I punti chiave della plenaria: strade più sicure, whistleblower, protezione dei consumatori 

 
 

Condividi questa pagina: 

Nell’ultima seduta plenaria prima delle elezioni di maggio, gli eurodeputati hanno approvato nuove misure sulla sicurezza stradale e sulla protezione dei whistleblower

Per rendere più sicure le frontiere esterne dell’Unione europea, il 17 aprile il Parlamento europeo ha approvato un piano che conferisce all’Agenzia europea della guardia di frontiera e costiera un corpo permanente formato da 10mila guardie di frontiera entro il 2027.

Il 16 aprile Parlamento ha anche adottato nuove misure che aumentano la sicurezza stradale e riducono il rischio di incidenti. I nuovi veicoli in vendita dal 2022 dovranno essere dotati di dispositivi di sicurezza come il sistema di adattamento intelligente della velocità e il sistema di frenata automatica di emergenza.

Lo stesso giorno gli eurodeputati hanno adottato nuovi standard europei per proteggere i whistleblower (i lavoratori che denunciano le irregolarità perpetrate nella propria azienda, organizzazione o istituzione). Le misure mirano a rendere più facile e sicuro denunciare pratiche illegali o dannose per l'interesse pubblico.

In seguito al voto del 16 aprile, i lavoratori a chiamata, a voucher o delle piattaforme digitali potranno godere di condizioni di lavoro più trasparenti e prevedibili.

I consumatori europei, indipendentemente dal luogo in cui effettuano i loro acquisti (online o in negozio), potranno contare su alti standard di protezione grazie alle nuove norme approvate dal Parlamento il 17 aprile.

Un’ora dalla segnalazione delle autorità, questo è il tempo massimo concesso alle aziende informatiche per rimuovere i contenuti terroristici pubblicati online, secondo quanto previsto dalle nuove norme approvate dagli eurodeputati il 17 aprile. Il Parlamento ha anche approvato delle norme più severe con cui diventa più difficile per i terroristi procurarsi le sostanze chimiche necessarie a costruire gli ordigni esplosivi fai-da-te.

“Non combattete i populisti, ma capite le cause del malcontento popolare”, queste le parole del Primo Ministro lettone Krišjānis Kariņš durante il dibattito sul futuro dell’Europa tenutosi il 17 aprile.

In un dibattito tenutosi il 16 aprile la maggioranza del Parlamento europeo ha encomiato la decisione di estendere l’adesione del Regno Unito all’Unione europea. Gli eurodeputati hanno esortato il governo inglese a usare l’estensione in modo costruttivo.

Il Parlamento vuole dare una spinta agli investimenti dei prossimi anni nei campi della ricerca, dello spazio e dei progetti digitali. Gli eurodeputati hanno votato sui fondi, sugli scopi e sulle priorità di questi programmi per il periodo 2021-2027.

Il 16 aprile la sedicenne attivista svedese Greta Thunberg ha tenuto un discorso di fronte alla Commissione per l’ambiente del Parlamento durante il quale ha chiesto “cambiamenti permanenti e senza precedenti in tutti gli aspetti della società” per combattere il cambiamento climatico.

Greta Thunberg.jpg