skip to content

Cookie policy del Parlamento Europeo Ufficio D'informazione in Italia

Utilizziamo i cookie sul nostro sito per migliorare l'esperienza dell'utente. I cookie non vengono utilizzati per trattare dati personali, ma al fine delle statistiche tramite Google Analytics. Per saperne di più e per scoprire come disattivare i cookies sul vostro computer puoi visitare www.aboutcookies.org.

Continua
 
 
 
24/09/2014

Sondaggio sul Premio Sacharov 2014

Europe Direct Emilia-Romagna organizza un sondaggio per indovinare chi sarà il vincitore tra i sette candidati

Istituito nel 1988 in onore dello scienziato nucleare russo e attivista per i diritti umani Andrej Sacharov, il Premio Sacharov per la libertà di pensiero è il massimo riconoscimento assegnato dall'Unione europea agli sforzi compiuti nell'ambito dei diritti dell'uomo. Il Premio conferisce sostegno morale e riconoscimento ai vincitori, che sono così rafforzati e legittimati nella loro lotta per le rispettive cause.
Ogni anno il Parlamento europeo sceglie a chi assegnare il Premio Sacharov per la libertà di pensiero. L'anno scorso è stata proclamata vincitrice Malala Yousafzai, la ragazza pakistana che promuove in Pakistan l'educazione per le bambine. Ferita gravemente dai talebani, non ha smesso di portare avanti la sua battaglia: un esempio per tutti noi.

PARTECIPA AL SONDAGGIO di Europe Direct Emilia-Romagna

e indovina il vincitore del Premio Sacharov 2014!

La Redazione Pace e diritti umani di Europe Direct Emilia-Romagna racconta i sette candidati:

I professori iracheni- Mahmoud Al ‘Asali, il professore iracheno che ha difeso la minoranza religiosa cristiana pagando con la morte nel suo stesso Stato, e Louis Raphael Sako, un patriarca cattolico in Iraq che combatte le medesima battaglia contro il fondamentalismo islamico: sono stati nominati dalla maggioranza del gruppo dei conservatori ECR e da altri 66 deputati.

I rapper e blogger della Primavera Araba- Il rapper marocchino, Mouad Belghouate, attivista del Movimento 20 febbraio, il rapper tunisino Ala Yaacoubi e il blogger egiziano Alaa Abdel Fattah: tutti hanno combattuto per la Primavera Araba e sono stati in prigione. Sono stati nominati dal gruppo della Sinistra Unitaria europea e Sinistra Verde Nordica (GUE e NGL).

Le Ong cristiane- Chredo, Open Doors, Oeuvre d'Orient e Aid to the Church in Need: sono tutte Ong impegnate nella difesa dei diritti dei cristiani in Medio Oriente nominati da 60 deputati.

I manifestanti ucraini- L’organizzazione EuroMaidan, rappresentata da Mustafa Nayem, Ruslana Lyzhychko, Yelyzaveta Schepetylnykova e Tetiana Chornovo, ovvero tutti i dimostranti di Maidan, in Ucraina che hanno portato alla fuga dell’ex presidente Viktor Janukovyc: sono stati nominati da 53 deputati.

La scrittrice somala- Ayaan Hirsi Ali, politica e scrittrice somala, ora olandese, che si è distinta nella sua battaglia in favore dei diritti umani e soprattutto per le donne e per le sue posizioni fortemente anti-islamiche. È stata nominata dal gruppo degli euroscettici EFDD.

Il ginecologo del Congo- Denis Mukwege, ginecologo congolese che da anni si occupa delle donne vittime di violenza e stupro (usato in Congo come arma di guerra) nell’ospedale da lui fondato a Bukavu, più volte minacciato di morte: nominato dal gruppo Socialisti e Democratici S&D e dai liberali ALDE.

L’attivista caucasica- Leyla Yunus, attivista dei diritti umani in Azerbaijani, nell’area caucasica, e direttrice dell’Istituto di Pace e Democrazia che cerca di promuovere il dialogo tra i popoli azero e armeno: nominata dal gruppo dei Verdi e EFA.

Il 23 settembre sono stati presentati dai gruppi i 7 candidati, che si ridurranno a 3 il 7 ottobre. Il nome del vincitore verrà deciso da tutti i gruppi politici e dal Presidente del Parlamento europeo il 26 ottobre. Il Premio verrà consegnato durante una cerimonia ufficiale il 26 novembre.