skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
08/02/2015

RegionEuropa

Domenica 8 febbraio la nuova puntata del settimanale del Tgr a cura di Dario Carella

RegionEuropa andrà in onda domenica 8 febbraio su RaiTre dalle 11.30 alle 12.00.

Diretta streaming:

www.regioneuropa.rai.it
www.regioneuropa.blog.rai.it
(a cura di Claudio Lanza)
www.tgr.rai.it (a cura di Mario Fatello)

I sottotitoli per non udenti sono disponibili alla pagina 77 di Tlevideo.

L’impegno europeista dell’Italia, così fortemente sottolineato nel corso del suo mandato al Qurinale da Giorgio Napolitano, è stato ribadito dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella in occasione del discorso fatto davanti ai grandi elettori martedì 3, il giorno del suo insediamento.

RegionEuropa, il settimanale della Tgr a cura di Dario Carella, riproporrà le parole del nuovo Capo dello Stato nella copertina, a cura di Antonio Silvestri e montata da Andrea Baldrati, con cui si aprirà la prossima puntata di domenica 8 febbraio.

Quindi dal Quirinale a Bruxelles, con territori locali protagonisti in due servizi: il primo riguardante i finanziamenti europei per la crescita e l'inclusone sociale, con i pareri del professor Marcello Missaglia di UNIPLUSUE e di Marcello Lazzarini della Camera di Commercio Belgo-Italiana, ed il secondo sui temi al centro dell’assemblea plenaria del Comitato delle Regioni europee che si terrà la prossima settimana, spiegati da Pierluigi Boda.

Sempre in tema di rapporto fra local e global nell’unione Europea, l’intervista di Antonio Silvestri al Ministro delle Politiche Agricole Martina. Il semestre di presidenza italiano ha consentito di affrontare diversi dossier di particolare rilevanza per il settore agroalimentare italiano ma nuove sfide attendono il comparto nel 2015, spiega il Ministro, che ricorda i risultati portati a casa fermando il taglio del budget dovuto alla Commissione Barroso, le nuove politiche per i giovani e, nel settore della pesca, l’aumento delle quote di tonno rosso. Ma, ha aggiunto Martina, occorre migliorare la normativa sull’etichettatura, in particolare per quanto riguarda il mancato obbligo di inserire il luogo di produzione, ed è necessaria una migliore organizzazione nel far fronte alle crisi per un settore che esige risposte decisamente più rapide di quanto accaduto finora, ad esempio, con la crisi Ucraina e l’embargo russo.

Sempre Antonio Silvestri firma un servizio sui fondi europei per la coesione territoriale , una parte dei quali, pari a 5 miliardi, si aggiungerà ai 2,3 miliardi già disponibili per finanziare la lotta al dissesto idrogeologico. Lo ha detto il Ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti a RegionEuropa in occasione dell’incontro promosso dall’Associazione dei Consorzi di Bonifica sulla manutenzione del territorio. Per Galletti Fondi Ue saranno disponibili con la programmazione 2014/2020 ma – ha aggiunto – non è solo una questione di disponibilità di risorse. E’ necessario frenare il consumo del suolo, combattere gli eco-reati e promuovere una cultura ambientale. Inoltre, secondo il Ministro, anche piccoli interventi in questo campo possono generare occupazione e rimettere in moto le economie dei territori.

Il Presidente della Commissione Ambiente del Senato Marinello rileva la necessità che il Governo semplifichi le procedure mentre il Presidente della Associazione dei Consorzi di Bonifica Vincenzi giudica con soddisfazione la creazione di un’unità di missione dedicata che provveda a dare i necessari indirizzi e auspica che siano prese in esame le opere di manutenzione proposte dai Consorzi immediatamente avviabili a beneficio dei territori.

Dalla Sala della Biblioteca della Link campus University di Roma la cronaca e le interviste a proposito di una iniziativa di formazione dedicata ai temi della privacy e della comunicazione in Europa realizzata da EAPO & IC di Bruxelles: “informare non influenzare” lo slogan inventato dalla Presidente della Rai Anna Maria Tarantola in occasione della campagna per le elezioni europee del maggio scorso è diventato uno dei leitmotiv dell’azione di formazione dei giornalisti e degli operatori della comunicazione europei, come spiegano a RegionEuropa il Professor Antonio Preto, consigliere dell’AgCom, il professor Pasquale Russo, direttore generale della Link Campus University e Andrea Maresi di EAPO.

Il settimanale europeo della Tgr propone quindi un reportage di Alessandra Forte sui sistemi sanitari nei 28 paesi dell’Unione messi a confronto da una ricerca a cui ha preso parte anche il Gemelli di Roma: l’Italia scivola al 21esimo posto nella classifica della sanità europea, perdendo sei posizioni negli ultimi sei anni. Colpa dell’immobilità, della mancanza di riforme e della frammentazione dei servizi regionali che producono un pericoloso divario tra Nord e Sud del Paese, secondo i dati che emergono dalla ricerca Euro Wealth Consumer Index. Secondo il Commissario dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi occorre accelerare la realizzazione del patto per la salute, aiutare le regioni in difficoltà e soprattutto effettuare il prima possibile una riforma che riaccentri le responsabilità e le scelte in campo sanitario.

Concluderà la puntata di RegionEuropa la presentazione del libro “L’Europa che vorrei”, edito dal Gruppo Socialista al Parlamento Europeo nelle 24 lingue riconosciute dall’UE, e che raccoglie una lunga intervista di Dario Carella al Capogruppo del Pse Gianni Pittella.