Laura FERRARA
  • Laura
    FERRARA
  • Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta
  • Membro
  • Italia Movimento 5 Stelle
  • Data di nascita: 11 settembre 1983, Napoli

Interventi in seduta plenaria

188

Preparazione del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno 2018 (discussione)

12-06-2018 P8_CRE-PROV(2018)06-12(2)

Preparazione del Consiglio europeo del 28 e 29 giugno 2018 (discussione) (2)

12-06-2018 P8_CRE-PROV(2018)06-12(2)

Relazione annuale sul funzionamento dello spazio Schengen (discussione)

29-05-2018 P8_CRE-PROV(2018)05-29(18)

Relazioni in quanto relatore

13

RELAZIONE sulla richiesta di revoca dell'immunità di Ana Gomes

JURI
23-11-2017 A8-0363/2017

RELAZIONE sulla richiesta di revoca dell'immunità di Marine Le Pen

JURI
28-02-2017 A8-0047/2017

RELAZIONE sulla lotta contro la corruzione e il seguito dato alla risoluzione della commissione CRIM

LIBE
07-10-2016 A8-0284/2016

RELAZIONE sulla richiesta di revoca dell'immunità di Florian Philippot

JURI
28-01-2016 A8-0014/2016

Relazioni in quanto relatore ombra

27

RELAZIONE sulla situazione dei diritti fondamentali nell'Unione europea nel 2016

LIBE
13-02-2018 A8-0025/2018

RELAZIONE recante raccomandazioni alla Commissione concernenti norme di diritto civile sulla robotica

JURI
27-01-2017 A8-0005/2017

Pareri in quanto relatore ombra

7

PARERE sul quadro di valutazione UE della giustizia 2017

LIBE
16-04-2018 LIBE_AD(2018)618121

PARERE sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e di confisca

JURI
06-12-2017 JURI_AD(2017)599855

PARERE sull'accesso del pubblico ai documenti (articolo 116, paragrafo 7, del regolamento) per gli anni 2014-2015

JURI
18-02-2016 JURI_AD(2016)571798

PARERE su "Verso un atto per il mercato unico digitale"

JURI
07-12-2015 JURI_AD(2015)557273

PARERE sulla proposta di direttiva del Consiglio recante modifica della direttiva 2011/16/UE per quanto riguarda lo scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale

JURI
14-10-2015 JURI_AD(2015)565191

PARERE sulle raccomandazioni alla Commissione europea sui negoziati relativi al partenariato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP)

JURI
04-05-2015 JURI_AD(2015)549425

PARERE sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul rafforzamento di alcuni aspetti della presunzione di innocenza e del diritto di presenziare al processo nei procedimenti penali

JURI
26-03-2015 JURI_AD(2015)546831

Proposte di risoluzione istituzionali

72

Proposta di risoluzione sulla protezione dei minori migranti

25-04-2018 B8-0218/2018

Proposta di risoluzione sulla responsabilità sociale delle imprese

12-03-2018 B8-0154/2018

Proposta di risoluzione comune sul Gabon: repressione dell'opposizione

13-09-2017 RC-B8-0512/2017

Proposta di risoluzione comune sulla Cambogia, in particolare sul caso di Kem Sokha

13-09-2017 RC-B8-0506/2017

Proposta di risoluzione comune sulla situazione in Burundi

05-07-2017 RC-B8-0465/2017

Proposta di risoluzione comune sull'Eritrea, in particolare i casi di Abune Antonios e Dawit Isaak

05-07-2017 RC-B8-0464/2017

Proposte di risoluzione individuali

2

Dichiarazioni scritte

7

Dichiarazione scritta sul riesame della realizzazione della nuova linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione

24-10-2016 P8_DCL(2016)0111 Decaduta

Informazioni

Marco VALLI , Daniela AIUTO , Tiziana BEGHIN , Eleonora EVI , Curzio MALTESE , Eleonora FORENZA , Barbara SPINELLI , Karima DELLI , Michèle RIVASI , Isabella ADINOLFI , Marco AFFRONTE , Laura AGEA , David BORRELLI , Fabio Massimo CASTALDO , Ignazio CORRAO , Rosa D'AMATO , Laura FERRARA , Giulia MOI , Piernicola PEDICINI , Dario TAMBURRANO , Marco ZANNI , Marco ZULLO

Data di apertura : 24-10-2016
Scadenza : 24-01-2017
Numero di firmatari : 43 - 25-01-2017

Dichiarazione scritta sulla valutazione dell'impatto del regolamento (UE) n. 211/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 2011, sull'iniziativa dei cittadini

12-09-2016 P8_DCL(2016)0087 Decaduta

Informazioni

Victor NEGRESCU , Tomáš ZDECHOVSKÝ , Roberta METSOLA , Michał BONI , Ivan JAKOVČIĆ , Laura FERRARA , Emilian PAVEL , Nicola CAPUTO , Tibor SZANYI , Patricija ŠULIN

Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 45 - 13-12-2016

Dichiarazione scritta sulla prevenzione del sessismo commerciale contro le donne

12-09-2016 P8_DCL(2016)0067 Decaduta

Informazioni

Elissavet VOZEMBERG-VRIONIDI , Constance LE GRIP , Mary HONEYBALL , Jordi Vicent SEBASTIA TALAVERA , Teresa JIMÉNEZ-BECERRIL BARRIO , Laura FERRARA , Barbara MATERA , Liliana RODRIGUES , Marc TARABELLA , Cláudia MONTEIRO DE AGUIAR

Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 100 - 13-12-2016

Dichiarazione scritta sull'assistenza sanitaria per le persone transgender

01-02-2016 P8_DCL(2016)0011 Decaduta

Informazioni

Siôn SIMON , Miriam DALLI , Nessa CHILDERS , Marian HARKIN , Jeppe KOFOD , Daniele VIOTTI , Anja HAZEKAMP , Anneleen VAN BOSSUYT , Malin BJÖRK , Hugues BAYET , Laura FERRARA , Terry REINTKE

Data di apertura : 01-02-2016
Scadenza : 01-05-2016
Numero di firmatari : 76 - 02-05-2016

Dichiarazione scritta sull'abolizione della segregazione nelle scuole

14-10-2015 P8_DCL(2015)0060 Decaduta

Informazioni

Péter NIEDERMÜLLER , Filiz HYUSMENOVA , Malin BJÖRK , Laura FERRARA , Soraya POST , Cecilia WIKSTRÖM , Damian DRĂGHICI , Barbara LOCHBIHLER , Josef WEIDENHOLZER , Miltiadis KYRKOS , Sophia in 't VELD

Data di apertura : 14-10-2015
Scadenza : 14-01-2016
Numero di firmatari : 79 - 15-01-2016

Dichiarazione scritta sul cancro e la prevenzione primaria

05-10-2015 P8_DCL(2015)0054 Decaduta

Informazioni

Piernicola PEDICINI , Marco AFFRONTE , Laura AGEA , Daniela AIUTO , Tiziana BEGHIN , David BORRELLI , Fabio Massimo CASTALDO , Ignazio CORRAO , Rosa D'AMATO , Eleonora EVI , Laura FERRARA , Dario TAMBURRANO , Marco VALLI , Marco ZULLO , Rolandas PAKSAS , Nedzhmi ALI , Zigmantas BALČYTIS , Hugues BAYET , Brando BENIFEI , Mara BIZZOTTO , José BLANCO LÓPEZ , Biljana BORZAN , Lynn BOYLAN , Nicola CAPUTO , Nessa CHILDERS , Alberto CIRIO , Therese COMODINI CACHIA , Ian DUNCAN , Ismail ERTUG , Lampros FOUNTOULIS , Enrico GASBARRA , Juan Carlos GIRAUTA VIDAL , Antanas GUOGA , Hans-Olaf HENKEL , Stelios KOULOGLOU , Valentinas MAZURONIS , Victor NEGRESCU , Momchil NEKOV , Demetris PAPADAKIS , Pavel POC , Laurenţiu REBEGA , Matteo SALVINI , Christel SCHALDEMOSE , Ivan ŠTEFANEC , Tibor SZANYI , Ivo VAJGL , Tomáš ZDECHOVSKÝ

Data di apertura : 05-10-2015
Scadenza : 05-01-2016
Numero di firmatari : 146 - 06-01-2016

Dichiarazione scritta sulla lotta contro la criminalità organizzata

07-09-2015 P8_DCL(2015)0044 Decaduta

Informazioni

Laura FERRARA , Marco VALLI , Petri SARVAMAA , Bart STAES , Barbara SPINELLI , Ingeborg GRÄSSLE , Michael THEURER , Dennis de JONG , Monika HOHLMEIER , Benedek JÁVOR , Sergio Gaetano COFFERATI , Ignazio CORRAO , Fabio Massimo CASTALDO

Data di apertura : 07-09-2015
Scadenza : 07-12-2015
Numero di firmatari : 172 - 08-12-2015

Interrogazioni scritte

168

Centro di Permanenza per Rimpatri (CPR) di Palazzo San Gervasio (PZ)

07-05-2018 E-002504/2018 Commissione

Rapporto Acque di balneazione Calabria 2018 e scarsa qualità delle acque di balneazione di Reggio Calabria

03-05-2018 E-002485/2018 Commissione

Situazione dei rom apolidi

24-04-2018 E-002264/2018 Commissione

POR Calabria 2014/2020 - Sviluppo Territoriale Integrato: aree interne

19-04-2018 E-002207/2018 Commissione

POR Calabria 2014/2020 - Strategia di sviluppo delle aree urbane

19-04-2018 E-002206/2018 Commissione

Impatto sull'ambiente della tecnica dell'airgun per la ricerca di idrocarburi in mare

12-04-2018 E-002089/2018 Commissione

Distorsione negativa del mercato del lavoro per i cittadini over 30

11-04-2018 E-002065/2018 Commissione

Depurazione in Calabria: nuovi comuni in infrazione

03-04-2018 E-001983/2018 Commissione

Interrogazioni orali

24

Responsabilità sociale d'impresa

01-03-2018 O-000026/2018 Commissione

Interpellanza principale - Sforzi coordinati a livello UE per aumentare la copertura vaccinale

15-09-2017 O-000074/2017 Commissione

Effetti delle ordinanze del Tribunale sulla dichiarazione UE-Turchia

06-03-2017 O-000014/2017 Commissione

Interpellanza principale - La tragica situazione della Terra dei fuochi e dei suoi abitanti

06-02-2017 O-000011/2017 Commissione

Risposte della Commissione alle interrogazioni con richiesta di risposta scritta

10-01-2017 O-000003/2017 Commissione

Politiche e azioni dell'UE per proteggere i minori nel contesto della migrazione

17-10-2016 O-000126/2016 Commissione

Accordo di cooperazione con Philip Morris International (PMI)

28-06-2016 O-000100/2016 Commissione

Trasporto di animali d'allevamento verso la Turchia

24-06-2016 O-000096/2016 Commissione

Talidomide

29-02-2016 O-000035/2016 Commissione

Dichiarazioni di voto scritte

45

Relazione annuale 2016 sulla tutela degli interessi finanziari dell'Unione europea - Lotta contro la frode (A8-0135/2018 - Gilles Pargneaux)

03-05-2018

La relazione sulla relazione annuale 2016 sulla tutela degli interessi finanziari dell'Unione europea, ci fornisce, nell'ambito della consueta ricognizione sul tema, informazioni e dati utili ad elaborare azioni politiche mirate nel campo della lotta contro le frodi, nei confronti dell'UE.
In particolare si apprezza il biasimo espresso nei confronti della decisione della Commissione europea di non pubblicare più l'apposita relazione sulla corruzione. Non si condivide infatti la scelta della Commissione di effettuare il monitoraggio anticorruzione nel quadro del semestre europeo. Non vi è dubbio infatti che la lotta alla corruzione possa essere offuscata da altre questioni economiche e finanziarie in tale processo. D'altro canto, come sottolineato nella relazione, la lotta contro la corruzione è una questione di cooperazione giudiziaria e di polizia, un ambito strategico, in cui il Parlamento è colegislatore e ha pieni poteri di controllo, che non possono essere ignorati.

La protezione dei minori migranti (B8-0218/2018)

03-05-2018

Rafforzare la tutela dei minori coinvolti nei flussi migratori da ogni genere di abuso, violenza o sfruttamento, deve essere una priorità per l'Unione europea e per ogni Stato membro. Il principio dell'interesse superiore del minore deve essere posto alla base di ogni decisione ed azione che riguardi questa particolare categoria di soggetti vulnerabili. Sono pertanto condivisibili le esortazioni dirette alle autorità nazionali affinché vengano accelerate le procedure per la nomina dei tutori per i minori non accompagnati, vengano adottate le buone pratiche per garantire, oltre ad una dignitosa accoglienza in strutture idonee, il diritto all'assistenza sanitaria, al sostegno psicologico e all'istruzione, al fine di favorire l'integrazione ed offrire ai minori migranti un'adeguata protezione in tutte le fasi in cui vengono coinvolti.

Divieto globale per porre fine alla sperimentazione animale nel settore dei cosmetici (B8-0217/2018)

03-05-2018

Sarebbe veramente ora di porre fine alla sperimentazione sugli animali dei prodotti cosmetici e dei loro ingredienti e, conseguentemente, di vietarne il commercio su scala globale. L'UE ha fatto la sua parte con il regolamento (CE) n. 1223/2009 che introduce sia il "testing ban " sia il "marketing ban" . Questo impegno tuttavia non è sufficiente in quanto ancora nell'80% dei paesi del mondo, la sperimentazione animale è ancora permessa o addirittura richiesta dalla normativa nazionale.
Occorrerebbe introdurre dei divieti globali, analoghi a quelli oggi vigenti nell'UE. In tal senso occorrerebbe migliorare la documentazione informativa dei prodotti che giungono in Europa da paesi terzi, tenendo presente che i risultati dei test sugli animali eseguiti altrove non dovrebbero costituire prova della sicurezza dei cosmetici per il mercato dell'UE.
Sarebbe opportuno, infine, che le istituzioni dell'UE si impegnassero in sede multilaterale per facilitare, promuovere e sostenere la conclusione di una Convenzione internazionale contro la sperimentazione animale nel settore dei cosmetici.

Pluralismo e libertà dei media nell'Unione europea (A8-0144/2018 - Barbara Spinelli)

03-05-2018

Il pluralismo e libertà dei media nell'Unione europea sono elementi essenziali del diritto alla libertà di espressione, soprattutto nel contesto delle moderne tecnologie che hanno ampliato la democrazia partecipativa. Sono diversi gli aspetti inerenti a questa delicata tematica a cui il M5S ha sempre dato grande importanza, come gli effetti dei finanziamenti all'editoria o dell'elevata concentrazione della proprietà dei mezzi di informazione sulla libertà, l'integrità, la qualità e l'indipendenza del giornalismo e dei media radiotelevisivi. Si ritengono pertanto condivisibili molteplici punti analizzati nella relazione in cui viene trattata la necessità di garantire la neutralità della rete, la tutela dei giornalisti investigativi e dei whistleblowers , di assicurare l'accesso universale a internet condannando misure di controllo delle comunicazioni e di salvaguardare il rispetto della privacy dei cittadini.

Produzione biologica ed etichettatura dei prodotti biologici (A8-0311/2015 - Martin Häusling)

19-04-2018

Il regolamento relativo alla produzione biologica e all'etichettatura dei prodotti biologici, fa suoi gli interessi dei Paesi del Nord Europa, accogliendo un compromesso al ribasso, che mette a serio rischio il settore del biologico italiano.
L'Italia è uno di quei pochi paesi che impone ai produttori delle soglie di residui chimici su prodotti agricoli, per potere fregiarsi della denominazione "biologico". Queste soglie non sono previste nella quasi la totalità degli Stati europei.
L'armonizzazione prevista da questo regolamento consentirebbe, per esempio, residui di pesticidi all'interno di prodotti poi commercializzati con l'etichetta "biologico". Ciò mette a repentaglio l'intero comparto e minaccia le eccellenze agroalimentari italiane.
Il regolamento non andrà ad intaccare la legislazione italiana, ma certamente non impedirà la produzione e la commercializzazione di prodotti c.d. biologici provenienti dal resto d'Europa, il cui standard sarà inferiore ai prodotti italiani, con evidenti ricadute negative sia sui produttori sia sui consumatori. Per queste ragioni esprimo voto contrario alla sua approvazione.

Relazioni annuali 2015 e 2016 in materia di sussidiarietà e proporzionalità (A8-0141/2018 - Mady Delvaux)

18-04-2018

Dalla consueta relazione annuale sulla sussidiarietà e proporzionalità emerge l'aumento vertiginoso dei pareri motivati forniti dagli Stati membri: ben 65 pareri motivati nei confronti di 26 proposte della Commissione che rappresentano un aumento del 713% rispetto all'anno precedente (8 pareri motivati).
Non è irrilevante far notare che questo attivismo dei parlamenti nazionali si è verificato in concomitanza con la riduzione dell'attività legislativa della Commissione. Ciò dimostra quindi un positivo aumento dell'attenzione dei parlamenti nazionali rispetto all'attività legislativa dell'UE.
Da segnalare sono anche i numerosi pareri motivati sulla proposta di direttiva relativa al distacco dei lavoratori nel quadro della fornitura di servizi. Ciò, in particolare, ci consente di proporre una riflessione sul fatto che nonostante sia stata raggiunta la soglia prevista per attivare la cosiddetta procedura del "cartellino giallo", ancora una volta la Commissione ha deciso di non modificare la propria proposta. Un'ulteriore riprova che la procedura del "cartellino giallo" andrebbe riformata, al fine di dare una effettiva attuazione al principio di sussidiarietà previsto dal Trattato.
La relazione, in definitiva, appare nel suo complesso soddisfacente.

Inclusione delle emissioni e degli assorbimenti di gas a effetto serra risultanti dall'uso del suolo, dal cambiamento di uso del suolo e dalla silvicoltura nel quadro 2030 per il clima e l'energia (A8-0262/2017 - Norbert Lins)

17-04-2018

L'accordo informale raggiunto tra le Istituzioni UE in vista del voto sulla proposta di regolamento in questione presenta luci ed ombre. Positiva è la definizione dei livelli di riferimento per le foreste gestite, così come la possibilità di contabilizzare le emissioni e gli assorbimenti delle zone umide gestite tra il 2021 e il 2025 ed averla resa obbligatoria per tutti gli SM nel periodo 2026-2030. Al contrario, appare negativo il mantenimento delle flessibilità aggiuntive per il settore delle foreste gestite, che finiscono per favorire alcuni Stati membri che incentivano la biomassa forestale per la realizzazione dei target in materia di rinnovabili. Si tratta di un aspetto per noi problematico. Le superiori considerazioni non consentono un rigetto, ma nemmeno un'approvazione della proposta.

Riduzioni annuali vincolanti delle emissioni di gas a effetto serra per onorare gli impegni assunti a norma dell'accordo di Parigi (A8-0208/2017 - Gerben-Jan Gerbrandy)

17-04-2018

La proposta di regolamento che ci viene sottoposta sancisce il fallimento delle politiche volte a combattere il cambiamento climatico.
Registriamo oggi una significativa mancanza di ambizione rispetto alla necessità di ridurre effettivamente le emissioni di gas a effetto serra.
Approvare la proposta di compromesso stipulata dal Consiglio significherebbe piegarsi all'egoismo dei governi degli Stati membri che si sono rifiutati di accettare la proposta avanzata dal Parlamento UE per una riduzione globale delle emissioni di gas serra pari almeno al 30%. Una proposta forse non ancora sufficiente per contenere al di sotto di 2°C l'aumento della temperatura come chiesto dall'Accordo di Parigi, ma che avrebbe segnato in positivo l’impegno politico dell'UE in campo climatico.
Non possiamo accettare, quindi, una proposta di riduzione che si attesterà attorno al 25% delle emissioni totali né tanto meno il rinvio a maggio 2019 dell'inizio della traiettoria per la riduzione lineare delle emissioni tra il 2021 e il 2030. Si rischia così di vanificare ogni tentativo di ottenere un'effettiva ed efficace riduzione delle emissioni di gas serra.
Pertanto il mio voto non potrà che essere negativo.

Attuazione del 7° programma d'azione per l'ambiente (A8-0059/2018 - Daciana Octavia Sârbu)

17-04-2018

La relazione di iniziativa in questione si prefigge di valutare i progressi nella attuazione del 7° programma d'azione per l'ambiente (7°PAA), e lo fa in maniera abbastanza convincente.
La relazione infatti individua le criticità principali e le azioni che l'UE e gli Stati membri dovrebbero intraprendere fino al 2020 per cercare di facilitare l'attuazione del 7°PAA.
Certo, si sarebbe potuto esprimere un maggiore livello di ambizione sul piano politico, tuttavia non mancano i punti di contatto con gli obiettivi perseguiti dal Movimento 5 Stelle ed in particolare si apprezza la condanna alla Commissione europea per i progressi insufficienti nell'ambito della definizione di criteri armonizzati per l'identificazione degli interferenti endocrini nonché la richiesta di riformare il sistema di autorizzazione dei pesticidi in linea con le istanze dell'ICE "Stop Glifosato".
È altresì importante che si sia evidenziata la necessità di adottare piani per la qualità dell'aria dotati di misure credibili così come la necessità di pianificare lo sviluppo urbanistico in modo da favorire la circolazione di veicoli puliti e sostenere gli sforzi verso una mobilità a zero emissioni.
Tutto sommato si tratta di una buona relazione meritevole di approvazione.

La parità di genere nel settore dei media nell'UE (A8-0031/2018 - Michaela Šojdrová)

17-04-2018

La relazione sulla parità di genere nel settore dei media nell'Unione europea rappresenta un importante strumento di indirizzo politico volto a superare discriminazioni e cattive abitudini che oltre a danneggiare le donne producono effetti negativi sulla società. I media infatti esercitano un indiscutibile potere in grado di influenzare profondamente sia la vita politica sia quella sociale. Pertanto occorre perseguire modelli di funzionamento corretto ed equilibrato.
Sono condivisibili le preoccupazioni circa il ruolo delle donne le quali, fra l'altro, devono essere messe nelle condizioni di potere conciliare il loro ruolo all'interno della famiglia con la dignità di lavoratrici anche nel settore dell'informazione.
Va infine condannato l'aspetto stereotipato o addirittura sessista della donna utilizzato spesso in ambito pubblicitario.
In definitiva, l'approccio seguito nella relazione di iniziativa in questione appare, nel suo complesso, condivisibile.

Contatti

Bruxelles

  • Parlement européen
    Bât. Altiero Spinelli
    07H154
    60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
    B-1047 Bruxelles/Brussel

Strasbourg

  • Parlement européen
    Bât. Winston Churchill
    M03106
    1, avenue du Président Robert Schuman
    CS 91024
    F-67070 Strasbourg Cedex

Indirizzo postale

  • European Parliament
    Rue Wiertz
    Altiero Spinelli 07H154
    1047 Brussels