Accordo nucleare con Iran: quali possibilità ha l'UE dopo la decisione di Trump? 

Martedì i deputati discuteranno con il Capo della politica estera dell'UE, Federica Mogherini, le conseguenze e la risposta dell'UE alla decisione del Presidente Trump di abbandonare l'accordo nucleare con l'Iran.

L'UE è unita nell'appoggiare l'accordo nucleare con l'Iran, mentre altre questioni che destano preoccupazione, come il sostegno dell'Iran al regime siriano o il programma sui missili balistici, dovrebbero essere affrontate con mezzi diversi, ha dichiarato David McAllister (PPE, DE), presidente della commissione per gli affari esteri del Parlamento europeo.


Tale dichiarazione fa seguito alla decisione del Presidente Trump di non rinnovare le deroghe alle sanzioni statunitensi nell'ambito del piano d'azione globale congiunto (JCPOA).


I deputati potrebbero chiedere ulteriori spiegazioni su come la reintroduzione di sanzioni statunitensi potrebbe colpire gli accordi conclusi tra l'Iran e alcune società dell'UE (come Total o Airbus).


Contesto

 

Nel luglio 2015, l’Iran ha firmato, insieme a sei Paesi (Francia, Germania, UK, Cina, Russia e USA) e l’UE, il piano d'azione globale congiunto (JCPOA), un accordo fondamentale per garantire che il programma nucleare iraniano rimanga pacifico, in cambio della cessazione delle misure restrittive nei confronti dell'Iran.



Dibattito: martedì 12 giugno

Procedura: dichiarazione dell'alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza

Hashtag: #Irandeal #JSPOA