Brando BENIFEI
  • Brando
    BENIFEI
  • Gruppo dell'Alleanza progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo
  • Membro
  • Italia Partito Democratico
  • Data di nascita: 1 gennaio 1986, La Spezia

Interventi in seduta plenaria

506

Situazione in Cisgiordania, inclusi gli insediamenti (discussione)

14-02-2017 P8_CRE-PROV(2017)02-14(14)

Un pilastro europeo dei diritti sociali (discussione)

19-01-2017 P8_CRE-REV(2017)01-19(3)

Procedure di insolvenza e amministratori delle procedure di insolvenza (A8-0324/2016 - Tadeusz Zwiefka)

14-12-2016 P8_CRE-PROV(2016)12-14(10.1)

Accordo UE-Norvegia sul reciproco accesso alle zone di pesca nello Skagerrak (A8-0321/2016 - Jørn Dohrmann)

14-12-2016 P8_CRE-PROV(2016)12-14(10.5)

Accordo sulla cooperazione operativa e strategica tra la Georgia ed Europol (A8-0343/2016 - Claude Moraes)

14-12-2016 P8_CRE-PROV(2016)12-14(10.7)

Relazioni in quanto relatore

1

RELAZIONE sui rifugiati: inclusione sociale e integrazione nel mercato del lavoro

EMPL
10-06-2016 A8-0204/2016

Relazioni in quanto relatore ombra

6

RELAZIONE sull'imprenditoria sociale e l'innovazione sociale nella lotta alla disoccupazione

EMPL
30-07-2015 A8-0247/2015

Pareri in quanto relatore ombra

5

PARERE sul progetto di decisione del Consiglio relativo alla conclusione di un protocollo all'accordo di partenariato e di cooperazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Repubblica dell'Uzbekistan, dall'altra, che modifica l'accordo per estendere le disposizioni dello stesso al commercio bilaterale dei tessili, tenendo conto della scadenza dell'accordo bilaterale sui tessili

AFET
25-10-2016 AFET_AD(2016)589215

PARERE sul progetto di decisione del Consiglio relativo alla conclusione di un protocollo all'accordo di partenariato e di cooperazione che definisce un partenariato tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da un lato, e la Repubblica dell'Uzbekistan, dall'altro, che modifica l'accordo al fine di estenderne le disposizioni al commercio bilaterale dei tessili, tenendo conto della scadenza dell'accordo bilaterale sui tessili

AFET
25-10-2016 AFET_AD(2016)587749

PARERE sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un elenco comune dell'UE di paesi di origine sicuri ai fini della direttiva 2013/32/UE del Parlamento europeo e del Consiglio recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca della protezione internazionale, e che modifica la direttiva 2013/32/UE

AFET
15-06-2016 AFET_AD(2016)578500

PARERE su una nuova strategia innovativa e orientata al futuro sul commercio e gli investimenti

AFET
18-04-2016 AFET_AD(2016)573135

PARERE sulle imprese a conduzione familiare in Europa

EMPL
11-05-2015 EMPL_AD(2015)546701

Proposte di risoluzione

170

Proposta di risoluzione comune sui casi dell'accademia buddista tibetana Larung Gar e di Ilham Tohti

14-12-2016 RC-B8-1346/2016

Proposta di risoluzione comune sulla situazione della minoranza rohingya in Myanmar/Birmania

14-12-2016 RC-B8-1345/2016

Proposta di risoluzione comune sulle fosse comuni in Iraq

14-12-2016 RC-B8-1344/2016

  Motion for a resolution on the situation of the Rohingya minority in Myanmar

12-12-2016 B8-1363/2016

N.B.: questa proposta di risoluzione è disponibile soltanto nella lingua originale

  Motion for a resolution on mass graves in Iraq

12-12-2016 B8-1362/2016

N.B.: questa proposta di risoluzione è disponibile soltanto nella lingua originale

  Motion for a resolution on the cases of the Larung Gar Tibetan Buddhist Academy and Ilham Tohti

12-12-2016 B8-1361/2016

N.B.: questa proposta di risoluzione è disponibile soltanto nella lingua originale

Proposta di risoluzione comune sulle relazioni UE-Turchia

23-11-2016 RC-B8-1276/2016

Proposta di risoluzione comune sul caso di Ildar Dadin, prigioniero di coscienza in Russia

23-11-2016 RC-B8-1261/2016

Proposta di risoluzione comune sul caso di Gui Minhai, editore incarcerato in Cina

23-11-2016 RC-B8-1256/2016

Dichiarazioni scritte

13

Dichiarazione scritta sulla necessità di sostenere e promuovere l'occupabilità dei giovani nella regione euromediterranea

24-10-2016 P8_DCL(2016)0116 Decaduta

Informazioni

Tokia SAÏFI , Mariya GABRIEL , Santiago FISAS AYXELÀ , Lorenzo CESA , Brando BENIFEI , Alessia Maria MOSCA , Inés AYALA SENDER , Marielle de SARNEZ , Ivo VAJGL , María Teresa GIMÉNEZ BARBAT , Marie-Christine VERGIAT , Fabio Massimo CASTALDO

Data di apertura : 24-10-2016
Scadenza : 24-01-2017
Numero di firmatari : 88 - 25-01-2017

Dichiarazione scritta sulle misure volte a combattere l'omofobia, la transfobia e la bifobia nell'UE

12-09-2016 P8_DCL(2016)0100 Decaduta

Informazioni

José BLANCO LÓPEZ , Daniele VIOTTI , Tanja FAJON , Eider GARDIAZABAL RUBIAL , Hugues BAYET , Deirdre CLUNE , José Inácio FARIA , Takis HADJIGEORGIOU , Terry REINTKE , Brando BENIFEI , Jonás FERNÁNDEZ

Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 51 - 13-12-2016

Dichiarazione scritta sulle condizioni di lavoro del personale addetto alla pulizia degli hotel nell'Unione europea

12-09-2016 P8_DCL(2016)0076 Decaduta

Informazioni

Tania GONZÁLEZ PEÑAS , Enrique CALVET CHAMBON , Brando BENIFEI , Thomas HÄNDEL , Siôn SIMON , Laura AGEA , Jean LAMBERT , Kostadinka KUNEVA , Ernest URTASUN , Merja KYLLÖNEN , Eleonora FORENZA

Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 76 - 13-12-2016

Dichiarazione scritta sulle cartelle cliniche elettroniche

27-04-2016 P8_DCL(2016)0050 Decaduta

Informazioni

Victor NEGRESCU , Giovanni LA VIA , Biljana BORZAN , Françoise GROSSETÊTE , Eva KAILI , Cristian-Silviu BUŞOI , Ivo VAJGL , Nessa CHILDERS , Enrico GASBARRA , Milan ZVER , Philippe DE BACKER , Kateřina KONEČNÁ , Piernicola PEDICINI , Ivan JAKOVČIĆ , José BLANCO LÓPEZ , Nicola CAPUTO , Fabio Massimo CASTALDO , Brando BENIFEI , Eva MAYDELL , Cătălin Sorin IVAN

Data di apertura : 27-04-2016
Scadenza : 27-07-2016
Numero di firmatari : 88 - 28-07-2016

Dichiarazione scritta sul sostegno all'aumento delle toilette accessibili per le persone con disabilità nell'UE

27-04-2016 P8_DCL(2016)0044 Decaduta

Informazioni

Daniel DALTON , Lucy ANDERSON , Mairead McGUINNESS , Marian HARKIN , Julia REDA , Anthea McINTYRE , Helga STEVENS , Anneleen VAN BOSSUYT , Olga SEHNALOVÁ , Antanas GUOGA , Brando BENIFEI

Data di apertura : 27-04-2016
Scadenza : 27-07-2016
Numero di firmatari : 124 - 28-07-2016

Dichiarazione scritta sui tirocini non retribuiti e di bassa qualità

11-04-2016 P8_DCL(2016)0031 Decaduta

Informazioni

Siôn SIMON , Maria ARENA , Brando BENIFEI , Sylvie GUILLAUME , Edouard MARTIN , Evelyn REGNER , Jutta STEINRUCK , Tamás MESZERICS , Laura AGEA , Tiziana BEGHIN

Data di apertura : 11-04-2016
Scadenza : 11-07-2016
Numero di firmatari : 146 - 12-07-2016

Dichiarazione scritta sulla segnaletica dell'ultima uscita prima di una strada a pedaggio

11-04-2016 P8_DCL(2016)0025 Decaduta

Informazioni

Richard SULÍK , Brando BENIFEI , Izaskun BILBAO BARANDICA , Jan KELLER , Merja KYLLÖNEN , Dieter-Lebrecht KOCH , Stelios KOULOGLOU , Tania GONZÁLEZ PEÑAS , Miroslav POCHE , Tibor SZANYI , Olga SEHNALOVÁ , Joachim STARBATTY

Data di apertura : 11-04-2016
Scadenza : 11-07-2016
Numero di firmatari : 70 - 12-07-2016

Dichiarazione scritta sul diabete

01-02-2016 P8_DCL(2016)0008 Conclusa con maggioranza

Informazioni

Nicola CAPUTO , Therese COMODINI CACHIA , Christel SCHALDEMOSE , Sirpa PIETIKÄINEN , Dame Glenis WILLMOTT , Marc TARABELLA , Simona BONAFÈ , Daciana Octavia SÂRBU , Bogdan Brunon WENTA , Nicola DANTI , Tomáš ZDECHOVSKÝ , Marisa MATIAS , Marlene MIZZI , Elena GENTILE , Doru-Claudian FRUNZULICĂ , Enrico GASBARRA , Tibor SZANYI , Renato SORU , Luigi MORGANO , Theodoros ZAGORAKIS , Damiano ZOFFOLI , Ricardo SERRÃO SANTOS , Renata BRIANO , Carlos ZORRINHO , Isabella DE MONTE , Silvia COSTA , Brando BENIFEI

Data di apertura : 01-02-2016
Scadenza : 01-05-2016
Data di approvazione : 02-05-2016
L'elenco dei firmatari è pubblicato nell'allegato 02 del processo verbale del 09-05-2016
Numero di firmatari : 405 - 02-05-2016

Dichiarazione scritta sulla promozione della mobilità professionale degli istruttori di fitness mediante il riconoscimento delle loro competenze e qualifiche

11-11-2015 P8_DCL(2015)0067 Decaduta

Informazioni

Antanas GUOGA , Pavel TELIČKA , Santiago FISAS AYXELÀ , Brando BENIFEI , Marc TARABELLA , Sofia SAKORAFA , Lefteris CHRISTOFOROU , Theodoros ZAGORAKIS , Ulla TØRNÆS , Bogdan Brunon WENTA , Angel DZHAMBAZKI , Demetris PAPADAKIS , Seán KELLY

Data di apertura : 11-11-2015
Scadenza : 11-02-2016
Numero di firmatari : 51 - 12-02-2016

Dichiarazione scritta sul cancro e la prevenzione primaria

05-10-2015 P8_DCL(2015)0054 Decaduta

Informazioni

Piernicola PEDICINI , Marco AFFRONTE , Laura AGEA , Daniela AIUTO , Tiziana BEGHIN , David BORRELLI , Fabio Massimo CASTALDO , Ignazio CORRAO , Rosa D'AMATO , Eleonora EVI , Laura FERRARA , Dario TAMBURRANO , Marco VALLI , Marco ZULLO , Rolandas PAKSAS , Nedzhmi ALI , Zigmantas BALČYTIS , Hugues BAYET , Brando BENIFEI , Mara BIZZOTTO , José BLANCO LÓPEZ , Biljana BORZAN , Lynn BOYLAN , Nicola CAPUTO , Nessa CHILDERS , Alberto CIRIO , Therese COMODINI CACHIA , Ian DUNCAN , Ismail ERTUG , Lampros FOUNTOULIS , Enrico GASBARRA , Juan Carlos GIRAUTA VIDAL , Antanas GUOGA , Hans-Olaf HENKEL , Stelios KOULOGLOU , Valentinas MAZURONIS , Victor NEGRESCU , Momchil NEKOV , Demetris PAPADAKIS , Pavel POC , Laurenţiu REBEGA , Matteo SALVINI , Christel SCHALDEMOSE , Ivan ŠTEFANEC , Tibor SZANYI , Ivo VAJGL , Tomáš ZDECHOVSKÝ

Data di apertura : 05-10-2015
Scadenza : 05-01-2016
Numero di firmatari : 146 - 06-01-2016

Interrogazioni parlamentari

79

Glifosato

10-03-2017 E-001670/2017

Interferenti endocrini (EDC)

22-02-2017 E-001193/2017

Divieto dell'UE concernente la circolazione degli animali selvatici da circo

14-02-2017 O-000013/2017

Interpellanza minore - VP/HR - Politica israeliana in materia di insediamenti

27-01-2017 O-000006/2017

Risposte della Commissione alle interrogazioni con richiesta di risposta scritta

10-01-2017 O-000003/2017

Rischi per la salute connessi al consumo di oli vegetali, in particolare di oli di palma

06-01-2017 O-000001/2017

Reintroduzione della sterilizzazione forzata delle persone transgender in Slovacchia

28-11-2016 E-008856/2016

Attrezzature per la mobilità dei passeggeri con disabilità

22-11-2016 E-008724/2016

Accessibilità per i passeggeri con disabilità nell'ambito del trasporto aereo

22-11-2016 E-008723/2016

Dichiarazioni di voto scritte

63

Implicazioni costituzionali, giuridiche e istituzionali di una politica comune di sicurezza e di difesa: possibilità offerte dal trattato di Lisbona (A8-0042/2017 - Esteban González Pons, Michael Gahler)

16-03-2017

Oggi ho votato a favore della relazione dei colleghi Gahler e González Pons sulle Implicazioni costituzionali, giuridiche e istituzionali di una politica comune di sicurezza e di difesa: possibilità offerte dal trattato di Lisbona.
Lo sviluppo della PSDC si poggia su valori condivisi e interessi comuni. In tal senso, è necessaria una reale volontà politica degli Stati membri e, contestualmente, l'istituzione di solide strutture di cooperazione istituzionale; la PSDC dovrebbe essere una politica comune e non una semplice somma delle politiche nazionali degli Stati membri. Il testo sottolinea che la sicurezza e la difesa costituiscono un ambito in cui il valore aggiunto europeo può essere facilmente dimostrato, sia in termini di vantaggi economici e di efficienza, dotando gli Stati membri di una capacità rafforzata e più efficace in termini di costi tramite l'aumento della coerenza, del coordinamento e dell'interoperabilità nel settore della sicurezza e della difesa, sia in termini di contributo al consolidamento della solidarietà e della coesione all'interno dell'Unione.

Relazione 2016 sul Montenegro (A8-0050/2017 - Charles Tannock)

16-03-2017

Oggi ho votato a favore della relazione 2016 sul Montenegro del collega Tannock. Il testo sottolinea il progresso costante nell'integrazione del Montenegro nell'UE; incoraggiando il Montenegro ad accelerare le riforme, aumentando gli sforzi per soddisfare tutti i parametri di riferimento e continuare a focalizzarsi sugli aspetti fondamentali del processo di adesione, in particolare nel campo dello Stato di diritto, della giustizia e della lotta contro la corruzione e la criminalità organizzata.

e-democrazia nell'Unione europea: potenziale e sfide (A8-0041/2017 - Ramón Jáuregui Atondo)

16-03-2017

L'applicazione e lo sviluppo delle nuove tecnologie dell'informazione e della comunicazione (TIC) stanno cambiando profondamente le società moderne. Si tratta di una grande rivoluzione tecnologica i cui esponenti principali sono Internet e le diverse reti di comunicazione e interazione sociale ad esso associate. Anche il settore della politica, in particolare l'aspetto della partecipazione dei cittadini, non sfugge al suo impatto.
La relazione del collega Jáuregui Atondo, che oggi ho sostenuto, riconosce la democrazia elettronica quale strumento per promuovere la cultura democratica, arricchendo e potenziando le pratiche democratiche, fornendo mezzi aggiuntivi per aumentare la trasparenza e la partecipazione dei cittadini. Il testo, tuttavia, sottolinea che l’e-democrazia non rappresenta un sistema democratico alternativo a detrimento della democrazia rappresentativa. In questo scenario, è necessario che gli Stati membri si adoperino al fine di fornire gli strumenti educativi e tecnici per il rafforzamento della responsabilizzazione democratica dei cittadini e il miglioramento delle competenze nell'ambito delle TIC, garantendo l'alfabetizzazione digitale e un accesso digitale equo e sicuro per tutti i cittadini dell'UE, al fine di colmare il divario digitale a beneficio, in ultima analisi, della democrazia.

Veicoli fuori uso, rifiuti di pile e accumulatori e rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche (A8-0013/2017 - Simona Bonafè)

14-03-2017

Le apparecchiature elettriche ed elettroniche, le pile e i veicoli fuori uso sono oggetto di una crescente domanda, che comporta la produzione di svariati rifiuti di prodotti giunti alla fine del loro ciclo di vita, i quali sono una fonte di materiali preziosi e scarsi. Oggi ho ritenuto opportuno sostenere con il mio voto la relazione della collega Bonafè relativa ai veicoli fuori uso, rifiuti di pile e accumulatori e rifuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche. La posizione del relatore mira a semplificare la legislazione per gli Stati membri e le imprese, evitando, in questo modo, che siano imposti loro ulteriori obblighi superflui, invitando a creare condizioni di parità tra gli operatori del mercato. Il testo sottolinea che non è auspicabile introdurre una nuova regolamentazione aggiuntiva, ma occorre piuttosto favorire la creazione di un ambiente in cui le imprese possano applicare le soluzioni più ecologiche ed efficaci sotto il profilo dei costi, in linea con la strategia a lungo termine. Gli Stati membri devono creare condizioni adeguate, introducendo incentivi fiscali e sostenendo la simbiosi industriale, per garantire che i fabbricanti adempiano alle loro responsabilità.

Rifiuti (A8-0034/2017 - Simona Bonafè)

14-03-2017

Il nostro pianeta si sta riscaldando e le risorse utilizzate da cui dipendiamo stanno diventando sempre più scarse. Senza interventi strutturali il fabbisogno di materie prime da parte dell'economia mondiale potrebbe crescere di oltre il 50 % nei prossimi 15 anni. Per invertire la rotta dobbiamo passare ad un modello di sviluppo circolare che mantiene i materiali e il loro valore in circolazione all'interno del sistema economico il più a lungo possibile, attraverso un uso efficiente delle risorse a partire dall'ottimizzazione del ciclo integrato dei rifiuti.
Ho sostenuto con il mio voto la relazione della collega Bonafè. Il relatore intende rafforzare la volontà della Commissione di preservare l'ambiente, rendere l'economia europea più competitiva e favorire un processo di reindustrializzazione sostenibile. Aumentare il valore dalle risorse significa intervenire in tutte le fasi del ciclo di vita dei prodotti: dall'estrazione delle materie prime al design del prodotto, dalla distribuzione al consumo fino al loro fine vita.

Discariche dei rifiuti (A8-0031/2017 - Simona Bonafè)

14-03-2017

L'economia circolare rappresenta, prima di tutto, un modello economico efficiente dal punto di vista delle risorse, che ne migliora e al tempo stesso riduce l'utilizzo, affrontando contemporaneamente i problemi legati all'approvvigionamento delle materie prime. Si garantisce così una maggiore tutela dell'ambiente, favorendo anche la reindustrializzazione e l'aumento della competitività europea sul piano globale e stimolando la creazione di posti di lavoro di qualità e nuove opportunità di business. Va in questa direzione la relazione della collega Bonafè che, oggi, ho sostenuto con il mio voto il quale accompagna il consenso precedentemente concesso alla relazione sui rifiuti. Il testo sottolinea che occorre un cambio di paradigma che ci porti oltre la mera gestione dei rifiuti, adottando politiche che li considerino come vere e proprie risorse. Per raggiungere quest'obiettivo è necessaria una piena attuazione della normativa sui rifiuti a livello europeo.

Imballaggi e i rifiuti di imballaggio (A8-0029/2017 - Simona Bonafè)

14-03-2017

La trasformazione dell'Unione europea in un'economia verde, a basse emissioni di carbonio ed efficiente dal punto di vista dell'utilizzo delle risorse è uno dei principali obiettivi del Settimo Programma europeo di Azione Ambientale. Eurostat stima che nel 2013 in Europa sono state generate oltre 79,368 milioni di tonnellate di rifiuti da imballaggio, circa 500 000 in più del 2012. Il tasso di riciclaggio ammonta al 65,3%, in lieve aumento rispetto al 2012, con solamente tre Stati membri al di sotto del 50%. Rimangono necessari, dunque, ancora diversi miglioramenti.
La relazione della collega Bonafè, che ho sostenuto con il mio voto, sottolinea che la prevenzione quantitativa e il miglioramento qualitativo degli imballaggi deve essere l'obiettivo primario di una revisione della direttiva in materia in linea con i principi alla base dell'economia circolare. Per questo, occorre disincentivare l'eccessivo uso degli imballaggi imposti al consumatore, promuovendo la progettazione di imballaggi più facilmente riciclabili e riutilizzabili.

La parità tra donne e uomini nell'Unione europea nel 2014/2015 (A8-0046/2017 - Ernest Urtasun)

14-03-2017

Oggi ho votato a favore della relazione La partità tra donne e uomini nell’Unione europea nel 2014/2015 del collega Urtasun. Proprio quest’anno, l’8 marzo, c’è stata una straordinaria mobilitazione globale da parte delle donne per affermare a gran voce i loro diritti nella società. Il tema dell’effettiva parità tra donne e uomini rappresenta sempre di piú un elemento fondamentale nella costruzione di un Europa più equa, un tema rispetto al quale è necessario coinvolgere, a tutti i livelli, le istituzioni.
Il testo approvato oggi sottolinea i progressi degli Stati membri in merito alla firma della convenzione di Istanbul, il primo strumento giuridicamente vincolante sulla prevenzione e la lotta contro la violenza verso le donne a livello internazionale; in tal senso, è necessario sollecitare i 14 Stati membri che non l'hanno ancora ratificata a provvedervi senza indugio. Ci sono ancora miglioramenti e obiettivi da raggiungere. Va nella giusta direzione la proposta della Commissione del marzo 2016 relativa all’adesione dell'UE alla convenzione di Istanbul.

Parità di trattamento tra uomini e donne per quanto riguarda l'accesso a beni e servizi e loro fornitura (A8-0043/2017 - Agnieszka Kozłowska-Rajewicz)

14-03-2017

Il principale obiettivo della direttiva 2004/113/CE era quello di estendere il principio della parità di trattamento tra uomini e donne, sancito dal trattato sul funzionamento dell'Unione europea (TFUE) e da altre direttive), oltre l'ambito dell'occupazione e del mercato del lavoro, applicandolo anche all'accesso ai beni e ai servizi e alla loro fornitura nei settori sia pubblico sia privato, nonché quello di consolidare il principio dell'integrazione della dimensione di genere in tali ambiti. La relazione della collega Kozłowska-Rajewicz, che oggi ho sostenuto con il mio voto, riconosce che sono stati conseguiti progressi significativi nella parità di trattamento tra uomini e donne nel settore dei beni e dei servizi. Occorre, tuttavia, colmare le lacune che ancora permangono nell'applicazione pratica.
Il testo, in tal senso, sottolinea l’importanza di un lavoro di sensibilizzazione di tutte le parti interessate; ribadisce, che le raccomandazioni specifiche per settore per l'integrazione di genere sono fondamentali per l'applicazione pratica del principio della parità di trattamento tra uomini e donne nelle esperienze quotidiane nell'ambito dell'accesso ai beni e ai servizi e della loro fornitura.

Fondi dell'UE per l'uguaglianza di genere (A8-0033/2017 - Clare Moody)

14-03-2017

L'uguaglianza tra uomini e donne è un valore fondamentale dell'Unione europea sancito dai trattati. La parità di genere è stata affrontata anche in 15 direttive adottate dall'UE ed è un obiettivo esplicito di alcuni elementi del bilancio dell'UE. Tuttavia, a prescindere dalla misura utilizzata per stabilire la parità di genere, siamo ancora lontani dal pieno conseguimento di tale obiettivo. Oggi ho sostenuto con il mio voto la relazione della collega Moody, la quale chiede che la dotazione di bilancio sia utilizzata in maniera molto più proattiva e mirata per raggiungere l'obiettivo della parità di genere

Contatti

Bruxelles

  • Parlement européen
    Bât. Altiero Spinelli
    15G218
    60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
    B-1047 Bruxelles/Brussel

Strasbourg

  • Parlement européen
    Bât. Louise Weiss
    T06139
    1, avenue du Président Robert Schuman
    CS 91024
    F-67070 Strasbourg Cedex

Indirizzo postale

  • European Parliament
    Rue Wiertz
    Altiero Spinelli 15G218
    1047 Brussels