Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")

Dibattito sulla Presidenza olandese del Consiglio: le aspettative dei deputati

Tornata Articolo - Istituzioni20-01-2016 - 06:00
 
Image of the logo of The Netherlands EU Presidency 2016   Il logo della Presidenza olandese.

Questa mattina, i deputati discuteranno le priorità della Presidenza olandese del Consiglio con il premier Mark Rutte e il Presidente della Commissione Jean-Claude Juncker. Le priorità? La promozione della crescita economica e le relazioni con la società civile. In dicembre abbiamo chiesto ai deputati olandesi quali sono le lore aspettative.


Esther de Lange - PPE
La Presidenza olandese si confronta ad un momento molto difficile. L'Unione europea è minacciata dalla crisi e dall'instabilità sia internamente che esternamente. Pertanto ci aspettiamo che la Presidenza olandese faccia tutto il possibile per garantire l'unità e la coesione dell'Europa. La cosa più importante sarà quella di iniziare a lavorare su un controllo comune delle frontiere di terra e marittime. Se l'Europa non riuscirà a ridurre l'afflusso di rifugiati per motivi economici, verrà meno il supporto locale per i profughi di guerra, che hanno davvero bisogno del nostro aiuto. I cittadini europei si attendono risultati concreti per le grandi questioni del nostro tempo.


Paul Tang - S&D

Tutti i nostri problemi hanno una cosa in comune: che si tratti della crisi dei rifugiati o la lotta all'evasione fiscale da parte delle imprese, possiamo vincere solo unendo le forze a livello europeo. La paura regna ancora troppo: ci affidiamo ai nostri interessi nazionali e ne usciamo tutti vinti. Al momento osserviamo come il problema delle migrazioni divida l'Europa. La gente parla di chiudere le frontiere. E questo non sarebbe un passo avanti. Quest'anno mi aspetto che i Paesi Bassi attirino l'attenzione degli Stati membri su interessi condivisi e valori comuni. Parole, ma soprattutto azioni.


Peter van Dalen - ECR
I Paesi Bassi saranno una presidenza forte. Le regole esistenti e quelle nuove dovranno essere applicate in tutta l'UE. È essenziale trovare un'applicazione uguale per il trasporto su strada, la pesca, l'euro, Schengen, banche e molto altro. Un Brexit sarebbe un disastro sia per l'UE che per i Paesi Bassi, che dovranno fare tutto il possibile per evitare che il Regno Unito, un buon alleato, lasci l'Unione europea. Nel valutare l'accordo commerciale tra UE e Pakistan, i Paesi Bassi dovranno garantire la tutela dei diritti delle minoranze (religiose). E anche l'abuso di legge sulla blasfemia deve finire.


Hans van Baalen - ALDE
La Presidenza olandese si concentrerà sul rafforzamento del mercato interno e del commercio internazionale. TTIP è di vitale importanza. La crescita economica è l'unica soluzione a molti problemi nella UE. Inoltre, la presidenza olandese dovrà lavorare sulla crisi dei profughi, le sfide che la zona Schengen, relazioni UE-Russia e all'indomani della MH17-catastrofe, una possibile Brexit e la lotta contro IS / Daesh dentro e fuori la Siria. Il controllo efficace delle frontiere europee è essenziale per la sicurezza interna ed esterna dell'Unione europea al fine di combattere l'immigrazione clandestina e gestire crisi dei rifugiati.


Anja Hazekamp - GUE / NGL
Mi aspetto che i Paesi Bassi si impegnino fermamente per un pianeta vivibile. Ciò include l'attenzione verso gli animali, la natura e l'ambiente. La durate del trasporto di animali dovrebbe essere ridotto drasticamente. Inoltre, bisognerebbe ridurre la pesca, mantenendo le regole di conservazione della natura e il divieto di sostanze ormonali. In questi tempi di crisi, ci aspettiamo che i Paesi Bassi ricordino i valori della tolleranza, la compassione e la sostenibilità. Privacy e libertà devono essere protette e non possono essere sacrificate con il pretesto di combattere il terrorismo.


Bas Eickhout - Verdi / ALE
La presidenza dei Paesi Bassi offre l'opportunità di presentarsi come un paese leader. I Paesi Bassi possono contribuire a migliorare l'approccio europeo alla crisi dei rifugiati, il cambiamento climatico, l'evasione fiscale e altre sfide importanti dove il progresso finora è stato molto lento. Nonostante ciò, i Paesi Bassi sono rimasti indietro sul tema dell'energia rinnovabile, mostra poca generosità con i rifugiati ed è conosciuto come un paradiso fiscale. La presidenza dell'Unione europea è una grande opportunità per cambiare rapidamente direzione.


Marcel de Graaff - ENF
Non mi aspetto nulla dalla presidenza olandese. Questo governo è un disastro per i Paesi Bassi, ma bravo a seguire gli ordini di Bruxelles. Rutte ballerà sulla musica di Juncker continuando a distruggere l'Olanda. Un governo che rappresenta gli interessi dei Paesi Bassi avrebbe già chiuso il confine e rinchiuso i cittadini olandesi di ritorno dalla Siria. Dobbiamo uscire dall'UE, dall'euro e assolutamente della zona Schengen. Questo non accadrà durante la presidenza di Rutte. Una vergogna!


Ci sono otto gruppi del Parlamento Europeo. Il gruppo dell'Europa della Libertà e Democrazia Diretta non ha membri olandesi, un motivo per cui questo gruppo non è incluso in questo articolo.

L'articolo è stato pubblicato per la prima volta il 5 gennaio.

RIF. : 20151211STO07038
Aggiornato il: ( 21-01-2016 - 11:04)