Questa settimana al Parlamento europeo: sicurezza informatica, lotta alle molestie, qualità dei prodotti 

 
 

Condividi questa pagina: 

Questa settimana gli eurodeputati discutono di misure contro le molestie sessuali, doppia qualità dei prodotti e certificazione per elettrodomestici contro gli attacchi informatici.

Congedo di paternità

 

La Commissione per l’Occupazione vota nel pomeriggio di mercoledì 11 luglio 2018 sulle proposte per sancire il diritto a condizioni lavorative più flessibili per chi è genitore e per introdurre congedi per paternità della durata di 10 giorni dopo la nascita di un figlio e per assistenza di familiari.

 

Lotta alle molestie sessuali

 

Giovedì 12 la Commissione per i Diritti della donna e l’uguaglianza di genere vota delle misure per contrastare il mobbing e le molestie sessuali sul posto di lavoro, nei luoghi pubblici e nel contesto politico. Le misure sono volte anche a precisare condizioni, definizioni e classificazioni dei diversi tipi di violenza di genere.

 

Stessi prodotti, diversa qualità

 

La Commissione per il Mercato interno e la protezione dei consumatori vota giovedì mattina sulle proposte per affrontare il problema della differenza nella qualità dei prodotti in base al paese di commercializzazione, questione emersa dopo alcuni test effettuati su prodotti pubblicizzati e venduti con lo stesso nome e packaging in diversi paesi dell’UE.

 

Sicurezza informatica

 

Nella mattinata di martedì 11 luglio la Commissione per l’Industria vota per introdurre un sistema di certificazione sulla sicurezza informatica di software e hardware all’interno degli elettrodomestici intelligenti, come lavatrici, asciugatrici e frigoriferi di nuova generazione. Gli eurodeputati votano anche su una proposta per potenziare il ruolo dell’Agenzia dell’Unione europea per la sicurezza delle reti e dell’informazione (ENISA, dall’inglese European Union Agency for Network and Information Security).

 

Sportello digitale unico

 

Giovedì mattina la Commissione per il Mercato interno vota anche su un accordo per istituire lo sportello unico digitale, deciso in via provvisoria da Parlamento e Consiglio il 24 marzo 2018. Con questo nuovo sportello i cittadini e le imprese dell’UE avranno accesso online alle informazioni e potranno, ad esempio, presentare domanda per ricevere prestiti per motivi di studio, fare la dichiarazione dei redditi, immatricolare l’auto, richiedere il certificato di residenza e altro ancora.