Curzio MALTESE
  • Curzio
    MALTESE
  • Groupe confédéral de la Gauche unitaire européenne/Gauche verte nordique
  • Membre
  • Italie Lista Tsipras-L'Altra Europa
  • Date de naissance : 30 mars 1959, Milano

Membre

  • CULT Commission de la culture et de l'éducation
  • D-US Délégation pour les relations avec les États-Unis

Membre suppléant

  • IMCO Commission du marché intérieur et de la protection des consommateurs

Dernières activités

  OPINION on the situation in Hungary (pursuant to the European Parliament resolution of 17 May 2017)

CULT
17-05-2018 CULT_AD(2018)618171

Pluralisme et liberté des médias dans l’Union européenne (A8-0144/2018 - Barbara Spinelli)

03-05-2018 P8_CRE-PROV(2018)05-03(8.8)

Mise en œuvre du processus de Bologne – État des lieux et suivi (débat)

19-04-2018 P8_CRE-PROV(2018)04-19(5)
  • Non sarà facile staccare la spina del coma alla Torino-Lione, perché gli interessi sono molti e inconfessabili. Ma che il principale investimento sul futuro del Paese sia un’opera inutile e imposta alla popolazione, senza alcun ritorno economico, spiega tanto della crisi italiana https://t.co/X1QQPXwbfz
    25/05/2018 13:15 - twitter
  • Non sarà facile staccare la spina del coma alla Torino-Lione, perché gli interessi sono molti e inconfessabili. Ma che il principale investimento sul futuro del nostro Paese sia un’opera inutile e imposta alla popolazione, senza alcun ritorno economico, spiega tanto della crisi italiana.
    25/05/2018 13:00 - facebook
  • Bruxelles deve prendere atto che in Italia esiste una larga maggioranza antieuropeista; M5S, Lega e Fratelli d’Italia insieme superano il 55 per cento. Molto più dei nazionalisti polacchi e anche di Orban. E l’Italia non è la Polonia o l’Ungheria. E’ un paese fondatore dell’Unione, la terza economia, il secondo esportatore. Se il nuovo governo vorrà abolire la legge Fornero o varare il reddito di cittadinanza, promesse elettorali che costano 15 miliardi ciascuna - per non parlare di flat tax, 60 miliardi - dovrà sfidare l’Unione, che non darà mai il suo consenso. Riscrivere i trattati, come dicono nei giorni dispari Di Maio e Salvini (nei pari parlano di uscire dall’euro) pare un’ipotesi fuori tempo. Quando finirà la stagione di Mario Draghi alla Bce, l’anno prossimo, con il salvagente del quantitative easing, l’Italia sarà inchiodata dal debito pubblico a una politica di lacrime e sangue. (da Il Venerdì del 18 maggio)
    24/05/2018 18:15 - facebook

Contacts

Bruxelles

  • Parlement européen
    Bât. Willy Brandt
    03M089
    60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
    B-1047 Bruxelles/Brussel

Strasbourg

  • Parlement européen
    Bât. Louise Weiss
    T05043
    1, avenue du Président Robert Schuman
    CS 91024
    F-67070 Strasbourg Cedex

Adresse postale

  • European Parliament
    Rue Wiertz
    Willy Brandt 03M089
    1047 Brussels