Condividi questa pagina: 

La settimana in Parlamento 

I punti salienti di questa settimana al Parlamento Europeo sono soprattutto le politiche sulla migrazione e il rimpatrio nell’UE e la lotta contro lo spreco alimentare.


Alla luce dei fatti accaduti nelle ultime settimane, la Siria torna a far parlare di se in Parlamento. I membri della Commissione affari esteri (AFET) discutono lunedì 10 Aprile in serata quale strategia adottare per affrontare la questione siriana. Sempre nello stesso meeting si discuteranno i risultati della Conferenza dei donatori tenutasi a Bruxelles il 4-5 aprile con il Segretario Generale del Servizio europeo per l’azione esterna, Helga Schmid.


Martedì il rimpatrio dei migranti senza permesso di soggiorno nell'UE sarà oggetto di dibattito in seno alla Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE) con la Commissione Europea, che ha già proposto alcune riforme delle norme attuali. Queste comprendono un maggiore sostegno finanziario per gli Stati membri, rendere lo scambio di informazioni più efficiente e la conclusione dei negoziati sugli accordi di riammissione con i paesi africani e medio orientali.


In giornata, la Commissione ambiente, sanità pubblica e sicurezza alimentare (ENVI) proporrà delle soluzioni per ridurre gli sprechi alimentari del 50% entro il 2030, per esempio, facilitando le donazioni di cibo. Ogni anno, 88 milioni di tonnellate di cibo va sprecato in Europa. Le proposte in oggetto sono parte di una serie di colloqui già in corso sul pacchetto legislativo riguardante la gestione dei rifiuti e l’economia circolare.


Tutt’oggi nei paesi in via di sviluppo, una ragazza su tre sotto i 18 anni è costretta a sposarsi. Sempre martedì, la Sottocommissione per i diritti dell'uomo (DROI) e la Commissione per i diritti della donna e l'uguaglianza di genere (FEMM) organizzerà un'audizione congiunta per affrontare il problema dei matrimoni tra bambini.