Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")

Notizie

Comunicati stampa

 
 
 
 

Tre film in competizione per il Premio Lux

Altro Cultura23-07-2014 - 18:07
LUX 2014: Razredni sovražnik (Nemico di classe) di Rok Biček; Bande de filles (Gruppo di ragazze) di Céline Sciamma; Ida, di Paweł Pawlikowski  

I tre film che concorreranno per quest'anno al Lux Prize sono stati annunciati. “Razredni sovražnik“ (Nemico di classe) dalla Slovenia, il francese "Bande de filles" (Gruppo di ragazze) e la coproduzione polacco danese "Ida", saranno in competizione per il premio annuale del Parlamento europeo. I finalisti saranno sottotitolati nelle 24 lingue ufficiali dell' Unione europea e proiettati in tutti i 28 Paesi durante le giornate dell'evento Lux cinema . (Seguito: Tre film in competizione per il Premio Lux )

 
 

Le priorità della Presidenza italiana del Consiglio dell’Ue

Altro Consiglio europeo / Istituzioni23-07-2014 - 17:26
Decorations of the Italian Presidency at the EU Council headquarters  

Il primo luglio l'Italia ha assunto la Presidenza del Consiglio europeo subentrando alla Grecia. Nel suo discorso di insediamento durante la prima sessione plenaria del nuovo Parlamento europeo il primo ministro italiano, Matteo Renzi, ha sottolineato la necessità per l'Unione europea di “agire con convinzione e determinazione”. Ecco cosa ne pensano i deputati italiani dei differenti gruppi politici del Parlamento europeo. (Seguito: Le priorità della Presidenza italiana del Consiglio dell’Ue )

 
 

Le priorità della Presidenza italiana discusse nelle commissioni parlamentari

AFCO TRAN LIBE FEMM ENVI EMPL ECON DEVE Istituzioni23-07-2014 - 15:17

Il 22 e il 23 luglio, i ministri italiani illustrano le priorità della Presidenza italiana del Consiglio nelle varie commissioni parlamentari. Questo testo sarà aggiornato quotidianamente. (Seguito: Le priorità della Presidenza italiana discusse nelle commissioni parlamentari )

 
 

MEPs discuss EU trade policy with Commissioner Karel de Gucht

INTA External/international trade22-07-2014 - 18:56

MEPs quizzed trade Commissioner Karel de Gucht MEPs on the US position in transatlantic trade and investment partnership (TTIP) talks and the findings of the EU Commission’s public consultation on TTIP proposals on investor-state dispute settlement mechanisms. Some wondered about fate of a proposed trade deal with Canada, which has been described as „to be signed soon" for a year already, and asked that Parliament be given more access to trade talks documents. (Read more: MEPs discuss EU trade policy with Commissioner Karel de Gucht )

 
 

EU sanctions against Russia must be stepped up, the Ukrainian border closed to halt arms flows from Russia, and the bodies of Malaysia Airlines flight MH17 crash victims returned, MEPs insisted in today’s debate with Ukraine’s foreign minister Pavlo Klimkin. Mr Klimkin called on the EU to show its solidarity now, as Ukraine is “being punished for its EU aspirations”. The debate opened with a minute’s silence for victims of the 17 July crash. (Read more: MH17 crash: MEPs call for solidarity with Ukraine and sanctions against Russia )

 
 

Intervista con Elmar Brok: "Fiamme alle porte dell'Ue"

Altro Relazioni esterne22-07-2014 - 16:10
Intervista con Elmar Brok  

Ogni giorno sentiamo notizie sui conflitti in Ucraina, Irak e ora in Israele e Palestina. Mentre in Israele una delle parti ha accettato il cessate il fuoco e in Ucraina i leader europei stanno ancora tentando di trovare una soluzione con la Russia. Con simili conflitti alle porte, l'Unione europea svolge un ruolo centrale di mediatore. Abbiamo chiesto al presidente della commissione affari esteri Elmar Brok (PPE) il suo parere. (Seguito: Intervista con Elmar Brok: "Fiamme alle porte dell'Ue" )

 
 

Schulz: "Il Parlamento non accetterà un club per gentiluomini".

Altro Istituzioni17-07-2014 - 17:39
From left to right: Mr Herman Van Rompuy, President of the European Council; Mr Martin Schulz, President of the European Parliament; Mr Uwe Corsepius, Secretary-General of the Council; Ms. Dalia Grybauskaite, President of Lithuania; Mr Enda Kenny, Irish Prime Minister. ©The Council of the European Union  

"La nuova Commissione europea dovrebbe includere abbastanza donne o rischiare di essere bloccati dal Parlamento europeo", ha ammonito Martin Schulz. Il presidente del Parlamento europeo si rivolgeva così ai capi di Stato e di governo all'inizio di un vertice del Consiglio lo scorso mercoledì 16 luglio. Ha detto che il Parlamento non poteva approvare una Commissione in cui le donne non sono adeguatamente rappresentate: "il Parlamento non accetterà un club per soli gentiluomini". (Seguito: Schulz: "Il Parlamento non accetterà un club per gentiluomini". )

 
 

MEPs call on Russia to cooperate with Ukrainian peace plan

Plenary Session External relations17-07-2014 - 12:25

Russia should back the peace plan offered by Ukraine, respect the ceasefire and withdraw its mercenaries via the retreat corridor, say MEPs in a resolution passed on Thursday. They call the EU countries to ban arms sales to Russia and help Ukraine to secure its gas supply via reverse gas flows. MEPs also state their readiness to ratify the association and free trade deal with Ukraine. (Read more: MEPs call on Russia to cooperate with Ukrainian peace plan )

 
 

L'UE deve aiutare 5,3 milioni di giovani a trovare un lavoro dignitoso

Tornata Politica dell'occupazione17-07-2014 - 12:25
Applicants applying for an interview  

Il Parlamento europeo ha chiesto misure più efficaci per combattere la disoccupazione tra i giovani, tra cui standard minimi comuni per l'apprendistato e salari decenti, in una risoluzione approvata giovedì. Nel documento chiede che il finanziamento UE dei programmi relativi all'occupazione sia aumentato nei futuri bilanci annuali. (Seguito: L'UE deve aiutare 5,3 milioni di giovani a trovare un lavoro dignitoso )

 
 

In una risoluzione approvata giovedì, il Parlamento condanna fermamente gli attacchi dello Stato islamico (IS) contro lo Stato iracheno e i suoi cittadini, e in particolare le esecuzioni extragiudiziali e l'imposizione di un'interpretazione rigida della Sharia. Allo stesso tempo, la risoluzione esorta le forze di sicurezza irachene a rispettare gli impegni internazionali in materia di diritti umani e libertà fondamentali nella lotta contro l'IS e gli altri gruppi terroristici. (Seguito: Iraq: no al terrorismo jihadista, ci vuole una soluzione politica sostenibile )