Curzio MALTESE
  • Curzio
    MALTESE
  • Groupe confédéral de la Gauche unitaire européenne/Gauche verte nordique
  • Membre
  • Italie Lista Tsipras-L'Altra Europa
  • Date de naissance : 30 mars 1959, Milano

Membre

  • CULT Commission de la culture et de l'éducation
  • D-US Délégation pour les relations avec les États-Unis

Membre suppléant

  • IMCO Commission du marché intérieur et de la protection des consommateurs

Dernières activités

2018, Année européenne du patrimoine culturel (débat)

17-01-2018 P8_CRE-PROV(2018)01-17(22)

  Motion for a resolution Nigeria

15-01-2018 B8-0052/2018

NB : Cette proposition de résolution n'est disponible que dans sa langue originale

Traité sur l'interdiction des armes nucléaires

04-12-2017 O-000097/2017 Conseil
  • La sinistra si è piegata mimeticamente al pensiero dominante nella grottesca esaltazione della flessibilità come moderno e vincente stile di vita. https://t.co/K8uytGP8Zn
    19/01/2018 13:06 - twitter
  • La sinistra si è piegata mimeticamente al pensiero dominante nella grottesca esaltazione della flessibilità come moderno e vincente stile di vita.
    19/01/2018 13:00 - facebook
  • Il fatto che a poche settimane dal voto gli sguardi e i pronostici sul futuro premier si rivolgano verso Francoforte, a un signore che dovrebbe presiedere la banca centrale europea fino all’ottobre 2019, non è candidato e non si sa neppure per chi voterà, illustra bene il declino surreale della democrazia italiana. Le idee di Mario Draghi sul lavoro, i salari, le tasse, la lotta alla povertà sembrano in realtà più socialiste di quelle messe in pratica da tanti governi appoggiati dal Pd. E’ il paradosso dell’epoca, a denunciare le storture del turbo capitalismo sono rimasti il presidente della Bce e il papa. (da Il Venerdì del 12 gennaio)
    17/01/2018 13:11 - facebook
  • Siamo dal 2011 l’unica grande democrazia dove il capo del governo non è mai indicato dal voto dei cittadini e sarà ancora così a lungo. La differenza è che oggi gli italiani lo sanno prima di andare al voto e sono rassegnati. Anzi, ne sono perfino sollevati. La scelta di leader offerta dai partiti in disfacimento è piuttosto desolante. A cominciare dal sempiterno Berlusconi, carico di anni, processi, condanne e promesse mancate. Comunque vada, la scena del cavaliere ultra ottuagenario che a marzo sale al Colle per un altro incarico ci sarà risparmiata. Berlusconi lo sa e ogni settimana s’inventa un’alternativa a se medesimo, da Draghi a Marchionne, da Tajani a un generale dei carabinieri di cui forse ora non ricorda il nome neppure lui. Salvini premier è un’ipotesi che farebbe ridere anche Marine Le Pen. Renzi, una stella collassata alla velocità della luce, ora ridotto a pianetino in cerca di orbita. Rimane poi Luigi Di Maio, un trentenne con un curriculum che non verrebbe preso in considerazione da una media industria neppure per uno stage gratuito. Uno scherzo geniale di Grillo che si è già nascosto a vedere che effetto fa. (da Il Venerdì del 12 gennaio)
    15/01/2018 13:00 - facebook

Contacts

Bruxelles

  • Parlement européen
    Bât. Willy Brandt
    03M089
    60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
    B-1047 Bruxelles/Brussel

Strasbourg

  • Parlement européen
    Bât. Louise Weiss
    T05043
    1, avenue du Président Robert Schuman
    CS 91024
    F-67070 Strasbourg Cedex

Adresse postale

  • European Parliament
    Rue Wiertz
    Willy Brandt 03M089
    1047 Brussels