Laura FERRARA
  • Laura
    FERRARA
  • Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia diretta
  • Membro
  • Italia Movimento 5 Stelle
  • Data di nascita: 11 settembre 1983, Napoli

Interventi in seduta plenaria

183

Situazione dei migranti in Libia (discussione)

12-12-2017 P8_CRE-REV(2017)12-12(16)

Paradise Papers (discussione)

14-11-2017 P8_CRE-REV(2017)11-14(2)

Applicazione della direttiva sulla responsabilità ambientale (discussione)

26-10-2017 P8_CRE-REV(2017)10-26(7)

Applicazione della direttiva sulla responsabilità ambientale (discussione) (2)

26-10-2017 P8_CRE-REV(2017)10-26(7)

Relazioni in quanto relatore

12

RELAZIONE sulla richiesta di revoca dell'immunità di Ana Gomes

JURI
23-11-2017 A8-0363/2017

RELAZIONE sulla richiesta di revoca dell'immunità di Marine Le Pen

JURI
28-02-2017 A8-0047/2017

RELAZIONE sulla lotta contro la corruzione e il seguito dato alla risoluzione della commissione CRIM

LIBE
07-10-2016 A8-0284/2016

RELAZIONE sulla richiesta di revoca dell'immunità di Florian Philippot

JURI
28-01-2016 A8-0014/2016

RELAZIONE sulla situazione dei diritti fondamentali nell'Unione europea (2013-2014)

LIBE
16-07-2015 A8-0230/2015

Relazioni in quanto relatore ombra

27

RELAZIONE sulla situazione dei diritti fondamentali nell'Unione europea nel 2016

LIBE
13-02-2018 A8-0025/2018

RELAZIONE recante raccomandazioni alla Commissione concernenti norme di diritto civile sulla robotica

JURI
27-01-2017 A8-0005/2017

Pareri in quanto relatore ombra

7

  OPINION on the 2017 EU Justice Scoreboard

LIBE
16-04-2018 LIBE_AD(2018)618121

PARERE sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio relativo al riconoscimento reciproco dei provvedimenti di congelamento e di confisca

JURI
06-12-2017 JURI_AD(2017)599855

PARERE sull'accesso del pubblico ai documenti (articolo 116, paragrafo 7, del regolamento) per gli anni 2014-2015

JURI
18-02-2016 JURI_AD(2016)571798

PARERE su "Verso un atto per il mercato unico digitale"

JURI
07-12-2015 JURI_AD(2015)557273

PARERE sulla proposta di direttiva del Consiglio recante modifica della direttiva 2011/16/UE per quanto riguarda lo scambio automatico obbligatorio di informazioni nel settore fiscale

JURI
14-10-2015 JURI_AD(2015)565191

PARERE sulle raccomandazioni alla Commissione europea sui negoziati relativi al partenariato transatlantico su commercio e investimenti (TTIP)

JURI
04-05-2015 JURI_AD(2015)549425

PARERE sulla proposta di direttiva del Parlamento europeo e del Consiglio sul rafforzamento di alcuni aspetti della presunzione di innocenza e del diritto di presenziare al processo nei procedimenti penali

JURI
26-03-2015 JURI_AD(2015)546831

Institutional motions for resolutions

71

Proposta di risoluzione sulla responsabilità sociale delle imprese

12-03-2018 B8-0154/2018

Proposta di risoluzione comune sul Gabon: repressione dell'opposizione

13-09-2017 RC-B8-0512/2017

Proposta di risoluzione comune sulla Cambogia, in particolare sul caso di Kem Sokha

13-09-2017 RC-B8-0506/2017

Proposta di risoluzione comune sulla situazione in Burundi

05-07-2017 RC-B8-0465/2017

Proposta di risoluzione comune sull'Eritrea, in particolare i casi di Abune Antonios e Dawit Isaak

05-07-2017 RC-B8-0464/2017

Proposta di risoluzione comune sulla situazione nella Repubblica democratica del Congo

12-06-2017 RC-B8-0397/2017

Individual motions for resolutions

2

Dichiarazioni scritte

7

Dichiarazione scritta sul riesame della realizzazione della nuova linea ferroviaria ad alta velocità Torino-Lione

24-10-2016 P8_DCL(2016)0111 Decaduta

Informazioni

Marco VALLI , Daniela AIUTO , Tiziana BEGHIN , Eleonora EVI , Curzio MALTESE , Eleonora FORENZA , Barbara SPINELLI , Karima DELLI , Michèle RIVASI , Isabella ADINOLFI , Marco AFFRONTE , Laura AGEA , David BORRELLI , Fabio Massimo CASTALDO , Ignazio CORRAO , Rosa D'AMATO , Laura FERRARA , Giulia MOI , Piernicola PEDICINI , Dario TAMBURRANO , Marco ZANNI , Marco ZULLO

Data di apertura : 24-10-2016
Scadenza : 24-01-2017
Numero di firmatari : 43 - 25-01-2017

Dichiarazione scritta sulla valutazione dell'impatto del regolamento (UE) n. 211/2011 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio 2011, sull'iniziativa dei cittadini

12-09-2016 P8_DCL(2016)0087 Decaduta

Informazioni

Victor NEGRESCU , Tomáš ZDECHOVSKÝ , Roberta METSOLA , Michał BONI , Ivan JAKOVČIĆ , Laura FERRARA , Emilian PAVEL , Nicola CAPUTO , Tibor SZANYI , Patricija ŠULIN

Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 45 - 13-12-2016

Dichiarazione scritta sulla prevenzione del sessismo commerciale contro le donne

12-09-2016 P8_DCL(2016)0067 Decaduta

Informazioni

Elissavet VOZEMBERG-VRIONIDI , Constance LE GRIP , Mary HONEYBALL , Jordi Vicent SEBASTIA TALAVERA , Teresa JIMÉNEZ-BECERRIL BARRIO , Laura FERRARA , Barbara MATERA , Liliana RODRIGUES , Marc TARABELLA , Cláudia MONTEIRO DE AGUIAR

Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 100 - 13-12-2016

Dichiarazione scritta sull'assistenza sanitaria per le persone transgender

01-02-2016 P8_DCL(2016)0011 Decaduta

Informazioni

Siôn SIMON , Miriam DALLI , Nessa CHILDERS , Marian HARKIN , Jeppe KOFOD , Daniele VIOTTI , Anja HAZEKAMP , Anneleen VAN BOSSUYT , Malin BJÖRK , Hugues BAYET , Laura FERRARA , Terry REINTKE

Data di apertura : 01-02-2016
Scadenza : 01-05-2016
Numero di firmatari : 76 - 02-05-2016

Dichiarazione scritta sull'abolizione della segregazione nelle scuole

14-10-2015 P8_DCL(2015)0060 Decaduta

Informazioni

Péter NIEDERMÜLLER , Filiz HYUSMENOVA , Malin BJÖRK , Laura FERRARA , Soraya POST , Cecilia WIKSTRÖM , Damian DRĂGHICI , Barbara LOCHBIHLER , Josef WEIDENHOLZER , Miltiadis KYRKOS , Sophia in 't VELD

Data di apertura : 14-10-2015
Scadenza : 14-01-2016
Numero di firmatari : 79 - 15-01-2016

Dichiarazione scritta sul cancro e la prevenzione primaria

05-10-2015 P8_DCL(2015)0054 Decaduta

Informazioni

Piernicola PEDICINI , Marco AFFRONTE , Laura AGEA , Daniela AIUTO , Tiziana BEGHIN , David BORRELLI , Fabio Massimo CASTALDO , Ignazio CORRAO , Rosa D'AMATO , Eleonora EVI , Laura FERRARA , Dario TAMBURRANO , Marco VALLI , Marco ZULLO , Rolandas PAKSAS , Nedzhmi ALI , Zigmantas BALČYTIS , Hugues BAYET , Brando BENIFEI , Mara BIZZOTTO , José BLANCO LÓPEZ , Biljana BORZAN , Lynn BOYLAN , Nicola CAPUTO , Nessa CHILDERS , Alberto CIRIO , Therese COMODINI CACHIA , Ian DUNCAN , Ismail ERTUG , Lampros FOUNTOULIS , Enrico GASBARRA , Juan Carlos GIRAUTA VIDAL , Antanas GUOGA , Hans-Olaf HENKEL , Stelios KOULOGLOU , Valentinas MAZURONIS , Victor NEGRESCU , Momchil NEKOV , Demetris PAPADAKIS , Pavel POC , Laurenţiu REBEGA , Matteo SALVINI , Christel SCHALDEMOSE , Ivan ŠTEFANEC , Tibor SZANYI , Ivo VAJGL , Tomáš ZDECHOVSKÝ

Data di apertura : 05-10-2015
Scadenza : 05-01-2016
Numero di firmatari : 146 - 06-01-2016

Dichiarazione scritta sulla lotta contro la criminalità organizzata

07-09-2015 P8_DCL(2015)0044 Decaduta

Informazioni

Laura FERRARA , Marco VALLI , Petri SARVAMAA , Bart STAES , Barbara SPINELLI , Ingeborg GRÄSSLE , Michael THEURER , Dennis de JONG , Monika HOHLMEIER , Benedek JÁVOR , Sergio Gaetano COFFERATI , Ignazio CORRAO , Fabio Massimo CASTALDO

Data di apertura : 07-09-2015
Scadenza : 07-12-2015
Numero di firmatari : 172 - 08-12-2015

Interrogazioni scritte

159

Depurazione in Calabria: nuovi comuni in infrazione

03-04-2018 E-001983/2018 Commissione

Fondi europei alla Turchia per acquisto di materiale militare

26-03-2018 E-001820/2018 Commissione

Frode fondi strutturali e 'ndrangheta in Slovacchia

05-03-2018 E-001354/2018 Commissione

Tirocinanti di giustizia regionali e risorse FSE

20-02-2018 E-001052/2018 Commissione

Ritardi nel progetto PISL "Lorica Hamata in Sila Amena"

14-02-2018 E-000936/2018 Commissione

Certificazione lavoratori marittimi e Convenzione IMO STCW

25-01-2018 E-000411/2018 Commissione

Precariato negli enti pubblici di ricerca italiani

19-12-2017 E-007837/2017 Commissione

Interrogazioni orali

24

Responsabilità sociale d'impresa

01-03-2018 O-000026/2018 Commissione

Interpellanza principale - Sforzi coordinati a livello UE per aumentare la copertura vaccinale

15-09-2017 O-000074/2017 Commissione

Effetti delle ordinanze del Tribunale sulla dichiarazione UE-Turchia

06-03-2017 O-000014/2017 Commissione

Interpellanza principale - La tragica situazione della Terra dei fuochi e dei suoi abitanti

06-02-2017 O-000011/2017 Commissione

Risposte della Commissione alle interrogazioni con richiesta di risposta scritta

10-01-2017 O-000003/2017 Commissione

Politiche e azioni dell'UE per proteggere i minori nel contesto della migrazione

17-10-2016 O-000126/2016 Commissione

Accordo di cooperazione con Philip Morris International (PMI)

28-06-2016 O-000100/2016 Commissione

Trasporto di animali d'allevamento verso la Turchia

24-06-2016 O-000096/2016 Commissione

Talidomide

29-02-2016 O-000035/2016 Commissione

Dichiarazioni di voto scritte

34

Riduzione delle emissioni più efficace sotto il profilo dei costi e investimenti a favore di basse emissioni di carbonio (A8-0003/2017 - Julie Girling)

06-02-2018

Il compromesso sulla riforma ETS non elimina ma addirittura acuisce le criticità presenti nella relazione del Parlamento europeo.
Riteniamo che l'ETS nel periodo 2020-2030 avrà effetti insoddisfacenti al fine di ridurre le emissioni GHG responsabili dei cambiamenti climatici, incentivando piuttosto il proseguimento della speculazione sul mercato delle quote.
Come Movimento 5 Stelle riteniamo che l'ETS non possa costituire la "pietra angolare" della politica climatica dell'UE e, per diverse ragioni, non ci appare uno strumento credibile. È necessario introdurre misure unionali e nazionali più forti, a favore dell'efficienza energetica e, soprattutto, della produzione di energia da fonti rinnovabili al fine di raggiungere l'obiettivo di tenere sotto controllo l'aumento della temperatura media globale ben al di sotto di 2°C in più rispetto ai livelli preindustriali e di proseguire gli sforzi per limitarlo a 1,5°C nel lungo periodo.
Il voto, pertanto, non può che essere negativo.

Trattato di Marrakech: facilitare l'accesso alle opere pubblicate per le persone non vedenti, con disabilità visive o con altre difficoltà nella lettura di testi a stampa (A8-0400/2017 - Max Andersson)

18-01-2018

Il trattato di Marrakesh è un testo fondamentale che restituisce alle persone non vedenti e ipovedenti, il diritto fondamentale ad accedere alla cultura e all'informazione su un piano paritario rispetto agli altri cittadini.
Occorre aumentare la percentuale di libri disponibili in formati accessibili ai non vedenti che, all'interno dell'Unione europea, oscilla appena tra il 7% e il 20%, a fronte di circa 30 milioni di persone affette da questo tipo di disabilità.
Interessi nazionali e pressioni delle lobby dell'editoria hanno fatto in modo che la ratifica di questo trattato "slittasse" dal 2013 fino ad oggi.
Pressioni e interessi che sono emersi anche nei triloghi, laddove si è cercato di introdurre alcune limitazioni al trattato, nel timore che questo potesse mettere a repentaglio i proventi delle opere.
Ciononostante è stato raggiunto un compromesso accettabile: si parla infatti del diritto di persone disabili all'accesso alla cultura. Diritto che non può essere messo in alcun modo in secondo piano rispetto alla massimizzazione del profitto.

Conservazione delle risorse della pesca e protezione degli ecosistemi marini attraverso misure tecniche (A8-0381/2017 - Gabriel Mato)

16-01-2018

La messa al bando definitiva dell'energia elettrica nella pesca, sancita oggi dal Parlamento europeo, è il risultato di un voto storico, oltre che una vittoria della linea politica sostenuta dal Movimento 5 Stelle.
Con questo voto il Parlamento europeo lancia un segnale forte e chiaro alla lobby della pesca industriale: la sua maggioranza ha infatti a cuore l'ecosistema marino e la pesca tradizionale. Decisivi sono stati, peraltro, due emendamenti presentati dal gruppo EFDD - Movimento 5 Stelle.
Grazie a noi la pesca elettrica non verrà più considerata un metodo innovativo di pesca e, in definitiva, possiamo affermare che le lobby industriali della pesca intensiva e senza scrupoli non hanno vinto e che l'ambiente marino, è un po' più salvaguardato.
L'auspicio, adesso, è che il voto del Parlamento non venga stravolto in sede di negoziati interistituzionali.

Progetto di raccomandazione in seguito all'inchiesta sul riciclaggio di denaro, l'elusione e l'evasione fiscale (B8-0660/2017)

13-12-2017

Esprimo apprezzamento per il testo finale della commissione speciale PANA, che costituisce un buon compromesso per fare luce sui meccanismi alla base degli schemi di pianificazione fiscale aggressiva, dell'evasione e del riciclaggio. Vengono analizzate le criticità del sistema e il ruolo di alcuni Stati, evidenziando altresì le numerose lacune presenti nell'attuale normativa a livello UE e a livello nazionale in materia fiscale e di riciclaggio.
Auspico che la raccomandazione del Parlamento possa essere raccolta dalle altre istituzioni, al fine di poter portare a termine o avviare le riforme essenziali, tra cui quella relativa alla base imponibile comune consolidata per le multinazionali (CCCTB), la rendicontazione pubblica paese per paese (CBCR) e il registro pubblico dei titolari effettivi delle società.
La società civile esprime una forte domanda di maggiore trasparenza e di una più equa ed effettiva giustizia fiscale. Condividiamo con convinzione queste istanze, che intendiamo implementare nelle competenti sedi istituzionali.

Relazione sulla cittadinanza dell'Unione 2017: Rafforzare i diritti dei cittadini in un'Unione di cambiamento democratico (A8-0385/2017 - Beatriz Becerra Basterrechea)

12-12-2017

La relazione sulla cittadinanza dell'UE 2017 presenta profili positivi con riferimento alla tutela dei diritti fondamentali nonché alla critica alle politiche di austerità.
Sussistono tuttavia diversi profili problematici, come per es. quello relativo al riconoscimento della cittadinanza agli apolidi, ovvero la richiesta di una politica UE su fake-news e propaganda anti-europea, e ancora la proposta di introdurre liste transnazionali per l'attribuzione dei seggi alle elezioni al Parlamento europeo. Si tratta di questioni che ci lasciano abbastanza perplessi. Pertanto, coerentemente con la decisione della delegazione del M5S, non esprimerò un voto favorevole.

La strategia UE-Africa: un impulso per lo sviluppo (A8-0334/2017 - Maurice Ponga)

16-11-2017

Da secoli l'Europa ha sfruttato le risorse del continente africano, esercitando un'azione tale da rendersi corresponsabile, in diversi casi, di instabilità politica, sociale ed economica che hanno interessato diversi Stati. Ora che avvertiamo la forte pressione dei flussi migratori provenienti dall'Africa, si dibatte soprattutto su come aiutare quel continente a svilupparsi affinchè venga anche posto un argine a quei flussi. Ciò richiede un ripensamento radicale del nostro sistema economico e sociale che non può lasciare spazio a nessuna ipocrisia. Le multinazionali continuano a sfruttare uomini, donne e bambini di quelle terre e i signori della guerra, ai quali noi vendiamo armi, continuano a uccidere, torturare e a vietare ogni tipo di diritto umano. Parte delle risposte per l'emancipazione dei popoli oltre il Mediterraneo risiedono qui, nelle nostre politiche economiche e nei nostri consumi. Per cambiare rotta, non bastano le parole.

Stato di diritto a Malta (B8-0596/2017, B8-0597/2017)

15-11-2017

Quanto accaduto a Malta, con l'omicidio efferato, di Daphne Caruana Galizia, giornalista che stava indagando sui Panama Papers e i legami tra questi e il potere politico dell'isola, è indegno di un'Unione, che dice di fondarsi, sui principi di democrazia, pluralismo e libertà di stampa e di opinione. Tale fatto è la manifestazione di un sistema che sembra così radicato e potente, da arrivare ad uccidere brutalmente una donna che rappresentava un esempio di giornalismo di inchiesta, svolto con scrupolo e senso del dovere: un sistema che ha dimostrato di minacciare e corrompere, la qualità dello stato di diritto, della democrazia e dei diritti fondamentali. Trovo pertanto condivisibili gli strumenti delineati nella risoluzione, per far luce su quanto sta avvenendo a Malta: si attivi un' inchiesta internazionale, si coinvolga Europol e si verifichi che Malta rispetti e dia attuazione, ai principi della direttiva antiriciclaggio. È fondamentale chiarire e mantenere alta l'attenzione, sui comportamenti posti in essere, dai soggetti istituzionali di quel paese, su questi temi, sui legami tra finanza malata, criminalità organizzata e corruzione politica.

Controllo dell'applicazione del diritto dell'Unione europea (2015) (A8-0265/2017 - Kostas Chrysogonos)

26-10-2017

Gli Stati membri dell'Unione europea sono soggetti a procedure di infrazione soprattutto in tre settori: la mobilità e i trasporti, l'energia e l'ambiente.
Secondo gli ultimi dati a disposizione del Parlamento europeo, nel 2015 c'è stata una diminuzione del 30 % dei fascicoli aperti rispetto al 2014 ma il tasso medio di risoluzione è rimasto invariato, al 75 %. E se è vero che i reclami sono diminuiti del 9 %, è altrettanto inconfutabile che l'occupazione, gli affari sociali e l'inclusione sono i campi in cui si registrano i maggiori numeri di nuovi reclami.
In generale poi tali settori, in aggiunta a quelli di mercato interno, industria, imprenditoria, giustizia, consumatori, fiscalità, unione doganale e ambiente, rappresentano il 72 % di tutti i reclami presentati nei confronti degli Stati membri nel 2015.
Nell'appoggiare la relazione del collega Chrysogonos sottolineo l'importanza, da lui evidenziata, di dare al Parlamento il potere di controllo dell'applicazione dei regolamenti, così come avviene già per le direttive, e condivido l'ammonimento alla Commissione di presentare in tempi rapidi le informazioni sull'attuazione delle legge dell'Unione, così come prevede l'accordo quadro tra Parlamento e Commissione.

Protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni (A8-0064/2017 - Marita Ulvskog)

25-10-2017

Il cancro è la seconda causa di morte nell'Unione e la prima se si contano i soli decessi legati al lavoro. Ma, cosa più importante di tutte: tutti i tumori legati alle professioni possono essere prevenuti. Considerare il lavoro come possibile fonte di malessere, malattia e morte è un grave segno di una disfunzione del sistema economico, più interessato alla produzione che non al benessere delle persone. Il lavoro, invece, dovrebbe essere uno strumento di vita, permettendo alle persone il raggiungimento e la realizzazione di obiettivi anche privati.
In considerazione di questi elementi, approvo la relazione sulla proposta di direttiva sulla protezione dei lavoratori contro i rischi derivanti da un'esposizione ad agenti cancerogeni o mutageni duranti il lavoro. In particolare, considero molto importante aver introdotto nuovi agenti reprotossici nel campo d'azione della direttiva e aver abbassato i limiti su sostanze nocive per la salute umana. Si tratta di un primo passo verso una ambizione ancora più ampia di protezione dei lavoratori.

Istituzione di un sistema di ingressi/uscite per la registrazione dei dati di ingresso e di uscita dei cittadini di paesi terzi che attraversano le frontiere esterne dell'UE (A8-0057/2017 - Agustín Díaz de Mera García Consuegra)

25-10-2017

Omologare e armonizzare le norme relative all'uso dei sistemi informatizzati e automatizzati per l'attraversamento delle frontiere è uno dei passi da compiere se si vuole facilitare l'attraversamento delle frontiere senza creare disuguaglianze tra gli Stati membri ed offrire un potenziale strumento di contrasto alla criminalità transnazionale.
Ciò premesso, vanno comunque sottolineati gli aspetti critici del sistema, in particolare sul piano economico, in quanto gli Stati saranno chiamati ad adattare i propri valichi di frontiera con la necessaria tecnologia. Dovremo, quindi, tenere alta la guardia per fare in modo che il sistema sia realizzato senza differenze tra i paesi membri e con il minor impatto possibile sulle casse nazionali.

Contatti

Bruxelles

  • Parlement européen
    Bât. Altiero Spinelli
    07H154
    60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
    B-1047 Bruxelles/Brussel

Strasbourg

  • Parlement européen
    Bât. Winston Churchill
    M03106
    1, avenue du Président Robert Schuman
    CS 91024
    F-67070 Strasbourg Cedex

Indirizzo postale

  • European Parliament
    Rue Wiertz
    Altiero Spinelli 07H154
    1047 Brussels