sera un'audizione pubblica con il candidato. In base alla raccomandazione della commissione, la Conferenza dei Presidenti (il Presidente del Parlamento europeo e i leader dei gruppi politici) deciderà se dichiarare conclusa la procedura di audizione. L’intero Parlamento dovrà poi votare la candidatura giovedì.

La relazione di medio termine della commissione d'inchiesta sulle misurazioni delle emissioni nel settore automobilistico (EMIS), che sta indagando sulle possibili violazioni delle norme comunitarie in materia, sarà discussa e posta in votazione martedì. La commissione, istituita in risposta alle rivelazioni sull’utilizzo di dispositivi truccati per ridurre le emissioni inquinanti durante i test ufficiali sulle auto, dovrebbe concludere il suo lavoro entro la primavera 2017.

I deputati valuteranno, martedì pomeriggio in un dibattito, i recenti sviluppi in Polonia e il loro impatto sui diritti fondamentali. Una risoluzione non vincolante sarà posta in votazione mercoledì. Il dibattito seguirà le dichiarazioni di Consiglio e Commissione.

Nell’ambito della procedura annuale di bilancio, il Consiglio presenterà martedì la propria posizione sul progetto di bilancio dell’Unione europea per il 2017. I tagli al bilancio proposti dal Consiglio, pari a 1,28 miliardi di euro in impegni (-0,81%) e 1,1 miliardi di euro in pagamenti (-0,82%) sono stati criticati il 31 agosto dai membri della commissione per i bilanci, soprattutto in considerazione della necessità di affrontare la crisi dei rifugiati e la lenta crescita economica.

I recenti sviluppi in Turchia in seguito al fallito tentativo di colpo di Stato dello scorso luglio, e la questione del rispetto dello Stato di diritto, dei diritti umani e della presenza militare della Turchia in Siria, sarà discussa martedì dai deputati con il capo della politica estera dell'UE Federica Mogherini.

La conclusione della Commissione europea in base alla quale l'Irlanda ha concesso ad Apple Inc. benefici fiscali illegali, che - per molti anni - le hanno consentito di versare molte meno tasse rispetto alle altre imprese, sarà discussa in plenaria mercoledì alle 15.00, in presenza del commissario alla concorrenza Margrethe Vestager.

Il Parlamento voterà mercoledì sulla proposta di utilizzare i 54.000 posti destinati originariamente alla ricollocazione di richiedenti asilo da Grecia e Italia in altri Stati membri dell'UE, per il reinsediamento dei rifugiati siriani dalla Turchia all’UE. La commissione per le libertà civili si è detta contraria, sottolineando che il regime di ricollocazione intra-UE non deve essere confuso con quello di reinsediamento, che coinvolge invece un paese non UE.

Le misure per l’introduzione di un documento europeo standard che dovrebbe accelerare le procedure di rimpatrio di cittadini non UE che soggiornano irregolarmente negli Stati membri e sono senza un documento d’identità valido, saranno discusse mercoledì e poste in votazione giovedì. I deputati sottolineano che molti Paesi EU devono affrontare gravi difficoltà per rimpatriare tali persone nei loro Paesi d'origine in modo sicuro e legale.

 

Articolo pubblicato il 9 settembre 2016