Brando BENIFEI
  • Brando
    BENIFEI
  • Gruppo dell'Alleanza progressista di Socialisti e Democratici al Parlamento Europeo
  • Membro
  • Italia Partito Democratico
  • Data di nascita: 1 gennaio 1986, La Spezia

Interventi in seduta plenaria

506

Situazione in Cisgiordania, inclusi gli insediamenti (discussione)

14-02-2017 P8_CRE-PROV(2017)02-14(14)

Un pilastro europeo dei diritti sociali (discussione)

19-01-2017 P8_CRE-PROV(2017)01-19(3)

Procedure di insolvenza e amministratori delle procedure di insolvenza (A8-0324/2016 - Tadeusz Zwiefka)

14-12-2016 P8_CRE-PROV(2016)12-14(10.1)

Accordo UE-Norvegia sul reciproco accesso alle zone di pesca nello Skagerrak (A8-0321/2016 - Jørn Dohrmann)

14-12-2016 P8_CRE-PROV(2016)12-14(10.5)

Accordo sulla cooperazione operativa e strategica tra la Georgia ed Europol (A8-0343/2016 - Claude Moraes)

14-12-2016 P8_CRE-PROV(2016)12-14(10.7)

Relazioni in quanto relatore

1

RELAZIONE sui rifugiati: inclusione sociale e integrazione nel mercato del lavoro

EMPL
10-06-2016 A8-0204/2016

Relazioni in quanto relatore ombra

6

RELAZIONE sull'imprenditoria sociale e l'innovazione sociale nella lotta alla disoccupazione

EMPL
30-07-2015 A8-0247/2015

Pareri in quanto relatore ombra

5

PARERE sul progetto di decisione del Consiglio relativo alla conclusione di un protocollo all'accordo di partenariato e di cooperazione tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da una parte, e la Repubblica dell'Uzbekistan, dall'altra, che modifica l'accordo per estendere le disposizioni dello stesso al commercio bilaterale dei tessili, tenendo conto della scadenza dell'accordo bilaterale sui tessili

AFET
25-10-2016 AFET_AD(2016)589215

PARERE sul progetto di decisione del Consiglio relativo alla conclusione di un protocollo all'accordo di partenariato e di cooperazione che definisce un partenariato tra le Comunità europee e i loro Stati membri, da un lato, e la Repubblica dell'Uzbekistan, dall'altro, che modifica l'accordo al fine di estenderne le disposizioni al commercio bilaterale dei tessili, tenendo conto della scadenza dell'accordo bilaterale sui tessili

AFET
25-10-2016 AFET_AD(2016)587749

PARERE sulla proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che istituisce un elenco comune dell'UE di paesi di origine sicuri ai fini della direttiva 2013/32/UE del Parlamento europeo e del Consiglio recante procedure comuni ai fini del riconoscimento e della revoca della protezione internazionale, e che modifica la direttiva 2013/32/UE

AFET
15-06-2016 AFET_AD(2016)578500

PARERE su una nuova strategia innovativa e orientata al futuro sul commercio e gli investimenti

AFET
18-04-2016 AFET_AD(2016)573135

PARERE sulle imprese a conduzione familiare in Europa

EMPL
11-05-2015 EMPL_AD(2015)546701

Proposte di risoluzione

170

Proposta di risoluzione comune sui casi dell'accademia buddista tibetana Larung Gar e di Ilham Tohti

14-12-2016 RC-B8-1346/2016

Proposta di risoluzione comune sulla situazione della minoranza rohingya in Myanmar/Birmania

14-12-2016 RC-B8-1345/2016

Proposta di risoluzione comune sulle fosse comuni in Iraq

14-12-2016 RC-B8-1344/2016

  Motion for a resolution on the situation of the Rohingya minority in Myanmar

12-12-2016 B8-1363/2016

N.B.: questa proposta di risoluzione è disponibile soltanto nella lingua originale

  Motion for a resolution on mass graves in Iraq

12-12-2016 B8-1362/2016

N.B.: questa proposta di risoluzione è disponibile soltanto nella lingua originale

  Motion for a resolution on the cases of the Larung Gar Tibetan Buddhist Academy and Ilham Tohti

12-12-2016 B8-1361/2016

N.B.: questa proposta di risoluzione è disponibile soltanto nella lingua originale

Proposta di risoluzione comune sulle relazioni UE-Turchia

23-11-2016 RC-B8-1276/2016

Proposta di risoluzione comune sul caso di Ildar Dadin, prigioniero di coscienza in Russia

23-11-2016 RC-B8-1261/2016

Proposta di risoluzione comune sul caso di Gui Minhai, editore incarcerato in Cina

23-11-2016 RC-B8-1256/2016

Dichiarazioni scritte

13

Dichiarazione scritta sulla necessità di sostenere e promuovere l'occupabilità dei giovani nella regione euromediterranea

24-10-2016 P8_DCL(2016)0116 In corso

Informazioni

Tokia SAÏFI , Mariya GABRIEL , Santiago FISAS AYXELÀ , Lorenzo CESA , Brando BENIFEI , Alessia Maria MOSCA , Inés AYALA SENDER , Marielle de SARNEZ , Ivo VAJGL , María Teresa GIMÉNEZ BARBAT , Marie-Christine VERGIAT , Fabio Massimo CASTALDO

Data di apertura : 24-10-2016
Scadenza : 24-01-2017
Numero di firmatari : 88 - 25-01-2017

Dichiarazione scritta sulle misure volte a combattere l'omofobia, la transfobia e la bifobia nell'UE

12-09-2016 P8_DCL(2016)0100 Decaduta

Informazioni

José BLANCO LÓPEZ , Daniele VIOTTI , Tanja FAJON , Eider GARDIAZABAL RUBIAL , Hugues BAYET , Deirdre CLUNE , José Inácio FARIA , Takis HADJIGEORGIOU , Terry REINTKE , Brando BENIFEI , Jonás FERNÁNDEZ

Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 51 - 13-12-2016

Dichiarazione scritta sulle condizioni di lavoro del personale addetto alla pulizia degli hotel nell'Unione europea

12-09-2016 P8_DCL(2016)0076 Decaduta

Informazioni

Tania GONZÁLEZ PEÑAS , Enrique CALVET CHAMBON , Brando BENIFEI , Thomas HÄNDEL , Siôn SIMON , Laura AGEA , Jean LAMBERT , Kostadinka KUNEVA , Ernest URTASUN , Merja KYLLÖNEN , Eleonora FORENZA

Data di apertura : 12-09-2016
Scadenza : 12-12-2016
Numero di firmatari : 76 - 13-12-2016

Dichiarazione scritta sulle cartelle cliniche elettroniche

27-04-2016 P8_DCL(2016)0050 Decaduta

Informazioni

Victor NEGRESCU , Giovanni LA VIA , Biljana BORZAN , Françoise GROSSETÊTE , Eva KAILI , Cristian-Silviu BUŞOI , Ivo VAJGL , Nessa CHILDERS , Enrico GASBARRA , Milan ZVER , Philippe DE BACKER , Kateřina KONEČNÁ , Piernicola PEDICINI , Ivan JAKOVČIĆ , José BLANCO LÓPEZ , Nicola CAPUTO , Fabio Massimo CASTALDO , Brando BENIFEI , Eva MAYDELL , Cătălin Sorin IVAN

Data di apertura : 27-04-2016
Scadenza : 27-07-2016
Numero di firmatari : 88 - 28-07-2016

Dichiarazione scritta sul sostegno all'aumento delle toilette accessibili per le persone con disabilità nell'UE

27-04-2016 P8_DCL(2016)0044 Decaduta

Informazioni

Daniel DALTON , Lucy ANDERSON , Mairead McGUINNESS , Marian HARKIN , Julia REDA , Anthea McINTYRE , Helga STEVENS , Anneleen VAN BOSSUYT , Olga SEHNALOVÁ , Antanas GUOGA , Brando BENIFEI

Data di apertura : 27-04-2016
Scadenza : 27-07-2016
Numero di firmatari : 124 - 28-07-2016

Dichiarazione scritta sui tirocini non retribuiti e di bassa qualità

11-04-2016 P8_DCL(2016)0031 Decaduta

Informazioni

Siôn SIMON , Maria ARENA , Brando BENIFEI , Sylvie GUILLAUME , Edouard MARTIN , Evelyn REGNER , Jutta STEINRUCK , Tamás MESZERICS , Laura AGEA , Tiziana BEGHIN

Data di apertura : 11-04-2016
Scadenza : 11-07-2016
Numero di firmatari : 146 - 12-07-2016

Dichiarazione scritta sulla segnaletica dell'ultima uscita prima di una strada a pedaggio

11-04-2016 P8_DCL(2016)0025 Decaduta

Informazioni

Richard SULÍK , Brando BENIFEI , Izaskun BILBAO BARANDICA , Jan KELLER , Merja KYLLÖNEN , Dieter-Lebrecht KOCH , Stelios KOULOGLOU , Tania GONZÁLEZ PEÑAS , Miroslav POCHE , Tibor SZANYI , Olga SEHNALOVÁ , Joachim STARBATTY

Data di apertura : 11-04-2016
Scadenza : 11-07-2016
Numero di firmatari : 70 - 12-07-2016

Dichiarazione scritta sul diabete

01-02-2016 P8_DCL(2016)0008 Conclusa con maggioranza

Informazioni

Nicola CAPUTO , Therese COMODINI CACHIA , Christel SCHALDEMOSE , Sirpa PIETIKÄINEN , Dame Glenis WILLMOTT , Marc TARABELLA , Simona BONAFÈ , Daciana Octavia SÂRBU , Bogdan Brunon WENTA , Nicola DANTI , Tomáš ZDECHOVSKÝ , Marisa MATIAS , Marlene MIZZI , Elena GENTILE , Doru-Claudian FRUNZULICĂ , Enrico GASBARRA , Tibor SZANYI , Renato SORU , Luigi MORGANO , Theodoros ZAGORAKIS , Damiano ZOFFOLI , Ricardo SERRÃO SANTOS , Renata BRIANO , Carlos ZORRINHO , Isabella DE MONTE , Silvia COSTA , Brando BENIFEI

Data di apertura : 01-02-2016
Scadenza : 01-05-2016
Data di approvazione : 02-05-2016
L'elenco dei firmatari è pubblicato nell'allegato 02 del processo verbale del 09-05-2016
Numero di firmatari : 405 - 02-05-2016

Dichiarazione scritta sulla promozione della mobilità professionale degli istruttori di fitness mediante il riconoscimento delle loro competenze e qualifiche

11-11-2015 P8_DCL(2015)0067 Decaduta

Informazioni

Antanas GUOGA , Pavel TELIČKA , Santiago FISAS AYXELÀ , Brando BENIFEI , Marc TARABELLA , Sofia SAKORAFA , Lefteris CHRISTOFOROU , Theodoros ZAGORAKIS , Ulla TØRNÆS , Bogdan Brunon WENTA , Angel DZHAMBAZKI , Demetris PAPADAKIS , Seán KELLY

Data di apertura : 11-11-2015
Scadenza : 11-02-2016
Numero di firmatari : 51 - 12-02-2016

Dichiarazione scritta sul cancro e la prevenzione primaria

05-10-2015 P8_DCL(2015)0054 Decaduta

Informazioni

Piernicola PEDICINI , Marco AFFRONTE , Laura AGEA , Daniela AIUTO , Tiziana BEGHIN , David BORRELLI , Fabio Massimo CASTALDO , Ignazio CORRAO , Rosa D'AMATO , Eleonora EVI , Laura FERRARA , Dario TAMBURRANO , Marco VALLI , Marco ZULLO , Rolandas PAKSAS , Nedzhmi ALI , Zigmantas BALČYTIS , Hugues BAYET , Brando BENIFEI , Mara BIZZOTTO , José BLANCO LÓPEZ , Biljana BORZAN , Lynn BOYLAN , Nicola CAPUTO , Nessa CHILDERS , Alberto CIRIO , Therese COMODINI CACHIA , Ian DUNCAN , Ismail ERTUG , Lampros FOUNTOULIS , Enrico GASBARRA , Juan Carlos GIRAUTA VIDAL , Antanas GUOGA , Hans-Olaf HENKEL , Stelios KOULOGLOU , Valentinas MAZURONIS , Victor NEGRESCU , Momchil NEKOV , Demetris PAPADAKIS , Pavel POC , Laurenţiu REBEGA , Matteo SALVINI , Christel SCHALDEMOSE , Ivan ŠTEFANEC , Tibor SZANYI , Ivo VAJGL , Tomáš ZDECHOVSKÝ

Data di apertura : 05-10-2015
Scadenza : 05-01-2016
Numero di firmatari : 146 - 06-01-2016

Interrogazioni parlamentari

76

Divieto dell'UE concernente la circolazione degli animali selvatici da circo

14-02-2017 O-000013/2017

Risposte della Commissione alle interrogazioni con richiesta di risposta scritta

10-01-2017 O-000003/2017

Rischi per la salute connessi al consumo di oli vegetali, in particolare di oli di palma

06-01-2017 O-000001/2017

Reintroduzione della sterilizzazione forzata delle persone transgender in Slovacchia

28-11-2016 E-008856/2016

Attrezzature per la mobilità dei passeggeri con disabilità

22-11-2016 E-008724/2016

Accessibilità per i passeggeri con disabilità nell'ambito del trasporto aereo

22-11-2016 E-008723/2016

  EU reconstruction aid for Haiti in the wake of Hurricane Matthew

31-10-2016 E-008191/2016

Aiuti dell'UE per la ricostruzione di Haiti all'indomani dell'uragano Matthew

31-10-2016 E-008188/2016

Nuova metodologia di calcolo antidumping dopo l'11 dicembre 2016

28-10-2016 P-008158/2016

Dichiarazioni di voto scritte

44

Lotta contro il terrorismo (A8-0228/2016 - Monika Hohlmeier)

16-02-2017

Il terrorismo rappresenta sempre di più un fenomeno globale, una minaccia che si è trasformata nel corso del tempo assumendo nuove forme e modalità d'azione. La relazione Hohlmeier, che oggi ho sostenuto con il mio voto, definisce nuove misure per contrastare questo fenomeno, con l'obiettivo di colpire i foreign fighters in viaggio verso le zone di conflitto ma anche i cosiddetti "lupi solitari", che pianificano attacchi in maniera autonoma. Il testo della direttiva approvata oggi punta sulla prevenzione, in un quadro di bilanciamento che cerca di equilibrare le esigenze della sicurezza e quelle della tutela dei diritti fondamentali. Vengono criminalizzati alcuni atti preparatori come il reclutamento, la formazione, l'incitamento pubblico al terrorismo ma anche il finanziamento o i viaggi per aderire a gruppi presenti in stati esteri. Fattispecie che saranno ora punite con almeno 15 anni di reclusione in tutta l’UE, nei casi in cui venga imposto il massimo possibile della pena. La nuova direttiva prevede anche disposizioni per garantire l’assistenza immediata alle vittime di un attentato e ai loro parenti, un supporto non solo di natura medica e psicologica ma anche di tipo finanziario o legale per i casi di ricorso.

Rafforzamento delle verifiche nelle banche dati pertinenti alle frontiere esterne (A8-0218/2016 - Monica Macovei)

16-02-2017

In un momento storico particolarmente delicato, con l’aumento delle minacce esterne e il crescere del pericolo terroristico, appare comprensibile migliorare la capacità di protezione delle frontiere esterne dell’Unione. Ho votato a favore della relazione Macovei perché condivido la necessità di rafforzare i controlli per aumentare la sicurezza. Il nuovo regolamento modifica il Codice frontiere Schengen, imponendo agli Stati membri di effettuare controlli sistematici su tutte le persone che si trovino a varcare le frontiere esterne dell'Unione.Tali misure prevedono la consultazione obbligatoria di specifiche banche dati, come quella del Sistema d’informazione Schengen e quella dei documenti rubati o smarriti, e saranno applicati a tutte le frontiere esterne dell’UE: aeree, marittime e terrestri, sia in entrata sia in uscita. Qualora esse dovessero rallentare in maniera eccessiva il traffico frontaliero agli Stati membri, viene concesso di effettuarli in maniera mirata ma solo a seguito di una precedente valutazione del rischio che abbia escluso la presenza di potenziali minacce. Viene previsto, nel caso delle frontiere aree, un periodo di transizione di sei mesi dall’entrata in vigore del regolamento che consente di utilizzare il sistema di controlli mirati.

Possibile evoluzione e adeguamento dell'attuale struttura istituzionale dell'Unione europea (A8-0390/2016 - Guy Verhofstadt)

16-02-2017

Il rapporto Verhofstadt rappresenta senza dubbio la proposta più ambiziosa di sviluppo dell’integrazione approvata dal Parlamento europeo negli ultimi anni. Esso costituisce, insieme ai rapporti Bresso-Brok e Böge-Berès, un pacchetto completo per il rilancio del progetto europeo a sessant’anni dai trattati di Roma in un periodo di crisi esterne ed interne. È giunto il momento di riformare l’UE, per questo motivo ho votato convintamente a favore della relazione sulla possibile evoluzione e adeguamento dell'attuale struttura istituzionale dell'Unione europea. Il progetto di riforma contiene alcuni punti fermi: la fine de"L'Europa à la carte", la proposta di una nuova forma di partnership. una nuova governance economica, un codice di convergenza, una capacità fiscale, l'integrazione dei Fiscal Compact nel quadro giuridico dell'Unione europea, la creazione di strumenti di debito e un vero Ministro delle Finanze dell'UE. Un altro elemento centrale è il rafforzamento della politica estera e di sicurezza, la creazione di una difesa europea e di un ministro degli Esteri Ue per rendere finalmente il continente un protagonista sulla scena globale. Tutte queste proposte devono essere alla base di una discussione che deve vedere la convocazione di una Convenzione per ridisegnare l’Europa di domani.

Miglioramento del funzionamento dell'Unione europea sfruttando le potenzialità del trattato di Lisbona (A8-0386/2016 - Mercedes Bresso, Elmar Brok)

16-02-2017

Il rapporto Bresso-Brok, che oggi ho convintamente sostenuto, ha come obiettivo quello di migliorare il funzionamento dell'Unione europea sfruttando le potenzialità del trattato di Lisbona
Si tratta di un testo importante, capace di sottolineare con efficacia gli strumenti già oggi disponibili per potenziare la risposta dell’Unione di fronte a crisi strutturali che rischiano di indebolirla ulteriormente. Tra le proposte principali c’è quella della trasformazione del Consiglio dei ministri in una vera seconda camera, facendo delle sue configurazioni degli organi preparatori, sul modello di funzionamento delle commissioni del Parlamento europeo. Il Consiglio dovrebbe inoltre passare al voto a maggioranza qualificata, ove consentito dai trattati, per accelerare il processo legislativo ed evitare il blocco di interi progetti. Altre questioni importanti riguardano la richiesta di istituzione permanente di un Consiglio dei ministri della Difesa, per coordinare le politiche di difesa degli Stati membri, e l’inclusione di una forte dimensione sociale, incentrata sulla promozione di un salario minimo, determinato da ciascuno Stato membro, e l’ipotesi dell’istituzione di un sistema minimo per le indennità di disoccupazione. È questa la strada per agire nel breve termine in attesa della necessaria convocazione di una Convenzione per la riforma dei trattati.

Capacità di bilancio della zona euro (A8-0038/2017 - Reimer Böge, Pervenche Berès)

16-02-2017

Il rapporto Böge-Berès, che ho convintamente sostenuto, costituisce insieme ai rapporti Bresso-Brok e Verhofstadt, un pacchetto completo per il rilancio del progetto europeo a sessant’anni dai trattati di Roma, in un periodo di crisi esterne ed interne. Il testo ha come obiettivo quello di ravvicinare le economie della zona euro e renderle più resistenti agli shock esterni. La strategia presenta alcune proposte che ruotano intorno ad una nuova capacità fiscale e da una specifica capacità di bilancio supplementare per la zona euro, finanziata dai suoi membri come parte del bilancio dell’Unione. Il testo propone l’istituzione di un Fondo monetario europeo, con capacità di prestito adeguate e con un mandato ben definito per assorbire gli shock economici. A queste proposte deve essere aggiunta quella di un codice di convergenza e un sistema migliorato di governance, creando un vero un vero ministro delle Finanze e del Tesoro e unificando le funzioni del Presidente dell'Eurogruppo e quelle del Commissario per gli affari economici e monetari. Il bilancio della zona euro può essere uno strumento fondamentale per sfruttare al massimo la moneta unica e rafforzare la dimensione solidale.

Norme di diritto civile sulla robotica (A8-0005/2017 - Mady Delvaux)

16-02-2017

Nel 2017 i robot hanno ormai smesso di rappresentare un’ipotesi del futuro ma iniziano ad essere, sempre di più, elementi della nostra vita quotidiana. I dati certificano vendite di robot cresciute in media del 17% all'anno tra il 2010 e il 2014, e in tutto il mondo del 29% nel solo 2014. La relazione Delvaux, che ho sostenuto convintamente, ritiene necessario che l’Unione europea si doti al più presto di nuove norme in materia di robotica e di intelligenza artificiale, per sfruttarne pienamente il potenziale economico, comprenderne le conseguenze sul mercato del lavoro e garantire un livello standard di sicurezza e protezione. Una delle priorità è la questione della responsabilità: bisogna definire uno status giuridico specifico per i robot, stabilendo le responsabilità in caso di danni, in particolare per le auto senza conducenti. Serve un regime di assicurazione obbligatoria e un fondo integrativo che garantisca un pieno risarcimento delle vittime di incidenti che vedono coinvolti questi robot. Occorrono strumenti nuovi come un codice di condotta volontario sulla robotica, rivolto a ricercatori e progettisti, e un’Agenzia europea per la robotica e l'intelligenza artificiale, che dia alle autorità pubbliche competenze tecniche, etiche e normative necessarie per il nuovo tempo.

Iniziativa europea per il cloud computing (A8-0006/2017 - Jerzy Buzek)

16-02-2017

Il cloud computing costituisce una delle tecnologie abilitanti dell’Industria 4.0, un elemento cruciale per il dispiegarsi della rivoluzione digitale e il potenziamento della ricerca scientifica. La relazione Buzek, che oggi ho sostenuto, accoglie con favore la comunicazione della Commissione sull’iniziativa europea per il cloud computing e sottolinea la necessità di azioni che rendano aperto e competitivo a livello europeo il settore del cloud computing e del calcolo ad alte prestazioni. L’Europa deve diventare un centro di ricerca globale, capace di acquisire una massa critica e di creare poli d'eccellenza, realizzando una nuova capacità di attrazione fondata su un ottimo uso delle risorse e su un ambiente aperto ai ricercatori internazionali. Un investimento in questo settore è un investimento anche a favore delle PMI che possono ottenere grandi vantaggi dall’utilizzo di queste tecnologie. L'infrastruttura di supercalcolo d'avanguardia è comunque essenziale per la competitività e il futuro dell'UE, per questo motivo la Commissione deve rendere disponibili e operativi i computer su scala exa nell'UE entro l'anno 2022.

Accordo economico e commerciale globale tra il Canada e l'Unione europea (A8-0009/2017 - Artis Pabriks)

15-02-2017

L'Accordo economico e commerciale globale tra il Canada e l'Unione europea è stato oggetto di particolari attenzioni da parte dell'opinione pubblica, che si è fortemente divisa tra coloro che sostenevano la necessità di un tratto economico e commerciale di questa portata e coloro che invece ponevano in primo piano il tema dei possibili rischi, soprattutto in termini di competizione e diminuzione degli standard esistenti. Dopo una lunga e attenta riflessione, oggi ho deciso di votare contro il CETA, distanziandomi dalle posizioni espresse dalla maggioranza del Parlamento. Pur valutando positivamente i miglioramenti apportati al testo base da parte del Parlamento, resto convinto che sia mancata la necessaria trasparenza e una visione di prospettiva. Abbiamo bisogno di regolare la globalizzazione ma per renderla sempre più inclusiva, tutelando non solo i posti di lavoro e i piccoli produttori ma anche la qualità dei prodotti. Il CETA non rispecchia questa impostazione, propone un sistema di regole inadeguato ai nostri tempi e manca di una visione che sia in grado di mettere al centro la difesa del lavoro, della saluta e dei territori; per questo motivo non l'ho sostenuto.

Accordo di partenariato strategico tra l'Unione europea e il Canada (A8-0028/2017 - Charles Tannock)

15-02-2017

L'Unione europea e il Canada posso vantare profondi rapporti di collaborazione economica e politica, fondati non solo su una larga condivisione di valori ma anche su un impegno costante a favore della democrazia, delle libertà fondamentali, della tutela dei diritti umani, del commercio aperto e del multilateralismo. La relazione Tannock che oggi ho sostenuto, approva l'accordo di partenariato strategico tra UE e Canada che, sebbene concepito come complementare al CETA che non ho sostenuto, rappresenta di per sé uno strumento fondamentale per intensificare positivamente la cooperazione bilaterale in una vasta gamma di settori non commerciali, come la politica estera e di sicurezza, il controterrorismo, la lotta alla criminalità organizzata, lo sviluppo sostenibile, la ricerca e la cultura. Il testo prevede l'introduzione di importanti meccanismi di dialogo politico e di consultazione, come il comitato ministeriale misto e il comitato misto di cooperazione, che dovrebbero essere sostenuti anche da una cooperazione parlamentare tra i due partner. La conclusione dell'accordo costituisce una grande opportunità per sviluppare un più forte impegno globale a difesa dei principi della giustizia, della libertà e della sicurezza e può rappresentare un'ulteriore occasione per intensificare anche i rapporti interpersonali tra le due sponde dell'Atlantico.

Accordo quadro di partenariato e cooperazione tra l'Unione europea e la Mongolia (A8-0382/2016 - Helmut Scholz)

15-02-2017

Oggi ho espresso il mio voto a favore della relazione Scholz che approva la conclusione dell'accordo quadro di partenariato e cooperazione tra l'Unione europea e i suoi Stati membri, da una parte, e la Mongolia, dall'altra. Si tratta di un testo importante che va nella direzione di potenziare il ruolo dell’Unione europea in un’area predominata da due grandi paesi: la Cina e la Russia. L’Unione europea deve rafforzare le proprie relazioni con il paese asiatico puntando a sostenere i processi di riforma avviati, l’affermazione dello Stato di diritto, il rispetto per i diritti umani e la sviluppo di una governance socialmente responsabile. L'APC è uno strumento cruciale per un favorire una più ampia collaborazione tra le parti e far crescere una solida e proficua cooperazione funzionale.

Contatti

Bruxelles

  • Parlement européen
    Bât. Altiero Spinelli
    15G218
    60, rue Wiertz / Wiertzstraat 60
    B-1047 Bruxelles/Brussel

Strasbourg

  • Parlement européen
    Bât. Louise Weiss
    T06139
    1, avenue du Président Robert Schuman
    CS 91024
    F-67070 Strasbourg Cedex

Indirizzo postale

  • European Parliament
    Rue Wiertz
    Altiero Spinelli 15G218
    1047 Brussels