Condividi questa pagina: 

Il Parlamento vota sulle semplificazioni del sistema di etichettatura energetica. Guarda la nostra infografica per capire come calcolare il consumo energetico.

Utilizzare l’energia in modo efficiente e oculato è certamente uno dei sistemi più semplici per risparmiare sulle bollette. Molti elettrodomestici come lampade, televisori e aspirapolveri sono dotati di un'etichetta standardizzata per aiutare il consumatore a calcolarne l'efficienza energetica. Il Parlamento europeo voterà martedì per semplificare questo sistema di etichettatura, rendendolo più facile da capire per il consumatore.

 

Efficienza energetica significa ottenere le stesse prestazioni consumando meno energia. Il primo marchio energetico UE fu introdotto nel 1994, classificando gli apparecchi con la lettera G (meno efficienti) e A (più efficienti). Poiché i produttori hanno migliorato le prestazioni energetiche dei prodotti, l'etichetta è stata estesa ad A +++. Tuttavia, l'introduzione di classi A + e superiori ha ridotto l'efficacia dell'etichetta energetica poiché la maggior parte dei prodotti ora si colloca nella fascia classe A o superiore.

Infografica: ridurre il consumo energetico con le nuove etichette        
Consumare meno energia con le nuove etichette 

L’intenzione dei deputati europei è di ripristinare la scala originaria A-G e istituire un meccanismo di ridimensionamento più flessibile a ulteriori miglioramenti nell'efficienza energetica, senza dover creare nuove classi energetiche. La proposta, che sarà condotta in Parlamento dal deputato italiano Dario Tamburrano (EFDD), comprende anche misure per migliorare il monitoraggio dei marcati nazionali e la creazione di un nuovo database dei prodotti.

 

Il Parlamento e il Consiglio hanno già concordato un testo di compromesso, che dovrebbe entrare in vigore dopo l’approvazione di entrambe le istituzioni. Leggi il comunicato stampa per ulteriori informazioni.