skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Settimana di commissioni a Bruxelles: scopri l'agenda

Iniziativa dei cittadini su glifosato, garanzia acquisti contenuti dgitali, TV e radio online, controlli prodotti a duplice utilizzo, finanziamento partiti politici europei, Mario Draghi su prospettive BCE per zona euro: di questo e altro si discute a Bruxelles. Il PE ospita una conferenza sul partenariato dell’UE con l’Africa il 22 novembre.

Lunedì sarà discussa in un’audizione pubblica insieme ai proponenti, un’iniziativa dei cittadini sulla messa al bando del glifosato, un controverso erbicida (spiegare meglio). Il Parlamento ha rifiutato in ottobre il rinnovo della licenza per altri 10 anni e ne ha proposto la messa a bando entro il 2022. Gli Stati membri voteranno il 27 novembre per il rinnovo di 5 anni.

Sempre lunedì, il Presidente della BCE Mario Draghi presenterà e discuterà con i membri della commissione Affari economici e monetari le prospettive della Banca centrale sugli sviluppi economici e monetari nell’Eurozona. I deputati potrebbero sollevare la questione della soppressione progressiva dell’acquisto di obbligazioni e altre misure di politica monetaria fuori standard, oltre che i disequilibri tra le banche centrali nazionali della zona euro.

Martedì le commissioni Mercato interno e Giuridica voteranno le regole UE a protezione degli acquirenti di contenuti digitali, giochi o musica ad esempio, quando questi non funzionino correttamente. Le disposizioni includono soluzioni per i rimborsi e i periodi di garanzia.

Sempre in commissione Giuridica al voto martedì un regolamento per facilitare la distribuzione online di programmi TV e radio nell’UE. I problemi di diritto d’autore possono impedire attualmente la diffusione transfrontaliera online.

La commissione Commercio internazionale voterà giovedì per rafforzare i controlli delle esportazioni di beni e tecnologie con legittime applicazioni in campo civile, ma che possono essere utilizzate anche a fini di tortura e terrorismo, o come armi di distruzione di massa. Può anche trattarsi ad esempio di tecnologie di cyber-sorveglianza, prodotti chimici, blindature resistenti agli esplosivi, equipaggiamenti radio o laser.

Giovedì la commissione Affari costituzionali voterà le modifiche alle regole di finanziamento di partiti politici europei e fondazioni. L’intento è di aumentare la trasparenza, evitare l’adesione a più di un partito, lottare contro l’abuso di denaro pubblico e semplificare il recupero di fondi che non siano stati spesi correttamente.

 

Verso un partenariato rinnovato con l'Africa - Conferenza

Per discutere di nuove risposte alle sfide che deve affrontare il continente africano e come approfondire il partenariato UE-Africa, il Parlamento ospita mercoledì 22 una conferenza di alto livello a cui partecipano leader europei e africani. Saranno presenti delegati dal settore privato e dalla società civile, compreso il Premio Sakharov 2014 Denis Mukwege.
Una conferenza stampa con il Presidente del PE, Antonio Tajani è in programma alle ore 15,30.

La pagina della conferenza
 

Agenda del Presidente

Il Presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, presiederà martedì la Conferenza dei Presidenti dei gruppi politici in Bulgaria, in preparazione della prossima Presidenza del Consiglio.
Mercoledì incontrerà il Presidente della Repubblica Centro-africana, Faustin-Archange Touadéra.

Giovedì terrà il discorso di apertura al primo Summit europeo Impresa-Educazione e venerdì parteciperà alla sessione plenaria dello Eastern Partnership Summit, che riunisce i Capi di Stato o di Governo dell’UE e i sei Paesi partner orientali: Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Georgia, Repubblica di Moldova e Ukraina.

 

Articolo pubblicato il 17 novembre 2017