skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
23/04/2015

Schulz: "Senza una politica migratoria UE, il Mediterraneo diventa un cimitero"

L'Europa deve stabilire una politica migratoria e di asilo umana e realistica, ha dichiarato Martin Schulz davanti ai leader europei. Il Presidente del PE si è espresso all'inizio del vertice straordinario europeo dedicato alla migrazione a seguito della tragica morte di centinaia di persone che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo. "La nostra priorità immediata deve essere quella di salvare le vite umane in mare".

L'Europa deve stabilire una politica migratoria e di asilo umana e realistica, ha dichiarato Martin Schulz davanti ai leader europei. Il Presidente del PE si è espresso all'inizio del vertice straordinario europeo dedicato alla migrazione a seguito della tragica morte di centinaia di persone che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo.
Martin Schulz © European Union 2015

Non esiste ancora una politica migratoria dell'UE e ci troviamo di fronte a un mosaico di 28 differenti sistemi nazionali. "La mancanza di una politica veramente europea in materia di asilo e migrazione sta trasformando il Mediterraneo in un cimitero" ha ricordato il presidente del PE Martin Schulz.

Il presidente ha aggiunto che le operazioni di ricerca e soccorso nel Mediterraneo dovrebbero essere intensificate rapidamente, mentre è necessaria un'azione comune europea basata sulla solidarietà e sull'equa ripartizione delle responsabilità. Schulz ha ricordato che non è giusto lasciare soli i paesi che si affacciano sul Mediterraneo.

Infine, Schulz ha richiesto le stesse garanzie procedurali in tutta l'UE per assicurare ai rifugiati un trattamento equo e una più stretta cooperazione con i paesi di origine e di transito. "Dobbiamo combattere le cause della migrazione, non i migranti" ha sottolineato.