Rosa D'AMATO
  • Rosa
    D'AMATO
  • Klub zastupnika Europe slobode i demokracije
  • Članica
  • Italija Movimento 5 Stelle
  • Datum rođenja: 30. ožujka 1969., Taranto

Članica

  • REGI Odbor za regionalni razvoj
  • DPAL Izaslanstvo za odnose s Palestinom

Zamjenica

  • EMPL Odbor za zapošljavanje i socijalna pitanja
  • ITRE Odbor za industriju, istraživanje i energiju
  • TRAN Odbor za promet i turizam
  • AGRI Odbor za poljoprivredu i ruralni razvoj
  • PECH Odbor za ribarstvo
  • D-US Izaslanstvo za odnose sa SAD-om
  • DACP Izaslanstvo u Zajedničkoj parlamentarnoj skupštini AKP-a i EU-a
  • DMED Izaslanstvo u Parlamentarnoj skupštini Unije za Mediteran

Posljednje aktivnosti

  REPORT on the proposal for a Council decision amending Council Decision No 189/2014/EU authorising France to apply a reduced rate of certain indirect taxes on ‘traditional’ rum produced in Guadeloupe, French Guiana, Martinique and Réunion and repealing Decision No 2007/659/EC

REGI
16-10-2017 A8-0304/2017

  OPINION on the next MFF: preparing Parliament’s position on the MFF post-2020

REGI
11-10-2017 REGI_AD(2017)606230

Sigurnosna pravila i norme za putničke brodove (A8-0167/2017 - Daniela Aiuto)

04-10-2017 P8_CRE-PROV(2017)10-04(10.1)
  • XYLELLA, PD E FITTO CERCANO DI SALIRE SUL CARRO DEI VINCITORI, MA LA BATTAGLIA A DIFESA DEI NOSTRI ULIVI E DEL TERRITORIO PORTA LA FIRMA M5S L'Ue ha dato il via libera ai reimpianti di specie di ulivo resistenti alla Xylella nella zona infetta. Inoltre, ha dato l'ok alla movimentazione delle barbatelle e di alcune cultivar di vite, ha bloccato gli abbattimenti di ulivi secolari se sani nel raggio di 100 metri e introdotto regole meno ferree per il monitoraggio. Le istanze del Movimento 5 Stelle sono state in parte ascoltate. E se oggi si è giunti ad autorizzare i reimpianti è soprattutto merito di chi, come noi, ha fin dal principio detto "no" ad abbattimenti di massa e all'uso intensivo di pesticidi. Abbiamo chiesto fin dal principio misure alternative insieme a un potenziamento e a un allargamento del campo della ricerca. Lo dicevamo mentre chi, dal Pd al centrodestra, ci accusava di essere "nemici della scienza", piegandosi di fatto ai diktat di Bruxelles. Noi, che invece più scienza, più ricerca chiedevamo. Oggi, queste stesse forze politiche salgono sul carro dei vincitori. Io, che questi carri non li ho mai sopportati, continuo invece sulla mia strada. E se da un lato gioisco per le nuove misure, dall'altro continuo a tenere gli occhi ben aperti: perché i reimpianti non si traducano in una speculazione a danno degli agricoltori e perché la ricerca sulla xylella prosegua e venga anzi allargata a livello internazionale. La battaglia prosegue.
    20/10/2017 19:55 - facebook
  • RENZI NON VIENE A #TARANTO, CI GIRA ALLA LARGA! https://t.co/d1BBOa3QsG Ci vuole coraggio per presentarsi dove... https://t.co/1cxYweKF6h
    20/10/2017 12:53 - twitter
  • RENZI NON VIENE A #TARANTO, CI GIRA ALLA LARGA! http://bit.ly/2yD0kf1 Ci vuole coraggio per presentarsi dove l’#Ilva pubblica, ovvero gestita negli ultimi tre anni dai commissari voluti dai suoi Governi, ha continuato ad inquinare. E ci vuole faccia tosta per parlare ai tarantini dopo aver svenduto la fabbrica al peggior offerente. Il nuovo padrone con il quale il Governo Pd intende trattare… su come licenziare. Non se e quanti licenziarne ma… su COME procedere. Servono coraggio, chiamiamolo così, e faccia tosta: Renzi viene a Taranto, o meglio il suo Pd gli organizza una gita fuori porta, lontana dai forni alimentati dai suoi decreti, per chiedere i voti utili alla scalata di Palazzo Chigi, mentre il Parlamento gli cuce addosso la vittoria (l’inciucio è nei numeri). Intanto, l’Italia non ha più scuse sull’Ilva: Taranto va bonificata subito. E in quanto agli aiuti di Stato, Bruxelles chiuderà a breve l’indagine, oltre a riesaminare l’acquisizione da parte di ArcerlorMittal. E’ quanto dichiarano i commissari Ue all’Ambiente e alla Concorrenza, rispettivamente Karmenu Vella e Margarethe Vestager, nella risposta alla lettera che ho inviato a loro. “Nessuna delle nostre indagini – si legge nella lettera della Commissione europea – ha impedito all’Italia di sostenere urgentemente misure per ripulire e contenere l’inquinamente esistente sul sito di Ilva e sulle aree circostanti e a migliorare la salute pubblica nell’aera di Taranto”. La Commissione europea, scrive Vella, “sta monitorando gli esiti della procedura di consultazione pubblica, comprese le osservazioni della ong, e valuterà la versione definitiva del piano ambientale”. Questo piano, scrive ancora la Commissione, dovrà tenere conto “delle osservazioni ricevute” e dovrà portare “a un’autorizzazione delle attività in linea con la Direttiva europea sulle emissioni industriali tramite un nuovo decreto”. Il fallimento del governo nel tutelare la salute dei tarantini è sotto gli occhi di tutti. L’Ue non puo’ fare finta di nulla. Mi piacerebbe che anche a Bruxelles capissero una volta per tutte che l’unica soluzione per Taranto è la chiusura dell’Ilva e l’avvio di un grande progetto di riconversione produttiva, con misure di riqualificazione professionale e reali opere di bonifica in cui riutilizzare parte della forza lavoro dello stabilimento.
    20/10/2017 12:52 - facebook
  • VI MENTONO SEMPRE Con un voto shock Forza Italia e PD, uniti più che mai, hanno rafforzato il Regolamento di... https://t.co/kAuReVfYuX
    20/10/2017 12:01 - twitter

Kontakt

Bruxelles

  • Parlement européen
    Bât. Altiero Spinelli
    07H153
    60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
    B-1047 Bruxelles/Brussel

Strasbourg

  • Parlement européen
    Bât. Winston Churchill
    M03055
    1, avenue du Président Robert Schuman
    CS 91024
    F-67070 Strasbourg Cedex

Poštanska adresa

  • European Parliament
    Rue Wiertz
    Altiero Spinelli 07H153
    1047 Brussels