Era digitale: l'ABC del Parlamento europeo 

 
 

Condividi questa pagina: 

©BELGA_Zoonar_N_Menijes 

Ogni giorno 315 milioni di europei utilizzano Internet. Le tecnologie dell'era digitale possono incentivare la crescita e l'occupazione, per questa ragione la Commissione europea ha presentato nel maggio 2015 una strategia per un mercato unico digitale. Inoltre, a giugno il Parlamento e il Consiglio hanno trovato un accordo sull'eliminazione del roaming entro il 2017 e la neutralità della rete. Il nostro glossario digitale può aiutarti a capire meglio la questione.

Big Data: grandi volumi di dati, che possono includere le registrazioni delle transazioni di acquisto o segnali GPS. La Commissione europea desidera soffermarsi su una serie di questioni come ad esempio sulla proprietà e la protezione dei dati.

Cloud computing: dati utilizzati, archiviati ed elaborati su computer remoti (server) accessibili via internet. I benefici sono la convenienza e spesso costi più bassi per i consumatori, mentre i rischi possono includere il trattamento dei dati sensibili.

E-commerce: commercializzazione di prodotti e merci su internet. Secondo la Commissione, solo il 15% dei consumatori acquista online nei mercati transfrontalieri all'interno dell'UE, individuando le spese di consegna, come una sfida per il futuro.


Clicca qui per altre notizie dal Parlamento

Geo-blocking: la pratica di alcune aziende di impedire i consumatori di accedere ad un servizio on-line della società in un altro paese, spesso senza giustificato motivo. L'obiettivo? Indirizzare il traffico in un negozio locale con prezzi e prodotti diversi rispetto a quelli degli altri paesi.

Neutralità della rete: il principio che i fornitori di servizi internet dovrebbero trattare tutti i contenuti, i siti e le piattaforme on-line allo stesso modo, ad esempio, senza bloccare o rallentare i siti web o i servizi concorrenti. Le garanzie relative alla neutralità della rete faranno parte del 'pacchetto sulle telecomunicazioni' sul quale Parlamento e Consiglio hanno raggiungo un accordo informale a giugno.


Roaming: la capacità di effettuare telefonate, inviare e ricevere dati al di fuori della rete in un paese straniero. Secondo l'accordo informale tra Parlamento e Consiglio il roaming sarà vietato dal 2017.




Quest'articolo è stato precedentemente pubblicato il 5 Maggio 2015.

Lo sapevi? 
  • Secondo le recenti stime presentate dal servizio di ricerca del Parlamento europeo, la creazione di un mercato unico digitale porterebbe a un aumento del PIL pari a 500 miliardi di euro all'anno.