LUX Film Prize 2017: ecco i tre finalisti 

 
 

Condividi questa pagina: 

Annunciati i tre film che si contenderanno il premio cinematografico LUX: “120 battements par minute”, “Sameblod” e “Western”

I finalisti della competizione cinematografica europea LUX Prize 2017 sono stati svelati dal Presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani alla conferenza stampa delle Giornate degli autori il 25 luglio a Roma.

Il premio assegnato dal Parlamento europeo ai migliori cineasti di tutta Europa si distingue nella sua undicesima edizione per la ricchezza e la diversità dei generi e dei temi trattati.

Fra i finalisti troviamo il film del regista francese Robin Campillo120 battements par minute” (120 battiti al minuto) che racconta la solidarietà, il senso dell’umorismo e la determinazione di un gruppo di attivisti anti-aids che lottano, nella Francia degli anni novanta, per la visibilità della piaga dell’AIDS e per il progresso della prevenzione.

"Sameblod" è il risultato di una cooperazione svedese, danese e norvegese. La regista Amanda Kernell ha voluto raccontare al pubblico la storia di una ragazza lappone che negli anni 30 decide di abbandonare la comunità in cu vive per identificarsi nella società svedese e che per questo subisce razzismo e incomprensione.

Si tratta di un “Western” moderno il film della regista Valeska Grisebach, nato da una cooperazione tedesca, bulgara e austriaca.  Grisebach usa lo schema del western per raccontare la storia di lavoratori tedeschi che si trovano a costruire una centrale idroelettrica nella meravigliosa natura bulgara.

Film europei nelle sale europee

I film saranno disponibili nelle sale già fra qualche settimana, ma il momento migliore per vederli tutti saranno le giornate LUX Film Days in autunno: grazie al sostegno del Parlamento europeo i tre film finalisti saranno sottotitolati in 24 lingue e verranno mostrati in 50 città e festival in tutta Europa.

Il film vincitore verrà scelto dagli europarlamentari e rivelato durante la sessione plenaria del 14 Novembre a Strasburgo in presenza dei registi.

 

I tre finalisti