skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
02/02/2014

Sessione plenaria - Strasburgo, dal 2 al 6 febbraio 2014

Da lunedì il Parlamento europeo sarà riunito a Strasburgo. Scopri quali saranno i principali argomenti iscritti all'ordine del giorno della sessione plenaria.

Strasburgo: il logo delle Elezioni europee 2014
Strasburgo: il logo delle Elezioni europee 2014 "Act, React, Impact - Agire, reagire, decidere" su uno degli edifici del PE

Seduta solenne martedì a mezzogiorno con Giorgio Napolitano, Presidente della Repubblica Italiana ed ex presidente della commissione per gli affari costituzionali del Parlamento europeo. L'Italia assumerà la Presidenza di turno dell'Unione europea il 1°luglio 2014.

Saranno posti in votazione martedì i piani per intensificare gli strumenti di difesa commerciale dell'UE contro le importazioni oggetto di dumping o di sovvenzioni. La normativa permetterà alle piccole imprese comunitarie un ricorso più semplice per bloccare la concorrenza sleale di paesi terzi e ridurrà i tempi delle indagini anti-dumping per permettere una risposta comunitaria più rapida.

I deputati voteranno le nuove norme volte a semplificare le procedure per dimostrare l'autenticità di alcuni documenti legali pubblici, quali certificati di nascita o di matrimonio.

Sempre martedì al voto un disegno di legge secondo il quale i fornitori di servizi online che desiderano offrire nuovi servizi musicali in rete - transfrontalieri o comunitari - saranno agevolati nella concessione delle licenze. La legge, già informalmente concordata con il Consiglio, dovrebbe inoltre garantire che i diritti degli artisti siano maggiormente protetti.

Alla luce dei difficili negoziati in corso con gli Stati membri sul meccanismo unico per risollevare le banche in difficoltà, portati avanti dalla commissione per gli affari economici e monetari nel mese di dicembre, il Parlamento sarà chiamato ad approvare formalmente la posizione dei suoi negoziatori. Il dibattito avrà luogo martedì e la votazione giovedì.

Frode sui mercati finanziari: al voto la normativa che dovrebbe prevedere in caso di reati gravi, come l'abuso di informazioni privilegiate, almeno quattro anni di carcere. Le norme, già informalmente concordate con i negoziatori degli Stati membri, mirano a ripristinare la fiducia nei mercati finanziari dell'UE e a migliorare la tutela degli investitori.

I deputati affermano che l'UE dovrebbe istituire una tabella di marcia per tutelare i diritti fondamentali delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali (LGBTI). Da un sondaggio condotto nel 2013 dall'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali era emerso che il 47% delle persone LGBT si sentiva discriminato o molestato e il 26% era stato aggredito fisicamente nel 2012. La risoluzione sarà in votazione martedì.

Al voto lo stesso giorno una risoluzione che chiede nuove misure comunitarie e nazionali che aiutino l'industria siderurgica europea a sopravvivere alla crisi e a prepararsi per la ripresa. La crisi ha dimezzato la quota europea della produzione mondiale di acciaio e ha portato, negli ultimi anni, alla perdita di 65.000 posti di lavoro.

I lavoratori stagionali extracomunitari potranno beneficiare di migliori condizioni di vita e di lavoro - incluso un alloggio adeguato - grazie al progetto di legge che sarà votato mercoledì. La nuova normativa, già concordata tra il PE e i negoziatori del Consiglio, mira a porre fine allo sfruttamento e a impedire che i permessi di soggiorno temporanei diventino permanenti. La Commissione europea stima in oltre 100.000 i lavoratori stagionali di paesi terzi che ogni anno entrano nell'UE.

I deputati delle commissioni Ambiente e Industria ricerca ed energia del PE hanno obiettivi più ambizioni rispetto a quelli annunciati dalla Commissione europea il 22 gennaio scorso e chiedono che, entro il 2030, le emissioni di CO2 siano ridotte del 40% e che le energie rinnovabili e l'efficienza energetica raggiungano rispettivamente il 30 e il 40%. La risoluzione non vincolante sarà posta in votazione mercoledì.

Mercoledì al voto un disegno di legge che mira, tra le altre cose, a perfezionare le norme che agevolerebbero i passeggeri a ottenere un risarcimento in caso di ritardo, danneggiamento o smarrimento dei bagagli.

Mercoledì i deputati discuteranno con Consiglio e Commissione la crisi politica in Ucraina e il Vertice UE-Russia tenutosi martedì scorso. Le difficili condizioni dei civili in Siria nonostante l'avvio dei colloqui di pace di Ginevra II, le prossime elezioni presidenziali in Egitto e il processo del deposto Presidente egiziano Morsi saranno al centro del dibattito sugli affari esteri di mercoledì. I deputati dovrebbero chiede che l'Unione europea intensifichi il proprio impegno.

Nella risoluzione al voto giovedì, i deputati dovranno decidere se opporsi o meno a norme che richiedono etichette dei prodotti alimentari che indichino il luogo di origine di animali e pollame poiché potrebbero indurre in errore i consumatori.