skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
Banner illustrativo calendario
Banner illustrativo calendario
 

Minoranze e tutela dei diritti umani - A Milano

Premio Sacharov 2016 del Parlamento europeo. Milano, 1 dicembre 2016
#SakharovPrize

L'Ufficio d'Informazione a Milano del Parlamento europeo invita alla conferenza “Minoranze e tutela dei diritti umani”. L’incontro, organizzato in collaborazione con CIPMO, si terrà giovedì 1 dicembre 2016 dalle ore 16.00 alle ore 18.00 presso la Sala Conferenze dell’ufficio (Corso Magenta 59, Milano).

ritratto finaliste Sakharov 2016
ritratto finaliste Sakharov 2016
 

Assegnato per la prima volta nel 1988 a Nelson Mandela, il Premio Sacharov per la libertà di pensiero è il massimo riconoscimento che l’Unione europea (UE) conferisce agli sforzi compiuti a favore dei diritti dell’uomo. È attribuito a singoli, gruppi e organizzazioni che abbiano contribuito in modo eccezionale alla causa della libertà di pensiero. Attraverso il Premio e la rete associata, il Parlamento europeo sostiene i vincitori, che sono così rafforzati e legittimati nella loro lotta per le rispettive cause.
Ogni anno il Parlamento europeo consegna il Premio Sacharov nel corso della sessione plenaria ufficiale di dicembre che ha luogo a Strasburgo.


Questo 27 ottobre Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar sono state elette vincitrici del Premio Sacharov per la libertà di pensiero 2016.
Nadia Murad Basee Taha e Lamiya Aji Bushar, appartenenti alla minoranza religiosa Yazida, sono sopravvissute alla schiavizzazione sessuale e alle violenze dello stato islamico.
Il Parlamento europeo ha conferito loro il Premio Sacharov 2016 per la libertà di pensiero e la difesa dei diritti umani.
Entrambe originarie del villaggio di Kocho nel Sinjar, nel nord dell'Iraq, Nadia e Lamiya hanno cominciato la loro battaglia di denuncia dopo la detenzione e le violenze subite dai combattenti dello Stato Islamico. Nadia è stata rapita nell'agosto del 2014 ed è stata poi venduta più volte come schiava. Lo stesso destino riservato a migliaia di altre donne Yazide. Per la sua testimonianza a settembre è stata nominata ambasciatrice dell'Onu.
La cerimonia di consegna avrà luogo durante la sessione plenaria che si terrà a Strasburgo in data 14 dicembre 2016.  


Interverranno alla conferenza:
Bruno Marasà - Direttore dell'Ufficio di Informazione del Parlamento europeo
Silvio Ferrari - Docente di Diritto canonico, Universita' degli Studi Milano
Paolo Maggiolini - Docente di Storia dell'Asia islamica, Università' Cattolica del S. Cuore Milano
Alessia Melcangi - Dottore di ricerca in Pensiero politico e istituzioni nelle società mediterranee, Università Cattolica del S. Cuore Milano
Noemi Pazienti - Capo Unità Migration & Humanitarian Advocacy, Save the Children


Sala conferenze dell’Ufficio di Informazione del Parlamento europeo

Corso Magenta, 59 - Milano

Ore 16.00-18.00


Per maggiori informazioni:
www.europarl.europa.eu/sakharov

Per iscriversi:
epmilano@europarl.europa.eu
cipmo@cipmo.org