Karas sull'Ucraina: "Se i colloqui non funzionano, il rischio di un'escalation militare aumenterà" 

 
 

Condividi questa pagina: 

Il deputato Othmar Karas. 

Gli Stati membri dell'UE hanno rilanciato i colloqui di pace con la Russia e l'Ucraina per evitare un deterioramento ulteriore. Lunedì, la commissione per gli Affari esteri del Parlamento europeo ha discusso la situazione con Alexey Pushkov, il presidente della commissione Affari internazionali della Duma. Dopo la riunione, abbiamo incontrato Othmar Karas, deputato austriaco del PPE e presidente della delegazione UE-Russia.

Pensa che i nuovi colloqui tra la Germania, la Francia, l'Ucraina e la Russia porteranno alla pace?


Riconoscere il diritto internazionale è fondamentale per raggiungere la pace e il rispetto del diritto internazionale è la base di un accordo. La Russia ha violato il diritto internazionale. La sua posizione risulta in contraddizione con gli accordi di Helsinki e il Memorandum sulla sicurezza di Budapest. Rispettare il protocollo Minsk è essenziale per un accordo tra l'Unione europea, l'Ucraina e la Russia. Se la Russia avesse rispettato il diritto internazionale, avrebbe aperto la porta al dialogo.


Se non si trova una soluzione, altri paesi vicini come ad esempio gli Stati baltici, potrebbero essere a rischio?


Molte persone hanno paura, ma il modo migliore per rassicurarli è quello di rispettare la legislazione vigente e di stringere degli accordi. Quando qualcuno non rispetta un accordo o infrange la legge, tradisce la fiducia dell'altro. Per questa ragione la condizione è che la Russia rispetti l'indipendenza e la sovranità dell'Ucraina aiutando anche a risolvere gli altri problemi.


Pensa che sarebbe una buona idea se gli Stati Uniti fornissero le armi all'Ucraina?


I problemi non possono essere risolti con le armi, solo dalle persone. La ricetta di Europa per il successo è il dialogo. Si tratta di parlare insieme e lavorare i problemi insieme. Per questo sono lieto che l'Unione europea e gli Stati membri stiano molte energie e tempo nei negoziati. Sono anche lieto che l'onorevole Puskhov sia in visita al Parlamento europeo. La cosa più importante è guardare l'altro negli occhi e discutere i problemi, senza passare alle armi.


Mercoledì spero che verranno fatti dei progressi. Quando i colloqui non vanno lontano, il rischio di una escalation militare aumenta ogni giorno. Posso invitare tutti gli interessati a cogliere ogni opportunità per i negoziati. L'unica base per un accordo è il protocollo di Minsk.