Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")

L'UE deve continuare ad aiutare la Libia

Tornata Comunicati stampa - Relazioni esterne04-02-2016 - 12:56
 

Dal dibattito di mercoledì con il ministro degli Affari esteri olandese, Bert Koenders, è emerso come la disgregazione economica e la violenza in Libia stiano permettendo alle organizzazioni estremiste di fiorire. Per i deputati le ripercussioni dei conflitti in Libia stanno destabilizzando anche la regione del Sahel.


In una risoluzione posta in votazione giovedì, il Parlamento chiede all'UE e alla comunità internazionale di prepararsi a sostenere gli sforzi dei libici nell'attuazione dell'Accordo politico libico.

Nel testo approvato con 478 voti favorevoli, 81 contrari e 81 astensioni, il Parlamento europeo accoglie con favore l'Accordo politico libico siglato il 17 dicembre 2015 e sostiene il governo d'intesa nazionale di recente formazione e le istituzioni nazionali che devono guidare la Libia verso una transizione post rivoluzionaria, riportandola sul cammino della costruzione di un Paese democratico, pacifico, stabile e prosperoso.


Impatto nella regione del Sahel e in Europa


I deputati esprimono preoccupazione circa le ripercussioni del conflitto libico sulla sicurezza in Egitto e, in modo particolare, in Tunisia, oltre che in Algeria e nei suoi giacimenti petroliferi e sottolineano il ruolo del conflitto libico nell'esacerbare l'estremismo in Tunisia. La crescente presenza di organizzazioni e di movimenti estremisti in Libia è altrettanto preoccupante e i deputati considerano questi gruppi come la principale minaccia alla stabilità e alla sicurezza dell'intera regione, come pure alla sicurezza dell'Europa.


Il Parlamento europeo chiede che l'UE e la comunità internazionale continuino a fornire assistenza umanitaria, finanziaria e politica per far fronte alla situazione umanitaria in Libia, alle difficoltà degli sfollati interni e dei rifugiati e a quelle dei civili che affrontano l'interruzione dell'accesso ai servizi di base.



Procedura: risoluzione non vincolante

RIF. : 20160129IPR11939
 
 
Contatti