skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
25/03/2015

La Pace Nutre la Vita - Ciclo di incontri "Cattedra del Mediterraneo 2015"

Israele. Quali prospettive dopo le elezioni nel Paese, in Medio Oriente, nel contesto internazionale.

Mercoledì 25 marzo, ore 17.30

Sala Lauree Facoltà di Scienze Politiche, Economiche e Sociali

Università degli Studi di Milano - Via Conservatorio 7, Milano

"L’inaspettata vittoria di Netanyahu rende probabile la formazione di un governo di centro - destra, mentre la sinistra guidata da Herzog dovrebbe restare all’opposizione. Il Presidente della Repubblica, Reuven Rivlin spinge invece per un Governo di Unità nazionale, ma un accordo sarà difficile. I partiti arabi, uniti, hanno ottenuto una importante affermazione, con 14 seggi, e rappresentano ormai il terzo partito del paese.
Non si può prevedere quali saranno le ripercussioni su un processo di pace oramai inesistente da oltre un anno. Dopo il voto la sfiducia da parte palestinese è ancora più grande, e non sarà facile riaprire il dialogo. Si parla sempre più insistentemente di una iniziativa dei cinque membri permanenti del Consiglio di Sicurezza per sbloccare l’impasse, e questa volta gli Stati Uniti potrebbero non opporsi."

Presiede:

Elisa Giunchi, Professore associato di Storia e Istituzioni dei Paesi islamici- Facoltà di scienze Politiche, Economiche e Sociali dell'Università degli Studi di Milano.

Intervengono:

Yossi Bar, Corrispondente in Italia della Radio Nazionale Israeliana Kol-Israel

Ugo Tramballi, Inviato Speciale de Il Sole 24 Ore

Janiki Cingoli, Direttore del Cipmo - Centro Italiano per la Pace in Medio Oriente