Elettricità: un mercato UE più pulito e vantaggioso per i consumatori 

Martedì saranno votate in via definitiva le nuove regole per creare un mercato europeo dell'elettricità che sia più pulito, competitivo e preparato a reagire ai rischi del settore.

I deputati dovrebbero adottare martedì quattro leggi relative al mercato europeo dell'elettricità e concludere così il pacchetto "Energia pulita per tutti gli europei".


Uno dei principali obiettivi delle nuove norme è quello di affrontare gli ostacoli sugli scambi transfrontalieri di elettricità, agevolando lo scambio di energia rinnovabile tra gli Stati membri e sostenendo così l’obiettivo vincolante europeo di aumentare al 32% la quota di energia rinnovabile entro il 2030.


Ci saranno anche limiti più rigidi alla possibilità di offrire aiuti di stato alle centrali a carbone più inquinanti in Europa che sono tenute in stand-by per possibili picchi nella domanda di elettricità, per esempio durante inverni insolitamente freddi.


Contatori intelligenti, prezzi dinamici e cambio di fornitore


Le nuove norme mirano inoltre a rendere il mercato UE dell'elettricità più competitivo e orientato ai consumatori, offrendo loro l'accesso ai contatori intelligenti e la possibilità di richiedere un contratto con prezzo dinamico, oltre che quella di cambiare fornitore senza costi entro un periodo massimo di tre settimane (24 ore entro il 2026).


Infine, per proteggere più efficacemente i cittadini dell'UE da improvvise carenze di approvvigionamento elettrico, il settore sarà preparato a gestire i rischi in maniera migliore e saranno affidati più compiti e poteri all'ACER, l'Agenzia dell'Unione europea per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell'energia, al fine di regolamentare meglio il mercato dell'elettricità dell'UE.



Dibattito: lunedì 25 marzo

Votazione: martedì 26 marzo

Procedura: procedura legislativa ordinaria, accordo in prima lettura (votazione finale)