skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Tajani apre la Plenaria con i diritti umani in Turchia

Il Presidente del Parlamento europeo ha aperto la prima sessione del 2018 a Strasburgo esprimendo preoccupazione per le violazioni, da parte del governo turco, dei diritti umani, il cui rispetto è uno dei valori fondamentali dell'Unione europea.

Leyla Zana, insignita del Premio Sakharov nel 1995, è stata destituita dal suo incarico alla Grande Assemblea nazionale turca.

“Non è accettabile in democrazia che un rappresentante eletto dal popolo venga illegittimamente destituito", ha affermato il Presidente Tajani, che le ha espresso la sua solidarietà a nome dell'Aula.

Il Presidente del PE si è detto preoccupato per le ripetute violazioni dei diritti umani in Turchia, che riguardano oppositori politici, giornalisti e accademici, ed ha affermato che il Parlamento europeo continuerà a sostenerli nella loro lotta per la libertà e la giustizia.

Leggi tutto il comunicato stampa
 

Leyla Zana è stata la prima donna curda a ottenere un seggio al Parlamento turco, nel 1991. Per il suo attivismo politico a favore dei curdi, nel 2014 è stata condannata a una pena detentiva di 15 anni, scontandone dieci. Nel 2014 ha aderito al Partito democratico popolare (HDP), che dopo le elezioni del giugno 2015 è diventato il primo partito filocurdo a superare la soglia del 10 % per la rappresentanza parlamentare, ed è stata eletta alla Grande Assemblea Nazionale turca con un programma di pace e inclusione delle minoranze.

 

Pubblicato il 16 gennaio 2018