Europol: aiutare gli Stati membri nella lotta contro la criminalità internazionale 

 
 

Condividi questa pagina: 

©AP Images/ European Union-EP 

Le reti criminali e terroristiche sono una minaccia per tutti i cittadini dell'UE. Europol, l'ufficio europeo di polizia, assiste gli Stati membri nella lotta contro la criminalità internazionale e il terrorismo. Tuttavia, le minacce evolvono rapidamente e i governi hanno deciso di aggiornare le capacità antiterrorismo di Europol. Lunedì, la commissione per le Libertà civili vota le nuove competenze di Europol.

Le forze dell'ordine di Europol mirano a rafforzare e migliorare la cooperazione tra Stati membri per la prevenzione e la lotta contro tutte le forme di criminalità internazionale. Europol lavora anche a stretto contatto con altri paesi come gli Stati Uniti, il Canada, l'Australia e la Norvegia.

Europol si occupa di numerosi aspetti della criminalità internazionale: il traffico di droga, le reti illegali di immigrazione e il traffico di esseri umani, la pornografia infantile, la criminalità informatica, i lriciclaggio di denaro e la falsificazione dell'euro.

Cooperazione e competenza


Parte del personale Europol proviene dalle forze dell'ordine degli Stati membri, tra cui polizia, la polizia frontiera, doganale e dai servizi di sicurezza. Gli agenti dell'Europol non hanno poteri diretti di arresto, né hanno il potere di condurre indagini negli Stati membri.


Europol assistere le autorità nazionali attraverso lo scambio di informazioni, analisi di intelligence, valutazione delle minacce, competenze tecniche e formazione. Ogni anno, gli Stati membri si basano sul loro sostegno per realizzare oltre 18.000 indagini transfrontaliere.


Questa estate è stata annunciata la creazione di una nuova unità di cyber-polizia proveniente da tutta Europa, coordinata da Europol, che avrà come obiettivo quello di rintracciare e smantellare la presenza dell'ISIS sui social media, un elemento importante della radicalizzazione in Europa.

Europol 
  • Un'agenzia UE istituita nel 1990 e composta da più di 900 dipendenti. Ha sede a L'Aia (Paesi Bassi). L'attuale direttore è il britannico Rob Wainwright.