skip to content
 
 
 

Riconoscere i diritti dei lavoratori domestici e delle badanti nell'UE

Ai lavoratori domestici e ai prestatori di assistenza, la maggior parte dei quali sono donne migranti, dovrebbe essere garantito uno status giuridico comunitario. In una risoluzione votata giovedì, i deputati affermano che il riconoscimento della professione dovrebbe scoraggiare il traffico di esseri umani e lo sfruttamento.

Bruxelles: l'aula plenaria del Parlamento europeo - © European Union 2016 - European ParliamentBruxelles: Aula plenaria del Parlamento europeo.
© European Union 2016 - European Parliament

Nel testo si invita inoltre a stabilire modelli di facile interpretazione per le relazioni giuridiche tra lavoratori e datori di lavoro, citando esempi virtuosi in Belgio e in Francia, per mettere fine alla precarietà e al lavoro domestico sommerso.

Leggi l'intero articolo
 

Articolo pubblicato il 28 aprile 2016