skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 

Brexit: che succede ora al Parlamento europeo?

 
 .
 .

La rivista Zeppelin ha pubblicato un interessante articolo riguardante le modifiche strutturali alle Istituzioni dell'Unione europea post-Brexit

 .

Zeppelin è un'associazione culturale senza scopo di lucro che ha come obiettivo quello di promuovere e diffondere la conoscenza dei temi legati alle relazioni internazionali e alla geopolitica. In particolare, utilizza come strumento divulgativo una rivista di politica internazionale sul quale è stato pubblicato un articolo riguardante l'uscita della Gran Bretagna dall'Unione europea.

 .

Punto focale dell'articolo è, in particolare, la modifica strutturale del Parlamento europeo e la sorte dei 73 scranni del Regno Unito all'intero della stessa istituzione. Di questi scranni, 27 verranno ridistribuiti, mentre 46 resteranno a disposizione per “allargamenti futuri” dell’Ue. I 27 seggi, infatti, verranno suddivisi in maniera organica tra le rappresentanze nazionali che, al momento, sono sottodimensionate rispetto alla popolazione residente nello Stato membro.

 

Per leggere l'articolo e scoprire i dettagli della suddivisione dei seggi tra i Paesi membri:

Brexit: che succede ora al Parlamento europeo?