Combattere le molestie e il mobbing sessuali 

Secondo una proposta di risoluzione in votazione martedì, le vittime di molestie sessuali devono essere incoraggiate a denunciare.

Per agevolare la prevenzione e la lotta contro il mobbing e le molestie sessuali sul posto di lavoro, negli spazi pubblici e nella vita politica dell'UE, la Commissione europea dovrebbe presentare un progetto di legge che includa delle definizioni complete e aggiornate di "molestie" e "mobbing" da applicare a livello UE, si afferma nel progetto di risoluzione, redatto da Pina Picierno (S&D, IT), che sarà discusso lunedì e votato martedì.

Secondo il testo, le autorità locali, i datori di lavoro e i sindacati devono comprendere meglio gli ostacoli che le vittime devono affrontare per denunciare le molestie sessuali e creare dei meccanismi sicuri di denuncia.

Per combattere le molestie sessuali nella politica, si raccomandano tolleranza zero e sanzioni. I membri della commissione parlamentare per l'uguaglianza di genere raccomandano inoltre una formazione obbligatoria per tutto il personale e i membri dei parlamenti nazionali, regionali e locali, nonché del Parlamento europeo.

Contesto

Secondo un'indagine a livello UE condotta dall'Agenzia per i diritti fondamentali nel 2014, 1 donna su 3 ha subito violenze fisiche o sessuali durante la vita adulta e fino al 55% molestie sessuali.

Dibattito: lunedì 10 settembre

Votazione: martedì 11 settembre

Procedura: risoluzione non legislativa