Accesso diretto alla navigazione principale (Premi "Invio")
Accesso ai contenuti della pagina (premere "Invio")
Accesso diretto all'elenco degli altri siti web (Premi "Invio")

Responsabilità democratica: essenziale per una governance economica UE di successo

Altro Articolo - Istituzioni / Affari economici e monetari16-02-2016 - 09:00
 
Streaming photo - Live from the EP   In diretta alle ore 10.

Quanti soldi dovrebbe sborsare un paese per dei sistemi sanitari e pensionistici efficienti? Ogni anno i parlamenti nazionali stabiliscono questa cifra attraverso il budget. Tuttavia, le loro decisioni devono essere in linea con gli impegni di bilancio del paese adottati a livello UE nel quadro del semestre europeo. Il 16 febbraio, i deputati e i loro omologhi negli Stati membri si concentreranno sul semestre 2015/2016 e sui modi per migliorare la responsabilità democratica del processo.


Il presidente Martin Schulz, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk e il presidente della Commissione Juncker interverranno all'inizio della sessione plenaria.

Segui in diretta il 16 febbraio alle ore 10 e alle 11:30.

La settimana parlamentare europea continuerà il 17 febbraio con una conferenza interparlamentare sulla stabilità, sul coordinamento e sulla governance economica nell'Unione europea.

Seguire in diretta il 17 febbraio alle ore 9.00, 10:30 e 14:30.


Per l'Italia parteciperanno i deputati Francesco Boccia, Francesco Cariello, Antonella Incerti, Massimiliano Eleonori, Maria Schininà, Maria Spilabotte, Paolo Guerrieri Paletotti, Gloria Abagnale, Beatrice Gianani, Cesare Pagotto.


Un ruolo consultivo per il Parlamento


La Commissione pubblica l'analisi annuale della crescita. Questa è fondamentalmente una previsione di crescita, che stabilisce un quadro per valutare i piani di bilancio degli Stati membri (forte crescita, più profitto; crescita più debole, meno profitto).

La commissione per gli Affari economici si riunirà il 18 febbraio per votare il suo parere sull'analisi annuale della crescita.

L'analisi annuale della crescita indica anche i paesi a rischio e stabilisce le priorità generali e le raccomandazioni specifiche per paese. Una volta adottate a livello europeo, gli Stati membri devono includerle nei loro bilanci nazionali. Tuttavia, le raccomandazioni possono avere implicazioni importanti sulla fiscalità dei paesi, il mercato del lavoro, i sussidi di disoccupazione e le pensioni.

La Commissione chiama all'ordinare i governi che non rispettano i propri impegni sulla spesa pubblica. Secondo i dati della Commissione, il 6% (10 su 157) delle raccomandazioni ricevute nel 2014 sono state attuate interamente o sostanzialmente.

RIF. : 20160215STO14277
Aggiornato il: ( 15-02-2016 - 17:18)