Premio Sacharov: impegnamoci per la libertà 

 
 

Condividi questa pagina: 

La giovane pakistana Malala Yousafzai ha vinto il premio Sacharov per la libertà di pensiero 2013. La sua lotta per il diritto all'istruzione delle ragazze e contro il regime dei talibani è stata ricompensata dal Parlamento europeo con il premio Sacharov, destinato ogni anno alle persone che lottano contro l'intolleranza e l'oppressione, per la difesa dei diritti umani, la dignità umana e la democrazia.

Aveva 11 anni quando nel 2009 ha iniziato la sua battaglia in Pakistan, nello Swat, dove i talibani vietavano alle bambine di andare a scuola. Malala decide di creare un blog diventando molto rapidamente una voce importante nella lotta per la liberazione dei diritti delle donne. Un gruppo di talibani ha tentano di assassinarla in ottobre 2012.


La cerimonia di premiazione ha avuto luogo a Strasburgo il 20 novembre. Durante la stessa settimana è stato anche celebrato il 25esimo anniversario del premio. Per l'occasione più di venti premi Sacharov hanno partecipato all'evento.


Chi era Andreï Sakharov? Premio Nobel per la pace nel 1975, il fisico russo Andreï Dmitrievitch Sakharov (1921-1989) è innanzitutto l’inventore della bomba a idrogeno. Preoccupato per le conseguenze del suo lavoro sul futuro dell'umanità, tentò di far prendere coscienza del pericolo rappresentato dalla corsa agli armamenti nucleari ed ottenne un parziale successo mediante la firma, nel 1963, del trattato contro i test nucleari. Considerato in Unione sovietica come un dissidente dalle idee sovversive, negli anni ’70 diede vita ad un comitato per la difesa dei diritti dell’uomo e delle vittime delle persecuzioni politiche. I suoi sforzi furono coronati dal premio Nobel per la pace assegnatogli nel 1975.
Ogni gruppo politico o almeno 40 deputati possono proporre un candidato.