skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Premio LUX: consegna dei premi e seminario per la stampa

Il Presidente del PE, Antonio Tajani, premierà stamattina il vincitore dell'11ma edizione del LUX Prize che, dal 2007, valorizza e sostiene il cinema europeo di qualità. I contendenti sono: "120 battements par minute", "Sami Blood" e "Western". A seguire un seminario per la stampa specializzata.

Sami Blood (Sangue Sami) di Amanda Kernell, Western di Valeska Grisebach e 120 Battements par minutes (120 battiti al minuto) di Robert Campillo, sono i film finalisti dell'edizione 2017 del LUX Film Prize.

Il Presidente del PE, Antonio Tajani, consegnerà il premio al regista e al produttore del film vincitore. La cerimonia in Plenaria dalle ore 11.50 alle 12.30 sarà trasmetta in diretta streaming.

La cerimonia di premiazione è parte di un programma di eventi più vasto. Innanzitutto il LUX Film Days, le giornate del cinema europeo, che portano nelle sale di tutta Europa da ottobre a dicembre 2017 le tre pellicole selezionate per la competizione.

Dopo la cerimonia un seminario per la stampa riunirà giornalisti specializzati, professionisti e rappresentanti del Parlamento europeo.

 

Seminario per la stampa

Apriranno i lavori del seminario Ioannis Darmis, direttore f.f. per i Media e Capo dell’Unità Servizi per i Media del Parlamento europeo, Evelyne Gebhardt, Vicepresidente del PE, Petra Kammerevert, Presidente della commissione Cultura ed educazione del PE e, con un intervento sul supporto allo sviluppo delle industrie creative in Europa, Mariya Gabriel, Commissaria per Economia e società digitali.

Il primo panel, dal titolo ACTION!, vuole evidenziare la capacità del cinema di attivarsi per la difesa dei valori, di aumentare la consapevolezza su alcune tematiche, di sostenere campagne legislative e azioni, di essere mezzo di diplomazia culturale. Che sono poi i principi che il Premio LUX sostiene da 11 anni.
A discuterne saranno Valeska Grisebach, regista di Western, Philippe Mangeot, co-autore di BPM e presidente dell’associazione “Act Up" (1997-1999), Silvia Costa e Bogdan Wenta, membri della commissione Cultura del PE.

Il secondo panel tenterà di approfondire tematiche molto specifiche. Ci si concentrerà infatti sull’evoluzione digitale del broadcasting, così come sullo sviluppo dei servizi on-demand, l’esclusività territoriale e gli incentivi del mercato per il cinema, e si discuterà di come preservare la diversità culturale, la crescita dell’industria e le scelte dei consumatori europei. Partecipano Angelika Niebler, membro della commissione Industria ricerca ed energia del PE, Marie-Ange Luciani, produttrice di BPM, Cécile Despringre, direttore esecutivo della Società degli Autori audiovisivi (SAA) e Benoît Ginisty, responsabile della Federazione internazionale delle Associazioni di produttori cinematografici (FIAPF).

I panel saranno moderati dalla coordinatrice del LUX Prize, Doris Pack.

 

Pubblicato il 14 novembre 2017