skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
10/04/2015

RegionEuropa - Domenica 12 aprile 2015, ore 11.30 su Rai 3

RegionEuropa è l'appuntamento della testata regionale della Rai curato da Dario Carella e dedicato ai temi dell'attualità europea. I territori locali italiani e le loro istituzioni di prossimità a confronto con quelle dell'UE, dalla Commissione al Parlamento europeo al Comitato delle Regioni, secondo quel principio di sussidiarietà che è uno dei pilastri della costituzione materiale dell'Unione e del Trattato interistituzionale in vigore.

Banner di RegionEuropaBanner con il logo della Trasmissione con  sullo sfondo delle finestre adornate di fiori
Banner di RegionEuropa

La fine del segreto bancario in Europa entro il 2017, il piano Junker visto dal Movimento 5 Stelle e la radiografia di una ricerca realizzata da Nomisma sul settore dell’ortofrutta italiano a confronto con quello europeo, sono i temi al centro della puntata di domenica 12 aprile di RegionEuropa, il settimanale europeo della Tgr a cura di Dario Carella,in onda su Rai Tre dalle 11,30 a mezzogiorno.

Il gruppo dei 5 Stelle al Parlamento europeo è il secondo raggruppamento politico italiano per numero di eletti e – spiega a RegionEuropa l’eurodeputato Marco Valli - contesta al piano Junker un’impostazione troppo generica, rispetto all’obiettivo dichiarato di rilanciare la crescita e l’occupazione, a partire dalla dotazione finanziaria troppo esigua, ovvero circa 8 miliardi di euro annuali per ciascuno dei 28 stati dell’Unione. Inoltre – sottolinea Valli - parte dei fondi europei che alimenteranno il piano Junker sono stati sottratti ai programmi di ricerca scientifica e sviluppo compresi in Horizon 2020, e ciò non porterà beneficio a quei paesi, come l’Italia, già deficitari in questi campi: “Meglio sarebbe stato, secondo l’europarlamentare 5 Stelle, ricorrere invece a una parte dei finanziamenti previsti per i paesi di futura adesione, visto che per la durata del mandato della Commissione Junker, ovvero sino al 2019, non sono previsti nuovi ingressi nell’UE".

Del piano europeo per la crescita e dei finanziamenti previsti per le regioni ed i territori del mezzogiorno italiano si occupa quindi da Bruxelles Dario Carella, con la cronaca della riunione a cui ha partecipato il Vice Presidente della BEI Marco Scannapieco insieme ai rappresentanti degli enti locali. A parere di Scannapieco occoreranno non solo progetti efficaci dal punto di vista della realizzabilità in tempi certi e definiti ma anche senza lunghe filiere burocratiche che, in alcuni casi, potrebbero persino duplicare le funzioni della Banca Europea degli Investimenti, vero polmone finanziario del Piano, nel merito del quale RegionEuropa propone anche l’opinione di Antonio Preto, docente all’Università di Bologna e Commissario dell’AgCom.

Della radiografia del settore ortofrutticolo in Italia a confronto con il global europeo si occupa il servizio di Antonio Silvestri, che esamina una ricerca effettuata da Nomisma, da cui si evince che il settore in Italia è frammentato e poco organizzato. La ricerca di Nomisma evidenzia come il comparto rappresenti quasi il 25% del valore totale della produzione agricola nazionale ma sia composto di strutture troppo piccole rispetto ai Paesi concorrenti come ad esempio la Spagna, e da strutture che fanno poco “sistema paese”.

“Eppure i numeri complessivi per essere leader ci sono – spiega in una intervista Ambrogio De Ponti, Presidente di Unaproa, l’Organizzazione di produttori che ha commissionato la ricerca – ma è necessario liberarsi di regole e vincoli burocratici che frenano la competitività” e l’europarlamentare Paolo De Castro, coordinatore della Commissione istituita dal Parlamento Europeo per l’Expo di Milano, dice che “non basta la qualità ma è necessaria maggiore capacità organizzativa, che è una delle carte di cui è dotata la Spagna, che beneficia anche di un volume di esportazioni nettamente superiore a quello del nostro paese”.

In conclusione della puntata, Matteo Lazzarini, euro progettista e segretario della Camera di Commercio Belgo Italiana, racconta in che modo si può diventare virtuosi a livello locale nella spesa dei fondi europei e Antonio Silvestri, nell’appuntamento di “Opportunità Europa” dà conto degli ultimi bandi e concorsi offerti da Bruxelles , con il contributo del centro Europe Direct Emilia.

RegionEuropa è in diretta streaming sui siti www.regioneuropa.rai.it e www.regioneuropa.blog.rai.it a cura di Claudio Lanza, e www.tgr.rai.it a cura di Mario Fatello, ed è sottotitolata per i non udenti alla pagina 777 di Televideo. Regioneuropa è anche su twitter @tgrregioneuropa.