• Alessandra   MUSSOLINI  

Alessandra MUSSOLINI : Rakstiski balsojumu skaidrojumi - 8. sasaukums 

Deputāti var iesniegt rakstisku skaidrojumu par savu balsojumu plenārsēdē. 194. pants

Emisiju standarti jauniem vieglajiem pasažieru automobiļiem un jauniem vieglajiem komerciālajiem transportlīdzekļiem (A8-0287/2018 - Miriam Dalli) IT  
 

Il mio voto a favore della relazione deriva dalla convinzione che, la definizione di standard di riduzione delle emissioni ambiziosi, rappresenti un obiettivo che l'Unione europea ha il compito di perseguire, per il bene dell'ambiente, e della salute delle generazioni future.

ES un Marokas Nolīgums par zinātnisko un tehnoloģisko sadarbību: noteikumi Marokas dalībai partnerībā pētniecības un inovācijas jomā Vidusjūras reģionā (PRIMA) (A8-0281/2018 - Aldo Patriciello) IT  
 

Mi sono espressa a favore della relazione a firma del collega Patriciello, poiché ritengo che la creazione di condizioni per un'efficiente cooperazione scientifica e tecnologica tra Unione europea e Marocco, non apporterà soltanto vantaggi tangibili in questi settori, ma sarà altresì propedeutica al potenziamento del dialogo tra le parti anche in altri ambiti.

ES un ASV Nolīguma par zinātnisko un tehnoloģisko sadarbību pagarināšana (A8-0212/2018 - Rolandas Paksas) IT  
 

L'Unione europea intrattiene con gli Stati Uniti relazioni più intense in materia di scienza, tecnologia e innovazione rispetto a qualsiasi altro paese extra europeo. Una maggiore cooperazione tra le parti può portare a una significativa crescita economica, alla creazione di posti di lavoro e al miglioramento della qualità della vita per i cittadini su entrambe le sponde dell'Atlantico. Per questo mi sono espressa a favore della relazione prorogando l'accordo di cooperazione scientifica e tecnologica tra la Comunità europea e il governo degli Stati Uniti d'America per un nuovo periodo di cinque anni.

Lauku saimniecību integrēta statistika (A8-0300/2017 - Maria Gabriela Zoană) IT  
 

Le statistiche sulle aziende agricole sono strumenti importanti per comprendere la situazione dell'agricoltura nell'UE, gli effetti delle politiche agricole e lo stato delle nostre zone rurali in modo da avere informazioni il più possibile precise per elaborare politiche che apportino benefici a tutti i cittadini d'Europa.
La proposta della Commissione per un nuovo regolamento quadro mira ad accrescere la comparabilità e la coerenza delle statistiche UE sulla struttura delle aziende agricole europee, accelerare la trasmissione dei dati e consentire una rilevazione dei dati più mirata. Pertanto mi sono espressa a favore della relazione.

Pasākumi, lai stiprinātu administratīvo sadarbību pievienotās vērtības nodokļa jomā (A8-0215/2018 - Roberts Zīle) IT  
 

L'imposta sul valore aggiunto (IVA) è una fonte importante di gettito fiscale per gli Stati membri ma al tempo stesso le frodi fiscali transfrontaliere costituiscono uno dei principali problemi a cui si deve far fronte. L'attuale sistema di tassazione degli scambi commerciali tra gli Stati membri non è in grado di tenere il passo con il ritmo sempre più rapido dell'economia. Accolgo con favore la proposta della Commissione la quale intende rafforzare la cooperazione tra gli Stati membri al fine di aiutarli a combattere le frodi IVA in maniera più semplice, rapida ed efficace. Pertanto mi sono espressa a favore del testo.

ES un Islandes nolīgums par papildu noteikumiem 2014.–2020. gada laikposmam saistībā ar ārējām robežām un vīzām (A8-0196/2018 - Anders Primdahl Vistisen) IT  
 

L'obiettivo principale dell'ISF-Frontiere e visti è quello di garantire un elevato livello di sicurezza nell'Unione e, al tempo stesso, facilitare i viaggi legittimi contrastando l'immigrazione illegale attraverso un livello uniforme ed elevato di controllo delle frontiere esterne. Pertanto, ho votato a favore sulla proposta di accordo tra Unione europea e Islanda in relazione allo strumento di sostegno finanziario per le frontiere esterne e i visti.

ES un Šveices nolīgums par papildu noteikumiem 2014.–2020. gada laikposmam saistībā ar ārējām robežām un vīzām (A8-0195/2018 - Claude Moraes) IT  
 

L'obiettivo principale dell'ISF - Frontiere e visti è quello di garantire un elevato livello di sicurezza nell'Unione e, al tempo stesso, facilitare i viaggi legittimi e contrastando l'immigrazione illegale attraverso un livello uniforme ed elevato di controllo delle frontiere esterne. Pertanto ho votato a favore sulla proposta di accordo tra Unione europea e la Confederazione svizzera in relazione allo strumento di sostegno finanziario per le frontiere esterne e i visti.

Kohēzijas politika un aprites ekonomika (A8-0184/2018 - Davor Škrlec) IT  
 

L'economia circolare è un nuovo concetto strategico europeo, che prevede la riforma strutturale della nostra economia con il passaggio dal modello "prendi, produci, getta" a un modello ciclico maggiormente in linea con il sistema odierno. La politica di coesione e l'economia circolare non riguardano soltanto le politiche infrastrutturali, ma anche la coesione sociale e la solidarietà. La relazione in oggetto chiede di attuare una pertinente metodologia di rilevamento per monitorare attentamente il contributo della politica di coesione alla realizzazione dell'economia circolare attraverso un aumento significativo della spesa per l'economia circolare e per il clima. Pertanto mi sono espressa a favore della relazione.

Kiberaizsardzība (A8-0189/2018 - Urmas Paet) IT  
 

Gli Stati membri dell'Unione europea sono spesso oggetto di attacchi informatici condotti da soggetti ostili e pericolosi, contro obiettivi civili o militari. Molto spesso la vulnerabilità è dovuta principalmente alla frammentazione delle strategie e delle capacità di difesa europea. Accolgo con favore l'iniziativa della Commissione di un pacchetto sulla sicurezza informatica per promuovere la resilienza, la deterrenza e la difesa informatica dell'UE e ritengo che una politica comune di cyberdifesa unita alla capacità di difesa informatica dovrebbero costituire elementi essenziali ai fini dello sviluppo dell'Unione europea della difesa. Pertanto mi sono espressa a favore del provvedimento.

Atpūtas zvejas stāvoklis Eiropas Savienībā (A8-0191/2018 - Norica Nicolai) IT  
 

Si stima che nell'Unione europea vi siano tra gli 8,7 e i 9 milioni di pescatori ricreativi, che rappresentano l'1,6% della popolazione europea. La pesca ricreativa è classificata come un hobby, il cui impatto economico e ambientale ne dimostra la necessità di tenerne conto e analizzarla, nell'elaborare i regolamenti futuri. Difatti siamo di fronte ad una carenza, o totale assenza, di dati disponibili o di attività di raccolta dei dati, nel settore della pesca ricreativa. In assenza di tali dati non è possibile misurare con precisione, l'impatto della pesca ricreativa e, in particolare, della pesca ricreativa in mare sugli stock dell'Unione.
È necessario dunque disporre di una valutazione più completa degli stock, che non è possibile compiere quando lo stock è condiviso tra le attività di pesca ricreativa e commerciale, trovando il modo adeguato per inserire la pesca ricreativa nella futura PCP. Per questi motivi mi sono espressa a favore della relazione.

Kopīgi noteikumi civilās aviācijas jomā un Eiropas Savienības Aviācijas drošības aģentūra (A8-0364/2016 - Marian-Jean Marinescu) IT  
 

Mi sono espressa a favore della proposta in oggetto, sulle regole comuni nel settore dell'aviazione civile, in cui vengono presentate una serie di idee innovative, per la regolamentazione della sicurezza, la security aerea e la protezione ambientale .L'intento è di stabilire un quadro normativo efficace per l'integrazione di nuovi modelli imprenditoriali e di tecnologie emergenti, quali ad esempio i droni. Ritengo che l'Agenzia dell'Unione europea per la sicurezza aerea, sia diventata un attore importante nel settore dell'aviazione e che sia giunto il momento di un potenziamento della cooperazione internazionale e la promozione di norme a livello dell'Unione europea, al fine di promuovere il ruolo internazionale dell'Agenzia.

Jaunu lielas noslodzes transportlīdzekļu CO2 emisijas un degvielas patēriņš (A8-0010/2018 - Damiano Zoffoli) IT  
 

Il riscaldamento globale è un problema reale, che deve essere affrontato con decisioni chiare e coraggiose. L'Unione europea ha fissato un obiettivo ambizioso, per ridurre le emissioni di gas a effetto serra, in tutti i settori dell'economia, di almeno il 40%, entro il 2030. Uno dei settori più coinvolti è quello dei trasporti, che dovrà contribuire in maniera significativa, a raggiungere questo obiettivo.
Le emissioni di CO2 e il consumo di carburante dei veicoli pesanti nuovi immessi sul mercato dell'Unione europea, non sono stati finora monitorati in maniera oggettiva e comparabile, come avviene invece per automobili e furgoni. Di conseguenza non si hanno dei dati affidabili in merito alla configurazione del parco veicoli pesanti immatricolati nell'Unione europea, alla sua evoluzione nel tempo ed al suo potenziale impatto sulle emissioni. Pertanto la Commissione ha deciso di intraprendere delle azioni specifiche per colmare queste lacune, favorendo una piena trasparenza del mercato, al fine di disporre di dati certi e verificabili sulle emissioni di CO2 e sui consumi dei veicoli pesanti. Per questi motivi mi sono espressa a favore del provvedimento.

Virzība uz ilgtspējīgu un konkurētspējīgu Eiropas akvakultūras nozari (A8-0186/2018 - Carlos Iturgaiz) IT  
 

In Europa, l'acquacoltura rappresenta approssimativamente il 20% della produzione ittica e occupa direttamente circa 85 000 persone. Si tratta di un settore composto principalmente da PMI ubicate in zone costiere e rurali. Tra il 2009 e il 2013 la produzione ha registrato una diminuzione di circa 100 000 tonnellate. Negli ultimi dieci anni il volume della produzione acquicola dell'UE, ha attraversato una fase di recessione, dovuto al periodo di crisi economica e dalla crescente concorrenza di paesi terzi.
La strategia della Commissione europea, per lo sviluppo sostenibile dell'acquacoltura europea, prevede di semplificare le procedure amministrative, assicurare lo sviluppo sostenibile e la crescita dell'acquacoltura, grazie a una pianificazione coordinata dello spazio, promuovendo la competitività dell'acquacoltura nell'UE.
Per garantire all'acquacoltura dell'Unione il posto che merita, non dobbiamo lasciarci sfuggire le nuove opportunità. Pertanto, mi sono espressa a favore della relazione.

Septītās vides rīcības programmas īstenošana (A8-0059/2018 - Daciana Octavia Sârbu) IT  
 

Il 7° programma d'azione per l'ambiente definisce obiettivi vincolanti che l'Unione europea e gli Stati membri devono conseguire nel settore dell'ambiente entro il 2020. Il programma porta avanti un'agenda che incide positivamente sui cittadini e sull'ambiente ma persistono ancora diversi ambiti in cui l'attuazione carente del programma contribuisce al degrado ambientale e pone minacce dirette per la salute dei cittadini. Tali ambiti sono ad esempio l'utilizzo del suolo e la pesca non sostenibile, la perdita di biodiversità, la qualità dell'aria o la gestione dei rifiuti. È necessario porre rimedio con urgenza alla mancata definizione di politiche adeguate in detti ambiti. Mi sono espressa a favore del testo affinché possano essere realizzati ulteriori progressi verso il conseguimento di tutti gli obiettivi concentrandosi su tre temi centrali: lacune in materia di conoscenze, coerenza delle politiche e finanziamenti.

Attīstības sadarbības instrumenta, humānās palīdzības instrumenta un Eiropas Attīstības fonda īstenošana (A8-0118/2018 - Enrique Guerrero Salom) IT  
 

La relazione contribuisce alla revisione del Fondo europeo di sviluppo e dello strumento per la cooperazione allo sviluppo, nonché dello strumento per gli aiuti umanitari, al fine di valutarne l'idoneità in relazione agli obiettivi delle politiche dell'UE. Mi sono espressa a favore della relazione sostenendo interventi a favore dello sviluppo di modo che diventino il motore dell'azione politica dell'UE mediante strumenti finanziari più omogenei e coordinati.
L'UE dovrebbe mantenere, se non addirittura accrescere, il proprio contributo finanziario alla cooperazione allo sviluppo e all'aiuto umanitario se realmente vuole concorrere in maniera decisiva all'eliminazione della povertà e affrontare al contempo le cause all'origine di gran parte dei movimenti migratori che sono oggi al centro dell'azione interna ed esterna dell'Unione.

Ekonomiskās, sociālās un teritoriālās kohēzijas stiprināšana Eiropas Savienībā (A8-0138/2018 - Marc Joulaud) IT  
 

La relazione risponde alla 7° relazione sulla coesione pubblicata dalla Commissione nell'ottobre 2017 sottolineando che la politica di coesione dovrebbe rimanere ambiziosa e coprire tutte le regioni dell'UE dopo il 2020. Nel testo vengono formulate proposte concrete per semplificare la politica, rafforzare l'approccio territoriale ed investire in innovazione e sostegno alle PMI, pertanto mi sono espressa a favore del provvedimento.
La politica di coesione deve incarnare il volto di un'Europa concreta e utile nei nostri territori avvicinando l'Unione europea ai suoi cittadini. La dimensione territoriale della politica di coesione deve essere rafforzata per garantire un approccio su misura che consenta di affrontare meglio le sfide dei diversi territori, siano essi urbani, rurali, insulari, montuosi o di frontiera.

Europass: prasmju un kvalifikāciju sistēma (A8-0244/2017 - Thomas Mann, Svetoslav Hristov Malinov) IT  
 

La relazione sul quadro comune per la fornitura di servizi migliori per le competenze e le qualifiche contribuisce ad adeguare i servizi Europass alle esigenze e alle aspettative degli utenti e degli erogatori di tutte le parti: i discenti, le persone in cerca di lavoro, i datori di lavoro, in particolare le piccole e medie imprese, e le strutture per l'istruzione e la formazione.
Mi sono espressa a favore del testo poiché ritengo necessario modernizzare e migliorare questi strumenti allo scopo di rendere le qualifiche e le competenze dei cittadini dell'UE trasparenti e interoperabili all'interno degli Stati membri e fra di essi grazie a informazioni, strumenti basati sul web e standard aperti a sostegno della trasparenza e della comprensione delle competenze e delle qualifiche.

Dzelzceļa transporta statistika (A8-0038/2018 - Karima Delli) IT  
 

Nel quadro della revisione del regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio, relativo alle statistiche dei trasporti ferroviari, si era auspicato un ampliamento del campo di applicazione, insistendo sull'importanza di disporre di dati statistici esaurienti e precisi, riguardo al trasporto merci e passeggeri, nonché ai collegamenti transfrontalieri, con lo scopo di avere un quadro chiaro dell'evoluzione della rete transeuropea di trasporto (TEN-T). È necessario mettere a disposizione dei responsabili politici, come anche dei cittadini europei, informazioni pertinenti sui risultati delle politiche dell'Unione in materia di trasporto e degli investimenti effettuati a tal fine. Pertanto mi sono espressa a favore del provvedimento.

Protokola par EOTK izbeigšanās finansiālajām sekām un par Ogļu un tērauda pētniecības fondu izpilde (A8-0034/2018 - Jean Arthuis) IT  
 

Il "Fondo di ricerca carbone e acciaio" (FRCA), istituito a seguito della scadenza del trattato che istituisce la Comunità europea del carbone e dell'acciaio (CECA), è destinato al finanziamento delle attività di ricerca in questi settori. Il FRCA presenta diversi obiettivi che intendono garantire la competitività dei settori in questione attraverso l'innovazione, mantenere i posti di lavoro nelle aree geografiche che spesso versano in difficoltà e contribuire alla riduzione delle emissioni di CO2 e di altri agenti inquinanti generati da questi settori industriali.
La proposta di decisione presentata dalla Commissione mira ad autorizzare l'utilizzo di tutti i disimpegni effettuati a titolo del FRCA a partire dal 2003. L'adozione della proposta consentirebbe pertanto alla Commissione di integrare la dotazione del FRCA per il 2018, elevandola a 40 milioni di EUR, e di utilizzare gli stanziamenti rimanenti per la dotazione del 2019. Visti i soddisfacenti risultati conseguiti dai progetti cofinanziati dal FRCA mi sono espressa a favore del testo.

Nolīgums starp ES un Jaunzēlandi par sadarbību un savstarpējo administratīvo palīdzību muitas lietās (A8-0029/2018 - Daniel Caspary) IT  
 

L'obiettivo generale dell'accordo è sviluppare e intensificare la cooperazione e l'assistenza amministrativa reciproca in ambito doganale con la Nuova Zelanda. In particolare, stabilisce la base giuridica di un quadro di cooperazione inteso a garantire la sicurezza della catena di approvvigionamento e ad agevolare gli scambi commerciali legittimi.
L'UE ha già concluso numerosi accordi analoghi di reciproca assistenza amministrativa in materia doganale, pertanto mi sono espressa a favore del provvedimento per consentire una cooperazione più efficace tra le autorità doganali e creando scambi maggiormente prevedibili e favorevoli al commercio.