skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
Banner illustrativo calendario
Banner illustrativo calendario
 

Come rilanciare l'integrazione europea

E' giunto a conclusione il progetto "Europa: come rilanciarla?", realizzato dal Centro in Europa con il Centro Europe Direct di Genova e l'ufficio di Informazione del parlamento europeo.

Si è tenuto lo scorso 18 maggio presso il Museo di Sant’Agostino l’incontro finale del progetto “Europa: perché rilanciarla?”, realizzato dal Centro in Europa con la collaborazione del Centro Europe Direct di Genova e dell’Ufficio d’Informazione del Parlamento europeo a Milano. L’evento ha coinvolto gli studenti di diverse scuole superiori e università, i quali hanno avanzato numerose proposte per rilanciare l’integrazione europea, a 60 anni dalla firma dei Trattati di Roma.
Tra i relatori intervenuti durante l’evento Sandro Gozi, sottosegretario di Stato agli Affari europei, Carlotta Gualco, direttrice del Centro in Europa, Giacomo Ronzitti, presidente Istituto ligure per la storia della resistenza e dell’età contemporanea e Gianluca Saba, responsabile ufficio Relazioni internazionali del comune di Genova. I relatori hanno risposto direttamente alle questioni sollevate dagli studenti e ai numerosi spunti di riflessione scaturiti dai loro scritti.
Emerge in modo chiaro la volontà dei più giovani di proseguire sulla strada dell’integrazione, nonché il fascino che il sogno europeo sa esercitare, nonostante i problemi ancora irrisolti. Tra i punti maggiormente toccati ci sono le questioni relative ai fenomeni migratori e le politiche di sicurezza, la necessità di potenziare le politiche di welfare per realizzare una vera Europa sociale, l’importanza che le iniziative culturali e informative, soprattutto in collaborazione con le scuole, rivestono nel forgiare il senso di appartenenza all’Europa, indispensabile per completare l’unione politica e istituzionale.
I relatori hanno risposto positivamente a tutte le proposte ed hanno sottolineato l’importanza di una corretta informazione e del coinvolgimento di tutti i cittadini nel processo di costruzione europea. Il sottosegretario Gozi in particolare ricorda nelle conclusioni che in fondo “l’Europa dipende anche da quanto noi decidiamo di fare”.

Newsletter