skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
08/03/2015

RegionEuropa

Domenica 8 marzo la nuova puntata del settimanale del Tgr a cura di Dario Carella

RegionEuropa andrà in onda domenica 8 marzo su RaiTre dalle 11.30 alle 12.00.

Diretta streaming:

www.regioneuropa.rai.it

www.regioneuropa.blog.rai.it (a cura di Claudio Lanza)

www.tgr.rai.it (a cura di Mario Fatello)

I sottotitoli per non udenti sono disponibili alla pagina 777 di Televideo.

Il primo incontro del Capo della Stato è stato quello con il Presidente del Parlamento Europeo Martin Schultz e le immagini di RegionEuropa mostrano Sergio Mattarella mentre appone la sua firma sul Libro d’Onore dell’Europarlamento, definito dal Presidente della Repubblica il luogo dove l’azione degli Eurodeputati italiani può far diminuire quella distanza che si registra fra l’Europa e i suoi cittadini.

Mattarella è stato lungamente applaudito dagli Europarlamentari al termine del suo indirizzo di saluto, che RegionEuropa propone integralmente, seguito dalle interviste realizzate da Dario Carella a Bruxelles, con i Vice Presidenti italiani dell’assemblea legislativa europea Antonio Tajani e David Sassoli e con il capogruppo del Pse Gianni Pittella.

Il Presidente dell’Europarlamento Martin Schultz ha quindi ringraziato l’Italia per l’operazione “Mare Nostrum” definendo il nostro paese “una grande democrazia umanitaria”; i dossier internazionali più importanti, a cominciare da quello sulla Libia, sono stati quindi al centro degli incontri del Capo dello Stato con Federica Mogherini, Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza dell’Unione Europea e con il Presidente del Consiglio Europeo Donald Tusk, con cui si è svolta una colazione di lavoro.

Quindi il Presidente della Repubblica ha concluso i suoi incontri con un bilaterale con il Presidente della Commisisone Europea Jean Claude Junker, dove si è ribadita l’importanza che l’Europa imbocchi decisamente la strada del sostegno a politiche di crescita economica e di inclusione sociale.

RegionEuropa propone quindi le parole pronunciate dal Capo dello Stato a bilancio dei suoi incontri nella capitale dell’Unione Europea.

Ancora a proposito del sentimento degli italiani verso l’Europa, il servizio di Antonio Silvestri sull’ultima indagine realizzata da Eurobarometro resa nota in questi giorni e, che si è svolta alla fine dello scorso anno in tutti i Paesi dell’Ue e nei sei candidati a un nuovo allargamento sulle principali sfide che attendono l’Italia nel nostro Paese, la lotta alla disoccupazione si conferma al primo posto ma in calo rispetto all’indagine precedente così come la situazione economica; a seguire, ma a distanza, vengono indicati l’Euro, l’immigrazione e il problema del debito pubblico, questi ultimi in leggera crescita.

A proposito di immigrazione, i tre quarti degli italiani giudicano negativa quella degli extracomunitari, contro il 57 per cento della media europea. Per il 69 per cento degli italiani la loro voce non conta nell’Ue, contro una media del 53 degli altri cittadini europei.

Commentando i dati, il Presidente di Tecnè Carlo Buttaroni ha sottolineato come le critiche all’Europa non significhino che si vuole lasciare l’Unione e che la sfiducia nelle istituzioni italiane è superiore rispetto alle istituzioni europee. Il Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione, Lucio Battistotti, ha invece rilevato come dall’indagine emerga un grande numero di italiani che non legge in altre lingue, non trattiene rapporti con stranieri né viaggia in altri Paesi europei.

Sempre Antonio Silvestri è anche l’autore di un reportage sulla lotta all’agropirateria: infatti, nei giorni scorsi è stata costituita un’associazione per combattere il fenomeno dell’"italian sounding", l’evocare attraverso simboli o scritte sulle etichette degli alimenti un’origine italiana che in realtà è inesistente e che si calcola danneggi la nostra economia per una cifra che si aggira tra i 60 e i 70 miliardi di euro.

L’iniziativa è promossa dalla Confagricoltura, dalla Camera di Commercio Italo tedesca e dalla Camera di Commercio italiana per la Germania. Il motivo è legato alla legislazione tedesca che considera questo fenomeno un illecito civile e riserva solo ad associazioni rappresentative la possibilità di fare ricorso. L’allarme per i nostri patrimoni dell’agroalimentare, sostengono i promotori, si giustifica anche per la possibilità che nei consumatori stranieri si affermi la bassa qualità dei prodotti rispetto a quelli davvero italiani; sempre in tema di sicurezza il Presidente della Commissione Ambiente del Parlamento Europeo Giovanni La Via, intervistato a Strasburgo da Dario Carella, spiega come saranno le nuove etichette europee che verranno adottate sugli involucri dei prodotti alimentari.

Concluderà la puntata di RegionEuropa, sottotitolata sempre per i non udenti alla pagina 777 di Televideo, un servizio da Bruxelles sulle richieste che il terzo settore e le associazioni di volontariato hanno di recente presentato alle istituzioni europee, attraverso il racconto dell’esperienza realizzata dalla Comunità In dialogo Onlus di Padre Matteo Tagliaferri: partiti dalla prima casa della solidarietà realizzata a Frosinone per il recupero dei tossicodipendenti e l’assistenza ai malati terminali di Aids, Comunità In dialogo Onlus è oggi presente con le proprie strutture nei paesi dell’Est Europa, in Africa ed America latina.