skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
24/06/2016

Rivista giuridica dell'ambiente: dal 1986 trent'anni di diritto dell'ambiente

Chi governa l'ambiente?

Il trentesimo anniversario della Rivista Giuridica dell’Ambiente coincide da un lato con quello della costituzione del Ministero dell’Ambiente e quindi con l’avvio, a livello istituzionale, del Diritto dell’Ambiente in Italia; dall’altro con il disastro di Černobyl'.

Tenendo conto di queste coincidenze, il convegno intende rispondere alla domanda “Chi governa l’ambiente?” attraverso una stimolante ricognizione dell’evoluzione in materia nei settori del Diritto Pubblico, Internazionale, Europeo, Penale e Amministrativo.

Al fine di fornire anche risposte concrete agli studenti, ai cittadini, alle pubbliche amministrazioni, agli avvocati e alle imprese del territorio sul chi e sul come vengono prese le decisioni rilevanti per l’ambiente, si è voluto caratterizzare l’incontro attraverso testimonianze dirette circa l’esperienza dell’amministrazione nazionale, regionale e cittadina, del mondo industriale, della libera professione nonché della ONG più rappresentativa a livello nazionale e internazionale operante in Lombardia.

Ogni anniversario rappresenta sia un punto di arrivo sia un punto di partenza. Ecco perché l’incontro della redazione presso il Dipartimento di Giurisprudenza di Bergamo vuole dimostrare che non verrà meno, con Edizioni Scientifiche, che dal 2015 assicura la continuità della Rivista, l’impegno di registrare e documentare le vicende che caratterizzano lo sviluppo del Diritto ambientale nei vari settori in cui questo si innerva.

Ciò significa, a livello nazionale, seguire il rapido modificarsi delle normative e degli orientamenti giurisprudenziali; a livello europeo e mondiale, monitorare i problemi suscitati
dalla globalizzazione e dai nuovi rapporti che essa impone tra economia, esigenze del mercato, dello sviluppo e della protezione dell’ambiente.