Lara COMI
  • Lara
    COMI
  • Európai Néppárt (Kereszténydemokraták) képviselőcsoport
  • Alelnök
  • Olaszország Forza Italia
  • Születési idő: 1983. február 18., Garbagnate Milanese

Plenáris ülésen elhangzott felszólalás(ok)

921

Az európai fogyatékosságügyi stratégia végrehajtása (a vita folytatása)

30-11-2017 P8_CRE-PROV(2017)11-30(6)

A második mobilitási csomagról elfogadott határozat (vita)

15-11-2017 P8_CRE-PROV(2017)11-15(19)

Jogállamiság Máltán (vita)

14-11-2017 P8_CRE-PROV(2017)11-14(11)

Az Erasmus+ program jövője (vita)

13-09-2017 P8_CRE-REV(2017)09-13(21)

Segítségnyújtás a talidomid áldozatainak (B8-1341/2016, B8-1343/2016)

15-12-2016 P8_CRE-REV(2016)12-15(7.3)

A gyermekgyógyászati gyógyszerek (B8-1340/2016)

15-12-2016 P8_CRE-REV(2016)12-15(7.4)

A Petíciós Bizottság 2015. évi tevékenysége (A8-0366/2016 - Ángela Vallina)

15-12-2016 P8_CRE-REV(2016)12-15(7.5)

Nemzetközi légi közlekedési megállapodások (B8-1337/2016, B8-1338/2016, B8-1339/2016)

15-12-2016 P8_CRE-REV(2016)12-15(7.6)

Jelentés(ek) – előadóként beterjesztve

1

JELENTÉS az egységes piacra vonatkozó stratégiáról

IMCO
03-05-2016 A8-0171/2016

Előadóként beterjesztett vélemény

2

VÉLEMÉNY az európai védelmi unióról

IMCO
12-10-2016 IMCO_AD(2016)583872

VÉLEMÉNY a nem nyilvános know-how és üzleti információk (üzleti titkok) jogosulatlan megszerzésével, felhasználásával és felfedésével szembeni védelemről szóló európai parlamenti és tanácsi irányelvre irányuló javaslatról

IMCO
30-03-2015 IMCO_AD(2015)541656

Állásfoglalásra irányuló indítvány(ok)

148

Közös állásfoglalási indítvány a földrengéseket követően Olaszországban kialakult helyzetről

28-11-2016 RC-B8-1285/2016

Állásfoglalásra irányuló indítvány az olaszországi helyzetről a földrengéseket követően

23-11-2016 B8-1285/2016

Közös állásfoglalási indítvány Kína piacgazdasági státuszáról

11-05-2016 RC-B8-0607/2016

Közös állásfoglalási indítvány Dzsibutiról

11-05-2016 RC-B8-0594/2016

Közös állásfoglalási indítvány Nigériáról

13-04-2016 RC-B8-0478/2016

  Joint motion for a resolution on Honduras: situation of human rights defenders

13-04-2016 RC-B8-0469/2016

  Joint motion for a resolution on Pakistan, in particular the attack in Lahore

13-04-2016 RC-B8-0466/2016

  Motion for a resolution on Nigeria

11-04-2016 B8-0484/2016

Megjegyzés: Ez az állásfoglalási indítvány kizárólag eredeti nyelven áll rendelkezésre

  Motion for a resolution on Honduras: situation of human rights defenders

11-04-2016 B8-0477/2016

Megjegyzés: Ez az állásfoglalási indítvány kizárólag eredeti nyelven áll rendelkezésre

Írásbeli nyilatkozat(ok)

3

Írásbeli nyilatkozat a bűncselekmények áldozatairól

02-12-2015 P8_DCL(2015)0070 Elévült

Részletek

Tomáš ZDECHOVSKÝ , Teresa JIMÉNEZ-BECERRIL BARRIO , Maite PAGAZAURTUNDÚA RUIZ , Nicola CAPUTO , Tibor SZANYI , Doru-Claudian FRUNZULICĂ , Fabio DE MASI , Pál CSÁKY , Momchil NEKOV , Lara COMI , Dita CHARANZOVÁ

Kiosztás dátuma : 02-12-2015
Lejárat időpontja : 02-03-2016
Aláírók száma : 91 - 03-03-2016

Írásbeli nyilatkozat az európai olívaolaj-ágazat és olajbogyó-termelés védelméről

07-09-2015 P8_DCL(2015)0031 Elévült

Részletek

Ivan JAKOVČIĆ , Tonino PICULA , Nicola DANTI , Lampros FOUNTOULIS , Nicola CAPUTO , Franc BOGOVIČ , Maite PAGAZAURTUNDÚA RUIZ , Alessia Maria MOSCA , Michela GIUFFRIDA , Enrico GASBARRA , Ivo VAJGL , Marco ZULLO , Simona BONAFÈ , Nikos ANDROULAKIS , Davor Ivo STIER , Milan ZVER , Fernando MAURA BARANDIARÁN , Ulrike MÜLLER , Elena GENTILE , Salvatore Domenico POGLIESE , Ivana MALETIĆ , Lara COMI , Rosa D'AMATO , Igor ŠOLTES , Jozo RADOŠ , Ruža TOMAŠIĆ , Dubravka ŠUICA , Flavio ZANONATO , Alberto CIRIO , Daniela AIUTO , Marco AFFRONTE , Eva KAILI , Remo SERNAGIOTTO , Barbara MATERA

Kiosztás dátuma : 07-09-2015
Lejárat időpontja : 07-12-2015
Aláírók száma : 101 - 08-12-2015

Írásbeli nyilatkozat a technológiai innovációval kapcsolatos etikai dilemmákról

25-03-2015 P8_DCL(2015)0013 Elévült

Részletek

Nicola CAPUTO , Renato SORU , Pina PICIERNO , Andrea COZZOLINO , Laurenţiu REBEGA , Daciana Octavia SÂRBU , Momchil NEKOV , Lara COMI , Tibor SZANYI , Fabio DE MASI , Dario TAMBURRANO

Kiosztás dátuma : 25-03-2015
Lejárat időpontja : 25-06-2015
Aláírók száma : 34 - 26-06-2015

Parlamenti kérdés(ek)

200

A személy elleni bűncselekmények a Schengeni Információs Rendszerben

04-12-2017 O-000096/2017 Bizottság

Az uniós ifjúsági garanciaprogram

09-06-2017 O-000051/2017 Bizottság

  Discrimination in Fashion Gate

28-04-2017 E-003023/2017 Bizottság

  Competition in the polypropylene (PP) granule sector

28-03-2017 E-002092/2017 Bizottság

  Possible requirement that each head of game killed be recorded immediately after death

16-02-2017 E-001081/2017 Bizottság

Az Európai Bizottság válaszai az írásbeli választ igénylő kérdésekre

10-01-2017 O-000003/2017 Bizottság

  TRIS notification system

14-12-2016 E-009430/2016 Bizottság

A színkódos címkézés fogyasztói döntésekre gyakorolt hatása

01-08-2016 E-006189/2016 Bizottság

A szavazáshoz fűzött írásbeli indokolások

294

 

EU–Új-Zéland partnerségi megállapodás a kapcsolatokról és az együttműködésről (egyetértés) (A8-0327/2017 - Charles Tannock)

16-11-2017

La raccomandazione in oggetto concerne il progetto di decisione del Consiglio sulla conclusione a nome dell'Unione dell'accordo di partenariato sulle relazioni e la cooperazione tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Nuova Zelanda, dall'altra, in conformità alle previsioni dei trattati che richiedono che il Parlamento europeo dia la propria approvazione alla conclusione dell'accordo.
Ritenendo positivi i contenuti della presente raccomandazione, ho deciso di appoggiarla con il mio voto.

 

EU–Új-Zéland partnerségi megállapodás a kapcsolatokról és az együttműködésről (állásfoglalás) (A8-0333/2017 - Charles Tannock)

16-11-2017

La relazione in questione, considerato che la Nuova Zelanda è legata all'Unione europea e ai suoi Stati membri da un partenariato forte, che l'Unione europea condivide valori comuni con la Nuova Zelanda e che quest’ultima rappresenta un importante partner strategico, sia in politica estera che sul piano economico e commerciale, accoglie con favore la conclusione dell'accordo di partenariato, che fornirà un quadro politico orientato al futuro all'interno del quale le relazioni e la cooperazione UE-Nuova Zelanda sullo sviluppo sostenibile e su un'ampia gamma di questioni saranno ulteriormente sviluppate negli anni a venire per rispondere a nuove ambizioni e aspirazioni.
In particolare il testo appoggia l'avvio dei negoziati sull'accordo di libero scambio tra UE e Nuova Zelanda che devono svolgersi in uno spirito di reciprocità e mutuo beneficio e si sottolinea che è importante rafforzare il dialogo politico e migliorare la cooperazione sulla crescita economica, sulla creazione di posti di lavoro, sugli scambi e sugli investimenti.
Infine la relazione accoglie con favore gli articoli dell'accordo di partenariato sulle relazioni e la cooperazione relativi alla cooperazione nella lotta al terrorismo e alla sua propaganda.
Appoggiando la relazione in oggetto, ho ritenuto di esprimermi favorevolmente.

 

Az EU–Afrika-stratégia: a fejlődés fellendítése (A8-0334/2017 - Maurice Ponga)

16-11-2017

La presente relazione si focalizza sulla strategia UE-Africa e, considerando che i destini dell'UE e dei paesi africani sono legati e che l'UE è il partner principale dell'Africa in diversi settori chiave, propone di intensificare il dialogo politico tra l'UE e l'Africa per un nuovo partenariato strategico.
In particolare: a) si invita il futuro partenariato a concentrarsi sui settori individuati da UA e UE, quali: sviluppo economico, buona governance, sviluppo umano, sicurezza e lotta al terrorismo, migrazione, mobilità e ambiente; b) nell’ottica di costruire società più resilienti per tutti, specie i giovani, e al fine di conseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibile, si reputa necessario fare della resilienza, nelle sue cinque dimensioni (cioè politica, in materia di sicurezza, ambientale, economica e sociale) un pilastro della strategia UE-Africa; c) infine, premesso che la migrazione e la mobilità tra l'Europa e l'Africa e all'interno dei continenti stessi hanno un'incidenza a livello economico, sociale, ambientale e politico e che questa sfida deve essere affrontata in modo coordinato tra i due continenti, si chiede di definire una strategia per la mobilità e i movimenti migratori che contribuisca allo sviluppo dei due continenti.
Condividendo i contenuti della relazione in esame, ho ritenuto di esprimere voto favorevole.

 

Az európai ombudsman 2016. évi tevékenysége (A8-0328/2017 - Marlene Mizzi)

16-11-2017

Ai sensi del trattato, i cittadini europei hanno il diritto di sporgere denuncia al Mediatore europeo per segnalare pratiche di cattiva amministrazione.
Nel maggio 2017 è stata presentata la relazione annuale concernente le attività del Mediatore dalla quale risulta principalmente che:
a) nel 2016, 15 797 cittadini sono stati assistiti dal Mediatore;
b) il numero di denunce al di fuori del campo di applicazione del mandato del Mediatore è sceso a un minimo storico grazie all'opera di informazione sull'attività del Mediatore;
c) rispetto all'anno passato, la quantità di denunce è stata leggermente inferiore;
d) vi è stato un calo nel numero delle indagini riguardanti le istituzioni europee;
e) le questioni della trasparenza e dell'accesso alle informazioni e ai documenti sono la tematica sulla quale verte la maggior parte delle denunce presentate al Mediatore;
f) infine, la nuova procedura semplificata di gestione per cui i casi dal contenuto simile possono essere trattati collettivamente come indagini strategiche ha sortito effetti benefici sul sistema.
Apprezzando, nei contenuti come nella forma, la relazione del Mediatore e compiacendomi dell'iniziativa avviata dal Mediatore per identificare le migliori pratiche nell'amministrazione dell'UE, ho deciso di sostenere la relazione con il mio voto.

 

A környezetvédelmi politikák végrehajtásának felülvizsgálata (B8-0590/2017)

16-11-2017

L'Unione dispone di una solida legislazione in materia ambientale, ma la sua lacunosa attuazione costituisce un problema.
Tali lacune a livello di attuazione sono una minaccia per lo sviluppo sostenibile, hanno ripercussioni transfrontaliere negative sull'ambiente e sulla salute, e comportano costi socioeconomici.
Ecco allora che il Parlamento europeo accoglie con favore l'iniziativa della Commissione di introdurre un riesame dell'attuazione delle politiche ambientali e ne riconosce l'enorme potenziale.
Il Parlamento tuttavia si rammarica del fatto che importanti settori, quali ad esempio il cambiamento climatico e le misure di efficienza energetica, non siano stati presi in considerazione e invita la Commissione a provvedere, al fine di migliorare il riesame e ottenere risultati migliori.
Esso inoltre suggerisce che l'attuazione del diritto ambientale potrebbe essere migliorata attraverso:
a) una migliore integrazione della legislazione in materia di ambiente negli altri settori strategici;
b) l'applicazione del principio di precauzione;
c) trasparenza delle autorità pubbliche, partenariati tra le stesse, una chiara divisione delle responsabilità, risorse adeguate, lo sviluppo delle capacità nonché migliori meccanismi di coordinamento.
Infine si insiste affinché gli Stati membri, le istituzioni dell'UE e i soggetti interessati aderiscano pienamente al riesame.
Riconoscendomi nei contenuti della proposta in discussione, ho deciso di votare favorevolmente.

 

Az egyenlőtlenségek elleni küzdelem mint a munkahelyteremtést és a növekedést ösztönző eszköz (A8-0340/2017 - Javi López)

16-11-2017

La disuguaglianza ha acquisito notevole importanza e si è configurata quale elemento per interpretare il presente e le sfide future nel dibattito politico.
La situazione di questi anni, caratterizzata da una recessione e da cambiamenti politici radicali che potrebbero trarre origine, tra gli altri fenomeni, dall'aumento delle disuguaglianze, induce a chiedersi perché le istituzioni europee e gli Stati membri non siano stati in grado di affrontare il problema delle disuguaglianze, tanto in termini di giustizia sociale, quanto di crescita economica e creazione di posti di lavoro.
L'obiettivo dell'iniziativa è, pertanto, di conferire alla lotta alle disuguaglianze priorità a livello europeo e, a tal fine, si propone di rafforzare le politiche in materia di coesione, investimenti, miglioramento delle condizioni di lavoro e di vita, nonché il coordinamento delle politiche sociali in Europa, in particolare per quanto concerne la lotta alla povertà e all'esclusione sociale.
Si propone inoltre di intervenire sulle politiche europee in materia di occupazione, concentrandosi sui gruppi più vulnerabili, al fine di tutelare meglio i lavoratori che versano in condizioni di svantaggio di fronte ai recenti cambiamenti nel mondo del lavoro.
Appoggiando i contenuti della proposta in votazione, ho ritenuto di esprimermi favorevolmente.

 

A felhatalmazáson alapuló jogi aktusok elfogadására vonatkozó időtartam (A8-0332/2017 - Gesine Meissner)

15-11-2017

La direttiva 2010/40/UE sul quadro generale per la diffusione dei sistemi di trasporto intelligenti, nel settore del trasporto stradale e nelle interfacce, con altri modi di trasporto (direttiva ITS), prescrive che siano adottate, mediante atti delegati, specifiche, per le azioni in quattro settori prioritari, ma soltanto per un periodo limitato, fino al 27 agosto 2017.
La proposta di decisione mira a prorogare la delega di potere, per un ulteriore periodo di cinque anni, a decorrere dal 27 agosto 2017, con successive proroghe tacite, di identica durata, a meno che il Parlamento europeo o il Consiglio non si oppongano.
Tale proroga si rende necessaria poiché, nei prossimi anni, si prevedono progressi della digitalizzazione dei trasporti in generale e dei sistemi di trasporto intelligenti, in particolare e, affinché la Commissione possa adottare ulteriori specifiche, mediante atti delegati, il relatore sottolinea che è essenziale, che la delega di potere sia prorogata.
Si rileva infatti, che la mancata proroga della delega alla Commissione, comprometterebbe la diffusione integrata e coordinata in tutta l'UE di ITS, interoperabili nel settore del trasporto stradale e delle loro interfacce, con altri modi di trasporto.
Condividendo le ragioni esposte nella presente relazione, ho ritenuto di esprimere voto favorevole.

 

Az EU-ban tagsággal nem rendelkező országokból érkező dömpingelt és támogatott behozatallal szembeni védelem (A8-0236/2017 - Salvatore Cicu)

15-11-2017

La relazione del collega Cicu concerne la difesa contro le importazioni oggetto di dumping e di sovvenzioni provenienti da paesi non membri dell'Unione europea.
Nello specifico, la proposta mira a: a) introdurre una nuova metodologia di calcolo dei dazi antidumping che non distingue più tra Paese ad “economia di mercato” e non; b) chiarire in quali circostanze si verifica l'esistenza di distorsioni significative che incidono in misura considerevole sulle forze del libero mercato e, in quest’ottica, si prevede l’uso di costi e prezzi di produzione dei Paesi terzi, come anche le distorsioni dirette ed indirette e si tiene conto del rispetto dei criteri ambientali e dei diritti del lavoro, di proprietà e dell’adeguatezza del quadro giuridico generale, in linea con gli standard dell’OIL; c) introdurre l’obbligo per la Commissione di pubblicare rapporti specifici su settori economici o Paesi per mettere in luce le maggiori distorsioni; d) introdurre un sistema di onere della prova per cui la prova della distorsione del mercato non sia a carico delle imprese europee poiché viene trasferito sull’esportatore extracomunitario.
Appoggiando i contenuti e le finalità della relazione in discussione, ho deciso di votare favorevolmente e mi congratulo con il relatore per l’ottimo lavoro svolto.

 

Jogállamiság Máltán (B8-0596/2017, B8-0597/2017)

15-11-2017

L’uccisione della giornalista Daphne Caruana Galizia deve rappresentare un punto di svolta anche per le politiche europee. Non è sufficiente l’indignazione che è stata espressa in tutti i Paesi membri, né l’appello alla ricerca della verità che anche questo Parlamento Europeo ha voluto manifestare.
La battaglia per Daphne e per la sua famiglia dovrà diventare la battaglia di tutti quegli europei che credono in questa Europa civile e nei valori democratici.
Nessuno può pensare di archiviare questo omicidio come semplice fatto di cronaca. Come affermato dal Presidente PPE Weber, la domanda se a Malta ci sia ancora “uno stato di diritto” deve trovare una adeguata e pronta risposta.
La Commissione Europea dovrà, in particolare, con forza ed autorevolezza, far comprendere che le valutazioni per la permanenza in Europa non finiscono nel giorno dell’ingresso ufficiale in UE, ma continuano ogni giorno, soprattutto quando parliamo di libertà e diritti di espressione.
Per concludere, è necessario che l’Europa riparta da Malta, insieme a Daphne e alla sua famiglia, e rimetta al centro della sua azione il diritto e la democrazia, per cui ho deciso di votare a favore.

 

A WTO 11. miniszteri konferenciáját megelőző többoldalú tárgyalások (B8-0593/2017)

15-11-2017

Fin dalla sua costituzione, l’OMC ha svolto un ruolo vitale nel promuovere un ordine economico globale inclusivo e un sistema commerciale aperto.
Ciò premesso, ribadito che l’UE ha sempre sostenuto l’OMC e premesso che le discussioni sulle modalità di proseguimento dell'agenda di Doha hanno dimostrato che i membri dell'OMC hanno punti di vista divergenti su come procedere con i negoziati, il Parlamento Europeo, in vista dell'undicesima conferenza ministeriale dell'OMC a Buenos Aires, a) sottolinea la necessità di compiere progressi sostanziali alla conferenza ministeriale di Buenos Aires; b) sollecita i membri dell'OMC, tenendo presente l'obiettivo di rafforzare il sistema commerciale multilaterale e la necessità di consolidare l'OMC come centro dei negoziati commerciali, a prendere atto che, dall'avvio del ciclo di Doha nel 2001, il mondo sia cambiato drasticamente e propone che le nuove sfide siano discusse, lasciando impregiudicate le questioni in sospeso dell'agenda di Doha; c) sottolinea l'importanza che l'OMC funzioni come sede negoziale efficiente per le tematiche d'interesse per i suoi membri, che costituisca una piattaforma di avvio delle discussioni su questioni relative al commercio internazionale e, infine, che i membri dell'OMC si attengano alle decisioni e garantiscano l'applicazione degli impegni.
Riconoscendomi nella presente proposta di risoluzione, ho votato favorevolmente.

Kapcsolattartás

Bruxelles

  • Parlement européen
    Bât. Altiero Spinelli
    10E101
    60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
    B-1047 Bruxelles/Brussel

Strasbourg

  • Parlement européen
    Bât. Louise Weiss
    T10091
    1, avenue du Président Robert Schuman
    CS 91024
    F-67070 Strasbourg Cedex

Postacím

  • European Parliament
    Rue Wiertz
    Altiero Spinelli 10E101
    1047 Brussels