Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")

Esplorazioni offshore di petrolio e gas: operatori devono dimostrare capacità di coprire danni

Tornata Comunicati stampa - Energia21-05-2013 - 14:22
 

Il Parlamento ha dato il via libera martedì alla nuova direttiva sulla sicurezza delle attività di perforazione per gas e petrolio. Le nuove norme obbligheranno le aziende a provare la loro capacità di coprire i danni potenziali derivanti dalle loro attività e a presentare una relazione sui possibili pericoli e soluzioni, prima che le operazioni possano cominciare.



"Abbiamo bisogno di standard più importanti quando si tratta di gestione del rischio. Siamo convinti che le regole che stiamo approvando ora possano diventare un modello a livello internazionale", ha detto Ivo Belet (PPE, BE), relatore del provvedimento che è stato adottato oggi con 572 voti favorevoli a 103, con 13 astenuti. Il testo riflette l'accordo raggiunto con il Consiglio.


Capacità finanziaria per ovviare a tutti i danni causati


Tutti gli operatori dovranno garantire accesso a "risorse fisiche, umane e finanziarie sufficienti per prevenire gli incidenti gravi e limitare le conseguenze di tali incidenti". Nessuna licenza sarà concessa salvo che il richiedente abbia fornito la prova che ha adottato o adotterà "misure adeguate per coprire le responsabilità potenziali derivanti dalle operazioni in mare".


Relazione sui grandi rischi


Le società di perforazione saranno tenute a presentare alle autorità nazionali, prima che le operazioni inizino, una relazione speciale che descrive l'installazione della perforazione, i principali potenziali pericoli e gli accordi speciali a tutela dei lavoratori.


Piani di emergenza


Le aziende dovranno inoltre fornire un piano di emergenza a uso interno, con una descrizione completa delle attrezzature e delle risorse disponibili, le azioni da adottare in caso d'incidente e tutte le disposizioni già adottate per limitare i rischi e garantire il preallarme alle autorità.


Allo stesso tempo, gli Stati membri dovranno preparare i piani di emergenza esterni, che devono includere tutti gli impianti di perforazione offshore sotto la loro giurisdizione. In questi piani, si dovrà specificare il ruolo e gli obblighi finanziari delle società di perforazione, nonché il ruolo delle autorità competenti e delle squadre di emergenza.


Applicazione e recepimento


Gli stati che non hanno operazioni petrolifere in mare aperto sotto la loro giurisdizione, mentre i paesi senza sbocco sul mare e con aziende registrate nel loro territorio dovranno applicare solo un numero limitato di disposizioni della presente direttiva. Gli Stati membri avranno due anni per introdurre la direttiva nella legislazione nazionale, mentre per gli impianti già esistenti, il termine di recepimento è di cinque anni.

RIF. : 20130520IPR08605
 
 
Contatti