Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")

I deputati chiedono libero accesso per i servizi internet e stop al roaming

Tornata Comunicati stampa - Società dell'informazione03-04-2014 - 12:28
 
Man Using Cellular Phone, Lindos, Island of Rhodes   I deputati dicono che l'utilizzo di telefoni cellulari per le chiamate, i messaggi di testo e internet quando si viaggia in un altro paese dell'UE non dovrebbe costare più che a casa. - ©BELGAIMAGE/MASTERFILE/K.Finlay

Secondo un progetto legislativo denominato "pacchetto telecom", approvato dal Parlamento giovedì, i fornitori di connessione internet non dovrebbero più essere in grado di bloccare o rallentare i servizi offerti dai loro concorrenti per ragioni economiche o di altro tipo. I deputati hanno anche votato per abolire dal 15 dicembre 2015 le tariffe sul roaming, i costi aggiuntivi per l'utilizzo del telefono cellulare in un altro paese dell'UE.


La relazione di Pilar del Castillo Vera (PPE, ES) è stata approvata con 534 voti a favore a 25, e 58 astensioni.


Uguale accesso ad internet per i fornitori di servizi

 

I deputati vogliono norme chiare per evitare che i fornitori di accesso a internet promuovano alcuni servizi a discapito di altri. Il regolatore delle telecomunicazioni europee BEREC ha già riferito che diversi fornitori di accesso a internet stavano bloccando o rallentando servizi come "Skype" (utilizzato per effettuare telefonate via internet).


I fornitori di connessione internet sarebbero ancora in grado di offrire servizi specializzati di qualità superiore, come i video on demand e le applicazioni dati business-critical con cloud ad alta intensità (per l’archiviazione dati), a condizione che tali servizi non siano forniti a "discapito della disponibilità o della qualità dei servizi di accesso ad internet" offerti a altre società o servizi.


I deputati hanno abbreviato la lista dei casi "eccezionali", rispetto alla proposta della Commissione europea, in cui i fornitori avrebbero ancora avuto il diritto di bloccare o rallentare la connessione internet. I deputati hanno detto che queste pratiche dovrebbero essere permesse solo per applicare l'ordinanza di un tribunale, per preservare la sicurezza della rete o prevenire la congestione temporanea della rete. Se si utilizzano tali "misure di gestione del traffico", queste devono essere "trasparenti, non discriminatorie e proporzionate" e "sono mantenute per il tempo strettamente necessario", hanno aggiunto.


I deputati sottolineano che l'acceso a internet dovrebbe essere fornito in conformità con il principio di "neutralità della rete", che significa che tutto il traffico Internet deve essere trattato allo stesso modo, senza discriminazioni, limitazioni o interferenze, indipendentemente da mittente, destinatario, tipo di servizio, contenuto, dispositivo, servizio o applicazione.


Fine dei costi del "roaming" nel 2015

 

I deputati hanno anche modificato il testo per abolire i costi del "roaming" (costi aggiuntivi per l'utilizzo di un telefono cellulare per chiamare, inviare messaggi di testo o accedere a internet in un altro paese dell'UE) in tutta l'UE dal 15 dicembre 2015. I deputati hanno aggiunto che nel caso di uso abusivo dei servizi di roaming, tuttavia, potrebbero eccezionalmente essere imposti costi ridotti.


Prossime tappe

 

Il Parlamento ha votato in prima lettura il progetto di legge per consolidare il lavoro svolto finora e trasmetterlo al prossimo Parlamento. Ciò assicura che i deputati neoeletti a maggio potranno decidere di continuare il lavoro svolto in questa legislatura.


Procedura: co-decisione (procedura legislativa ordinaria), prima lettura

RIF. : 20140331IPR41232
 
 
Contatti