skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
27/01/2015

Schäuble e Padoan in commissione ECON sulla governance economica

La commissione affari economici e monetari del Parlamento ha ospitato il ministro delle finanze tedesco Wolfgang Schäuble e il suo omologo italiano Pier Carlo Padoan in un dibattito apposito sulla revisione del quadro di governance economica.

Bruxelles, il Parlamento europeo visto da Place de Luxembourg (© European Union 2015 - EP)
instagram.com/europeanparliament

Schäuble, interrogato martedì mattina dai membri della commissione affari economici e monetari riguardo la sua posizione sulla maggiore flessibilità e sulla condivisione del rischio all'interno del patto di stabilità e crescita, ha dichiarato che il suo paese vuole giocare secondo le regole, che non c'è la necessità di cambiare la legislazione europea e che la solidarietà dell'UE non dovrebbe sostituire le importanti decisioni nei paesi che stanno attraversando difficoltà economiche.

"In primo luogo, per aumentare il proprio impatto, un'efficace governance economica richiede la giusta combinazione di politiche. Nonostante molto sia stato fatto grazie a una migliore coordinazione dei programmi di bilancio nazionali, c'è ancora molto da fare", ha detto il ministro delle finanze italiano, Pier Carlo Padoan. Ha poi aggiunto che gli effetti di ricaduta di politica economica di uno stato membro su un altro - positivi e negativi - hanno bisogno di un esame più attento, che i tempi delle riforme hanno bisogno di più attenzione, che le politiche nazionali ed europee necessitano di un miglior coordinamento e che la responsabilità nazionale dei programmi di riforma deve essere rafforzata "in modo da iniettare fiducia all'economia".

Leggi tutto l'articolo