skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
18/10/2013

Sessione plenaria - Strasburgo, 18-21 novembre 2013

Questa settimana il Parlamento europeo è riunito a Strasburgo in sessione plenaria. Questi i principali argomenti iscritti all'ordine del giorno.

Strasburgo: il logo delle Elezioni europee 2014
Strasburgo: il logo delle Elezioni europee 2014 "Act, React, Impact - Agire, reagire, decidere" su uno degli edifici del PE

Traduzione letteraria, videogiochi, teatro, co-produzioni e sottotitolazione nel settore del cinema, doppiaggio e descrizioni audio dei film, saranno sostenuti dal nuovo programma “Creative Europe” (Europa creativa) che dovrebbe essere approvato dal Parlamento martedì.

Un solo programma europeo nel campo dell'istruzione, della formazione, della gioventù e dello sport – denominato Erasmus+ - offrirà ai giovani europei un ventaglio di possibilità per studiare, svolgere un tirocinio o perfezionare la loro formazione professionale all'estero. Un nuovo meccanismo di prestito di garanzia inoltre permetterà a migliaia di studenti di ottenere prestiti a tassi favorevoli per continuare i loro master in altri paesi dell'UE.

Il Parlamento voterà martedì per dare il suo consenso al bilancio UE a lungo termine per il periodo 2014-2020, inserito nel regolamento sul quadro finanziario pluriennale (QFP), mentre quello sul bilancio annuale per il 2014 avverrà mercoledì.
Gli investimenti in agricoltura, sviluppo regionale e per gli altri programmi di finanziamento principali sono stati fissati dal Parlamento e dal Consiglio, dopo due anni di negoziati. Il Parlamento li metterà ai voti una volta approvato il quadro finanziario pluriennale.

I deputati dovrebbero approvare martedì un accordo con gli Stati membri sul nuovo meccanismo per "collegare l'Europa" (Connecting Europe Facility, CEF) per accelerare il finanziamento di infrastrutture nei settori trasporti, energia e telecomunicazioni; saranno anche approvate le linee guida per lo sviluppo della rete transeuropea dei trasporti (TEN-T)

Nuove regole per la politica di coesione UE per il periodo 2014-2020 saranno discusse martedì e votate mercoledì. Il Fondo europeo di sviluppo regionale e quello di coesione offrono la possibilità di fare grandi investimenti in tempi di crisi economica. La nuova politica di coesione vale € 325 miliardi.

Il Parlamento dibatterà martedì e si pronuncerà mercoledì per aumentare la quota di finanziamento regionale dell'UE per il Fondo sociale europeo portandolo al 25% (dall'attuale 21,1%), per il mantenimento del Fondo di adeguamento alla globalizzazione fino al 2020 e il finanziamento di un programma di innovazione sociale e occupazionale.

I deputati chiedono modifica trattato per consentire al Parlamento di decidere l'ubicazione delle sue sedi. La risoluzione che sarà discussa martedì e votata mercoledì

Mercoledì 20 novembre alle ore 12.00, il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schulz consegnerà all'attivista per l'istruzione civile, la sedicenne pakistana Malala Yousafzai il Premio Sakharov 2013 per la libertà di pensiero.

Al voto mercoledì la nuova legislazione secondo la quale le società UE quotate in borsa dovranno garantire entro il 2020 che almeno il 40% dei loro amministratori con incarichi non esecutivi siano donne.

Mercoledì, il Parlamento discuterà della riforma della politica agricola comune e voterà l'accordo raggiunto con il Consiglio per una profonda revisione della PAC. Secondo le nuove regole, i fondi saranno distribuiti più equamente tra gli Stati membri e tra gli agricoltori.

I deputati dovrebbero adottare giovedì il prossimo programma quadro dell'UE per la ricerca e l'innovazione per il periodo 2014-2020 (Orizzonte 2020), con un bilancio di 70,2 miliardi di euro.

Il prossimo programma LIFE, lo strumento finanziario dell'UE a sostegno dell'ambiente e di progetti per il clima realizzati da organismi pubblici o privati per il periodo 2014-2020, sarà discusso e sottoposto a votazione giovedì. Come concordato con i ministri dell'Unione europea, il suo bilancio aumenterà da € 2,2 a € 3,1 miliardi.