Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")

OGM: tutto quello che c'è da sapere

Altro Articolo - Sicurezza alimentare27-10-2015 - 17:50
 
infographic illustration   Mais transgenico e soia. Quali sono i numeri degli OGM in Europa?

In Europa l'utilizzo di organismi geneticamente modificati (OGM) è sottoposto a regole molto rigorose e procedure di autorizzazione complesse per la loro coltivazione e commercializzazione. Da aprile 2015, i paesi possono decidere se consentire la coltivazione di OGM sul loro territorio. Tuttavia, per quanto riguarda la commercializzazione, il Parlamento ha votato contro i divieti nazionali il 28 ottobre.


1. Cos'è un OGM?

OGM significa "organismo geneticamente modificato". Sono organismi il cui materiale genetico è stato modificato artificialmente: per esempio, la resistenza di una pianta ad una malattia, un insetto o alla siccità, o ancora un aumento della produttività.

2. Quali sono le principali colture OGM?


Il mais, il cotone, la soia, la colza e la barbabietola da zucchero.

3. Gli OGM sono autorizzati nell'Unione europea?

È necessaria una autorizzazione preventiva e una valutazione scientifica del rischio sia per la coltivazione e che la commercializzazione degli OGM importati.


Il mais MON 810 è un OGM autorizzato dal 1998,  la cui autorizzazione è attualmente in attesa di rinnovo. Nel 2013 è stato per lo più coltivato in Spagna (e marginalmente in altri quattro paesi europei: Portogallo, Repubblica Ceca, Romania e Slovacchia. Al momento ci sono 8 domande in attesa di autorizzazione, tra cui il rinnovo del mais MON 810.

Per quanto riguarda l'importazione da paesi terzi, esistono 58 OGM attualmente autorizzati nell'Unione europea per il consumo di alimenti e mangimi . Comprendono mais, cotone, soia, colza, barbabietola da zucchero.
Altri 58 sono in attesa di autorizzazione.

4. I cittadini dell'UE stanno già consumando gli OGM? Come lo possiamo sapere?

La maggior parte degli OGM autorizzati nell'UE sono destinati ai mangimi per gli animali d'allevamento ma alcuni alimenti importati possono contenerne alcuni.


Il sistema di etichettatura alimentare dell'UE impone alle aziende di indicare se gli alimenti o i mangimi che producono contengono OGM (quando la presenza è al di sopra di 0,9% del prodotto).

Inoltre, le aziende possono anche, ma senza obbligo, indicare sulle etichette se un alimento o mangime non contiene OGM.

5. Chi autorizza gli OGM nell'UE?


Per la coltivazione l'autorizzazione è stabilita a livello europeo. Tuttavia i paesi hanno l'ultima parola. Dal mese di aprile 2015, con la nuova direttiva UE, i paesi possono decidere di vietare la coltivazione sul loro territorio in qualsiasi momento (durante la procedura di autorizzazione o anche dopo). Per rendere più facile agli Stati membri il divieto alla coltivazione, la giustificazione può essere legata a una vasta gamma di motivi e non, come era il caso fino ad ora, esclusivamente per i rischi per la salute o per l'ambiente.

Per ciò che riguarda la commercializzazione, la Commissione proponeva lo stesso approccio della coltivazione: dare ai paesi l'ultima parola. Tuttavia, il Parlamento europeo ha considerato il 28 ottobre che la proposta potrebbe rivelarsi impraticabile e portare alla reintroduzione dei controlli alle frontiere tra i paesi pro e anti-OGM, affossando il mercato interno. Quindi la proposta della Commissione è stata respinta (577 voti a favore, 75 contro, 38 astensioni).

6. Che cosa accadrà alla commercializzazione di OGM all'interno dell'Unione europea, ora che il Parlamento ha respinto la proposta della Commissione?

Dopo che la plenaria ha respinto la proposta della Commissione il 28 ottobre, gli Stati membri dovranno decidere se continuare le negoziazioni per permettere il divieto sulla commercializzazione a livello nazionale o mantenere le attuali norme in vigore: una maggioranza degli Stati membri potrebbe votare l'autorizzazione o il divieto della commercializzazione in tutta l'UE. Se non ci sarà la maggioranza per entrambe le opzioni, la decisione dovrà essere presa dalla Commissione.

RIF. : 20151013STO97392
Aggiornato il: ( 28-10-2015 - 14:53)